Si tinge i capelli, rischia di morire

| Estelle, una giovane francese, ha acquistato una confezione di colorante per capelli in un supermercato: la reazione del suo corpo è stata devastante. Totalmente sfigurata, ha rischiato di morire soffocata

+ Miei preferiti
Estelle ha 19 anni, e come capita a milioni di sue coetanee, ha deciso di cambiare il colore dei capelli. Ma ha letteralmente rischiato di morire, perché non sapeva che una sostanza altamente allergenica è presente in quasi tutte le tinte. Ora, la giovane francese sta bene, ma ha iniziato una battaglia per mettete in guardia tutti coloro che utilizzano questo genere di prodotti.

Il ricordo dei suoi giorni di dolore si intravede ancora sui lineamenti, leggermente gonfi: “Vedete i contorni del mio viso? - dice sollevando i suoi capelli scuri - non mi è rimasto quasi nulla, lentamente sto tornando ad essere io”. Fino a qualche giorno fa, la giovane studentessa era irriconoscibile, sfigurata dopo una semplice colorazione dei capelli di una famosa marca, acquistata in un supermercato.

“Mi sono gonfiata di colpo, e non riuscivo quasi a respirare”, racconta mostrando le foto scattate con il suo smartphone e pubblicate su Facebook, perché siano di aiuto agli altri. Sotto accusa è la para-fenilendiammina, un prodotto altamente allergenico presente nel 90% dei coloranti disponibili in commercio. In realtà, Estelle aveva già avuto una piccola reazione al test consigliato sulla confezione, da applicare ad una piccola parte per evitare reazioni allergiche improvvise e pericolose. Lei, per fare in fretta, ha aspettato solo 30 minuti contro le 48 ore raccomandate nelle istruzioni.

“Ho fatto un errore e voglio dirlo agli altri: non fate come me”, dice. “Ma anche gli avvertimenti dovrebbero essere più chiari: chi può leggerli?”, esclama la mamma, mostrando la piccola scritta sulla confezione.

Tutto è accaduto una decina di dieci giorni fa, un venerdì: poche ore dopo aver cambiato il colore dei capelli da biondo a marrone, il cuoio capelluto ha iniziato a prudere, la parte superiore del cranio a gonfiarsi. Sembrava ancora un problema risolvibile: una farmacista le prescrive degli antistaminici e una crema lenitiva. La domenica mattina, Estelle si sveglia e lo spettacolo allo specchio è allucinante: la testa è diventata un’enorme vescica.

Sygrid, la mamma, si precipita con la figlia al pronto soccorso, dove Estelle viene immediatamente curata: gli operatori sanitari sono ben consapevoli delle allergie alla para-fenilendiammina, sostanza della famiglia del benzene, usata per trattenere il colore sui capelli.

“Ci hanno detto di essere abituati, il mio non era il primo caso”, dice Estelle. La sua circonferenza della testa era di 63 cm rispetto ai 56 di prima: dopo massicce dosi di corticosteroidi e antistaminici, la studentessa è tornata a casa, ma l’edema continuava ad aumentare: “Mi sentivo come se avessi avuto la testa in un barattolo”.

Insieme alla mamma, la ragazza torna al pronto soccorso: “Ci è stato detto che sarebbe sparito ogni effetto nel giro di poco”, ma non convinte, si dirigono verso l’ospedale Mondor di Créteil. “In macchina, Estelle sente la gola stringersi: la lingua si gonfiando, il cuore accelerava e faticava a respirare. I medici le hanno praticato un’iniezione di adrenalina, tenendola sveglia per tutta la notte”. Il giorno dopo, Estelle era fuori pericolo.

Da quando la sua storia ha fatto il giro dei social network, in tanti hanno scritto a Estelle, compresi molti parrucchieri che dicono “Ecco perché è importante farsi fare la colorazione da un professionista e non in casa”. Eppure, l’Agenzia francese del farmaco non registra un aumento dei casi di allergia, anche se in una nota precisa che “La normativa europea è stata rivista nel 2013”, limitando la concentrazione di para-fenilendiammina nei coloranti.

