Molinette, un solo donatore salva nove pazienti

| Maratona operatoria nelle sale chirurgiche, catena di interventi coordinati dal Centro Regionale Trapinati

+ Miei preferiti
Un nuovo record per i trapianti della Città della Salute di Torino. Ieri mattina in poche ore un solo donatore ha salvato ben 9 persone. E' stata una vera e propria maratona chirurgica su più sale operatorie con ben cinque trapianti di questi effettuati presso l'ospedale Molinette ( senza dimenticare un sesto di fegato da un altro donatore). Un evento più unico che raro. Addirittura l'équipe di Cardiochirurgia si è divisa e coordinata contemporaneamente su tre sale operatorie limitrofe per trapiantare due polmoni ed un cuore su tre persone diverse. 

Quando si sviluppa un processo di donazione di organi o tessuti da un donatore deceduto, solitamente a beneficiarne sono 2 pazienti che ricevono i reni ed un paziente che riceve il fegato. Più raramente a questi organi trapiantati si aggiungono il cuore ed i polmoni. 

Quanto è capitato ieri è davvero particolare: da un soggetto deceduto sono stati prelevati organi di cui hanno beneficiato ben 9 riceventi di trapianto. Com'è possibile? Se per i reni è ovvio che possono beneficiarne 2 pazienti, com'è possibile per gli altri organi? In realtà anche per i polmoni, si può procedere al trapianto del polmone destro in un primo ricevente e di quello sinistro ad un secondo ricevente. E' poi possibile separare il fegato in 2 parti, una più piccola (il lobo sinistro) a favore di un bambino, e la restante parte ad un adulto. Che tutte queste opzioni capitino insieme è davvero unico. Ma è successo ieri, quando al Centro Regionale Trapianti della Regione Piemonte (coordinato dal professor Antonio Amoroso) è stato segnalato dal centro di rianimazione dell'ospedale della Carità di Novara il decesso -  a causa di una emorragia cerebrale - di una donna di 48 anni, di cui i familiari avevano testimoniato la volontà di donare gli organi.

Così da questo atto di generosità si sono intrecciati i destini di tanti pazienti in attesa di trapianto, di sesso ed età differenti, di regioni ed origini diverse, tutti accomunati dalla necessità di ricevere in dono un trapianto per poter continuare a vivere (è il caso dei trapianti di cuore, fegato e polmone) o per poter vivere con una prospettiva ed una qualità di vita migliore (come nel caso dei trapianti di rene e di cornea). Così persone diverse si sono ritrovate assieme in un destino comune:  

  • Per il cuore: a beneficiare del trapianto è stata una donna di 41 anni piemontese, in attesa di trapianto a  causa di una cardiopatia restrittiva.
  • Polmone sinistro: un maschio di 62 anni della Sardegna, affetto da fibrosi polmonare 
  • Polmone destro: una donna di 54 anni della Sardegna, affetta da bronco-pneumopatia  polmonare cronica ostruttiva (BPCO) 
  • Fegato sinistro: è stato trapiantato su un bambino, presso l'ospedale di Bergamo 
  • Fegato destro: un maschio di 67 anni della Campania, con una cirrosi epatica
  • Rene sinistro: una donna di 47 anni nata in Nigeria e residente in Piemonte, in dialisi a causa di una nefrosclerosi ipertensiva
  • Rene destro: un maschio di 47 anni della Sicilia, che ha ricevuto un secondo trapianto di rene in seguito alla perdita di funzione di un precedente trapianto, presso l'ospedale di Novara 
  • Cornee: le 2 cornee sono state avviate alla Banca delle cornee, che provvederà a valutarne l'idoneità e ad assegnarle a 2 pazienti in attesa di trapianto.
Tutti i trapianti sono stati effettuati presso le sale chirurgiche dell'ospedale Molinette della Città della Salute di Torino (con un notevole sforzo organizzativo e di personale per poter eseguire tutti questi trapianti possibilmente in contemporanea), ad eccezione del lobo sinistro di fegato trapiantato nel centro trapianti epatici dell'ospedale di Bergamo ed il rene destro nel Centro trapianti di rene dell'ospedale di Novara. 

E come se non bastasse in contemporanea l'équipe dei trapianti di fegato ha eseguito un prelievo di fegato ad un donatore di 83 anni deceduto a Perugia per trapiantarlo a Torino su un ricevente piemontese di 57 anni, affetto da cirrosi epatica. 

 

 

 

 



Salute
Lorenzo malato, raccolta web da 500mila euro
Lorenzo malato, raccolta web da 500mila euro
In pochi giorni il grande cuore della rete consentirà al medico di Ancona Lorenzo Farinelli, 34 anni di andare negli Usa per sottoporsi a una nuova terapia contro il cancro. "Se non ce la farò, soldi alla ricerca"
"Mio figlio è morto, aveva diritto di curarsi"
"Mio figlio è morto, aveva diritto di curarsi"
CANCRO 1/Drammatica denuncia del papà di un ragazzo morto di cancro a 15anni. Nel Sud strutture inadeguate per i malati oncologici. Il post di Luigi su Facebook è diventato virale. "Ora lotterò in tuo nome per gli altri"
Eleonora morì di leucemia, genitori a giudizio
Eleonora morì di leucemia, genitori a giudizio
CANCRO 2/La loro figlia 16enne morì di cancro nonostante avesse possibilità di guarire con la chemioterapia. Ma madre e padre la ricoverarono in una clinica dove fu curata con vitamine e cortisone secondo il metodo Hamer
No Vax, pericoloso inganno sulla meningite
No Vax, pericoloso inganno sulla meningite
Il governo giallo-verde non prevede fra le vaccinazioni obbligatorie quelle sulla meningite. "Molte morti sarebbero state evitate con una vaccinazione più incisiva", afferma la Simit. "Le raccomandazioni non bastano"
Morto l'uomo più anziano del mondo
Morto l
Un giapponese di 113 anni, era lucido e apprezzava ancora lo sport e i dolci. La nipote: "Una grande perdita, ieri leggeva i giornali ed era di buon umore". La moglie morta nel 1992. Classe 1905, dirigeva uno stabilimento termale
Vaccinazioni in calo, 35 morti per il morbillo
Vaccinazioni in calo, 35 morti per il morbillo
Epidemia in corso in tutta Europa, 35 morti di cui 7 in Italia. Casi in continuo aumento, ora anche in Polonia e Portogallo. In Italia si sono ammalate 2.548 persone, di cui molti adulti
Si tinge i capelli, rischia di morire
Si tinge i capelli, rischia di morire
Estelle, una giovane francese, ha acquistato una confezione di colorante per capelli in un supermercato: la reazione del suo corpo è stata devastante. Totalmente sfigurata, ha rischiato di morire soffocata
Ebola, in Congo è già strage
Ebola, in Congo è già strage
Dal 1 agosto 421 morti, gli ultimi 19 nelle ultime ore. L'epidemia si av estendendo dalla parte orientale del Paese verso le regioni centrali. Allarme Onu
Usa, due nuovi farmaci anti-tumore
Usa, due nuovi farmaci anti-tumore
La FDA consente la vendita di Xospata e Vitravki, che attaccano la malattia partendo dai £segnalatori" tumorali. Possono essere impiegati quando sono sconsigliabili gli interventi chirurgici
"Ho creato i primi umani geneticamente modificati"
"Ho creato i primi umani geneticamente modificati"
Lo rivela uno scienziato cinese (con un collega Usa al fianco): sostiene di aver modificato il Dna di due gemelle per proteggerle in futuro da infezioni da HIV. Non ci sono conferme ufficiali. Gravi problemi etici