La prima vittima di Netflix

| Un giovane indiano ha chiesto aiuto ai medici: per sei mesi ha chiuso i ponti con la realtà, dedicando tutto il suo tempo alle serie tivù

+ Miei preferiti
Alcuni esperti americani avevano lanciato l’allarme in tempi non sospetti: gli effetti della sovraesposizione da “Netflix” non sono molto diversi da quelli di alcune sostanze stupefacenti. In gergo si chiama “Binge Watching”, ed è la compulsiva tendenza che spinge a dedicare sempre più tempo a serie tivù che possono essere seguite sempre e dovunque, su qualsiasi tipo di dispositivo. Un vero tunnel capace di creare dipendenze che fino a poco tempo fa si pensava sarebbero arrivate in u  futuro prossimo.

Ma in realtà, un precedente c’è già: nei giorni scorsi, un 26enne indiano si è rivolto allo “Shut” (Service for Healthy Use of Technology), dipartimento del “National Institute of Mental Health and Neurosciences” di Bangalore, nello stato del Karnataka, in India. L’uomo ha chiesto aiuto all’equipe medica, raccontando di aver raggiunto uno stadio di dipendenza da Netflix ormai da livelli allarmanti: disoccupato, per più di sei mesi è caduto nella ragnatela del canale che distribuisce online film e serie tivù, tagliando fuori ogni contatto con la realtà.

Niente più amici, fidanzate e ricerca di lavoro: solo e soltanto abbuffate di serie, in preda ad una voracità che pretendeva sempre più tempo.

Manoj Kumar Sharma, lo psicologo a capo della clinica, ha parlato di un’esposizione che difficilmente scendeva a meno di sette ore al giorno, capace di fargli dimenticare i problemi e ritrovare piacere e serenità. A lungo andare, la dipendenza da Netflix gli ha causato problemi al ritmo del sonno, affaticamento della vista e un diffuso senso di spossatezza.

Netflix è un’idea di Reed Hastings e Marc Randolph nata nel 1997 a Scotts Valley, in California. Nel 2013 ha ampliato l’offerta con produzioni originali per il cinema e la televisione. Attualmente è accessibile in tutto il mondo, ad eccezione di Cina, Corea del Nord e Siria.

Salute
Il mistero dei bimbi nati senza braccia o mani
Il mistero dei bimbi nati senza braccia o mani
Dal 2009 al 2014 nel paese di Druillat sono nati sette bambini con deformazioni simili. Le madri vivevano nel raggio di 17 chilometri in mezzo a campi di mais e girasole. Indagini in corso
"Noi ustionati, tra amore e discriminazione"
"Noi ustionati, tra amore e discriminazione"
La coraggiosa e commovente storia di Sara, ustionata in modo grave a 15 anni, poi il lento ritorno a una vita normale. Gli atroci commenti della gente di fronte alle cicatrici delle ustioni. E gli angeli in camice bianco
La “fitness routine” di Mark Wahlberg
La “fitness routine” di Mark Wahlberg
Si alza nel cuore della notte per iniziare gli allenamenti: gioca a golf, si sottopone a crioterapia, cena con la famiglia e va a dormire prima che faccia buio. Alla faccia della bella vita delle star
Legionella, 29enne è grave
Legionella, 29enne è grave
Oltre 140 casi in Lombardia, il batterio si nasconde nelle acque. Tra le misure precauzionali, la manutenzione degli impianti idrici casalinghi. Gli esperti
Si mangia le unghie, le amputano il dito
Si mangia le unghie, le amputano il dito
Courtney, 20 anni, è riuscita a infliggersi delle ferite così profonde al pollice da scatenare una forma aggressiva di tumore. I medici sono stati costretti a intervenire in modo drastico
La donna che non può più piangere
La donna che non può più piangere
50 anni, si sottopone ad un intervento per asportare un tumore al cervello, ma il medico le toglie la ghiandola lacrimale
Dopo il West Nile, ecco il Dengue
Dopo il West Nile, ecco il Dengue
Un caso della grave infezione nell'Udinese, una persona in ospedale dopo la puntura di una zanzara. Il Dengue è diffuso in India può generare febbri emorragiche. Ancora in cura i malati di West Nile in Sardegna
La dieta che uccide, pericolo sul web
La dieta che uccide, pericolo sul web
Ancora in vendita on line pillole dimagranti a base di Dnp, un veleno che converte l'energia solo in calore. In Inghilterra condannato per la prima volta un pusher. Storia di una sua vittima, aveva 21 anni
Cellule addestrate per battere i tumori
Cellule addestrate per battere i tumori
Anche in Europa la "Car T", il nuovo ciclo di terapie per battere leucemia e linfoma, sia pediatrici che per adulti. Progetti per estendere i protocolli ad altri tipi di tumore
Se aveste un figlio malato, fareste pagare meno i farmaci"
Se aveste un figlio malato, fareste pagare meno i farmaci"
Un bimbo di 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto una lettera alla Vertex Pharmaceuticals per chiedere all'azienda di abbassare i costi dei farmaci necessari a contrastarla: "Per favore vendetela anche in Inghilterra"