“La para-fenilendiammina è conosciuta da molto tempo”, assicura la dottoressa Catherine Oliveres-Ghouti, membro dell’Unione Nazionale dei Dermatologi. Dal 2 al 3% della popolazione è allergica e oggi una persona su due si tinge i capelli. “Nel mio studio, vedo ogni anno una quindicina di persone che arrivano totalmente sfigurate, ma i casi estremi come quello di Estelle rimangono rari”.

Le vittime principali? I parrucchieri. Quando diventano allergici non c’è altra soluzione: devono solo cambiare lavoro, è una malattia professionale. “La para-fenilendiammina si trova anche in abiti scuri come jeans e tatuaggi all’henné che si praticano in spiaggia: abbiamo lanciato un sacco di avvertimenti, per mettere in guardia la popolazione” avverte il dermatologo.

Galleria fotografica
Si tinge i capelli, rischia di morire - immagine 1
Si tinge i capelli, rischia di morire - immagine 2
Salute
Ebola, in Congo è già strage
Ebola, in Congo è già strage
Dal 1 agosto 421 morti, gli ultimi 19 nelle ultime ore. L'epidemia si av estendendo dalla parte orientale del Paese verso le regioni centrali. Allarme Onu
Usa, due nuovi farmaci anti-tumore
Usa, due nuovi farmaci anti-tumore
La FDA consente la vendita di Xospata e Vitravki, che attaccano la malattia partendo dai £segnalatori" tumorali. Possono essere impiegati quando sono sconsigliabili gli interventi chirurgici
"Ho creato i primi umani geneticamente modificati"
"Ho creato i primi umani geneticamente modificati"
Lo rivela uno scienziato cinese (con un collega Usa al fianco): sostiene di aver modificato il Dna di due gemelle per proteggerle in futuro da infezioni da HIV. Non ci sono conferme ufficiali. Gravi problemi etici
Coppie in crisi, la separazione è (sempre) un dramma
Coppie in crisi, la separazione è (sempre) un dramma
Gli esperti alle prese con coniugi prossimi a dividersi. La psicologa: "Trovare una sintesi tra soluzione e separazione ma prima l'analisi delle cause del conflitto"
Da 23 anni al fast-food
Da 23 anni al fast-food
Non è una condanna, ma la storia di una coppia di anziani inglesi che da oltre due decenni non ha mai perso la sosta quotidiana nel loro McDonald’s preferito
"Vi imploro, vaccinate i vostri bambini"
"Vi imploro, vaccinate i vostri bambini"
Il drammatico appello di una coppia di medici Usa, il loro figlio di 4 anni è morto per un'influenza 10 giorni prima di ricevere il vaccino. Leon è uno dei 185 bimbi Usa uccisi dal virus. Dati in drammatico aumento
Trapianto possibile per il piccolo Alex
Trapianto possibile per il piccolo Alex
Il bimbo italo-inglese ricoverato a Londra per una rara malattia genetica. Trovato un profilo compatibile a Bologna. La Banca dei tessuti pronta a inviarlo in ospedale, "ma solo se i medici lo riterranno opportuno"
Monsanto, colpevole ma risarcimento ridotto
Monsanto, colpevole ma risarcimento ridotto
Il ricorso della multinazionale per l'uso del glifosato negli erbicidi respinto dal Tribunale californiano. Confermata la condanna ma da 289 si passa a 39 milioni di dollari. Bayer crolla in borsa
La prima vittima di Netflix
La prima vittima di Netflix
Un giovane indiano ha chiesto aiuto ai medici: per sei mesi ha chiuso i ponti con la realtà, dedicando tutto il suo tempo alle serie tivù
Il mistero dei bimbi nati senza braccia o mani
Il mistero dei bimbi nati senza braccia o mani
Dal 2009 al 2014 nel paese di Druillat sono nati sette bambini con deformazioni simili. Le madri vivevano nel raggio di 17 chilometri in mezzo a campi di mais e girasole. Indagini in corso