Vitamine musicali e cellule jazz

| Sant'Anna: a favore delle donne, oltre 60 artisti jazz da ora sino all'aprile 2018. Concerti in ospedale

+ Miei preferiti
La Comunità Jazz di Torino si offre al progetto "Vitamine musicali", ideato e varato all'ospedale Sant'Anna della Città della Salute di Torino dalla Fondazione Medicina a Misura di Donna Onlus, in collaborazione con l'AVO - Associazione Volontari Ospedalieri. Si arricchisce così di Jazz la densa programmazione autunnale della musica dal vivo in ospedale, in alleanza della cura al day hospital oncologico, nei reparti maternità e nei luoghi di attesa o transito. Un'operazione richiesta dal personale sanitario. Trentacinque artisti jazz scendono in campo entro fine anno, portando a quasi 100 gli appuntamenti 2017 del progetto "Vitamine musicali", realizzati da 100 musicisti provenienti con una rete di dodici Istituzioni culturali, attraversando i generi, i linguaggi e le epoche. Altrettanti artisti jazz stanno già collaborando alla programmazione 2018. Presentazione il 23 ottobre alle ore 11,30 presso l'Aula Dellepiane, Via Ventimiglia 3, ospedale Sant'Anna. Apre la programmazione, il giorno della presentazione, il Varaldo-Taufic-Silveira Trio. 

***Le persone hanno una naturale inclinazione a stare insieme.



E' un sentimento di biofilia.(…)

E hanno una naturale inclinazione all'ascolto e all'espressione musicale.

Oliver Sacks-neurologo-Musicofilia

Torino. Un invito alla Comunità degli Artisti Jazz di Torino da parte di Raimondo Cesa, regista teatrale ed esperto in arti performative, di salire a bordo del progetto varato a gennaio dalla Fondazione Medicina a Misura di Donna presso l'ospedale Sant'Anna, "Vitamine musicali", sta generando una adesione valoriale con mobilitazione collettiva, senza precedenti.

Oltre sessanta artisti jazz, con diverse formazioni, dall'autunno ai primi mesi del 2018, con la loro generosità amplieranno il programma di musica in ospedale, abbracciando l'ingresso, accompagnando le cure al day hospital oncologico, dando il benvenuto alle nuove vite (oltre 7000 ogni anno, da genitori provenienti da oltre 80 Paesi).

"Arriverà al Sant'Anna, a favore delle donne, il grande patrimonio della tradizione jazzistica del territorio, di umanità, che proviene dal dialogo di molte culture che creano l'inedito. Composizioni originali ed improvvisazioni, nelle quali le sonorità jazzistiche si alterneranno ad atmosfere mediterranee e sudamericane, con toni caldi e dolci, porteranno le menti verso altri immaginari, fuori dalle mura ospedaliere. Assisteremo ad una invasione pacifica di artisti che con il loro contributo confermano l'importanza di questa musica nella storia culturale della nostra città.

La musica è conversazione, comunicazione in armonia. Il jazz in particolare è condivisione continua. Dall'interazione tra musicista e spettatore nascono le successive improvvisazioni. L'emozione è fondamentale, in questo comune sentire non si è mai soli, la tensione costruttiva insieme al pubblico porta alla creazione musicale che si schiude a tutte le contaminazioni.

Chi suona crede nella possibilità di comunicare qualcosa di reale, quando questo succede viene favorita una relazione significativa. Vengono aperti nuovi canali di comunicazione non verbale, avviene una sinergia, un processo di sintonizzazione che tende a stimolare risposte fisiche e psicologiche", afferma Cesa, in rappresentanza dei numerosi prestigiosi nomi coinvolti, presentando il progetto con il Varaldo-Taufic-Silveira Trio.

La professoressa Chiara Benedetto, Presidente della Fondazione Medicina a Misura di Donna e Direttore della Ginecologia e Ostetricia 1 universitaria dell'ospedale Sant'Anna, presentando con entusiasmo i nuovi partner, sottolinea il valore dell'esperienza in corso, "E' ormai dimostrato che un ambiente piacevole e rilassante contribuisce ad attenuare gli effetti negativi dello stress e ad accelerare i processi di guarigione. D'altra parte la "salute" è da intendersi non soltanto come assenza di malattia, ma come uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale. Ne vediamo gli effetti attraverso le trasformazioni avvenute grazie alle arti nei reparti e nei luoghi di attesa e transito dell'ospedale Sant'Anna". La musica dal vivo in ospedale è una risposta alle richieste del personale del day hospital oncologico che ben presto ha coinvolto altri reparti.

Dalle prime risultanze dell'osservazione in corso del progetto "Vitamine musicali", condotta dall'Università IULM di Milano, con il coordinamento del professor Pier Luigi Sacco, economista della cultura, emergono universali apprezzamenti delle pazienti, delle loro famiglie e del personale, che incidono potenzialmente in modo positivo sulle relazioni, sul tono emozionale e sul clima di cura. "Attendiamo gli appuntamenti con curiosità e meraviglia. Siamo ogni giorno parte di una lotta. La musica ci stimola. Ci ha aperto personalmente nuovi mondi. Le note rimangono nelle stanze, con le pazienti, anche dopo il saluto dei musicisti", affermano le infermiere intervistate, segnalando anche il cambiamento e la crescita del loro consumo culturale nel tempo libero.

Un rapporto biunivoco. Gli stessi musicisti coinvolti già nella fase pilota del progetto che ha preso avvio nel 2016, considerano che l'esperienza dell'esecuzione ad personam, lontana dalla pratica professionale quotidiana, genera un arricchimento personale che incide nella qualità performativa.

"Vitamine musicali" è parte del percorso di ricerca - azione lanciato dalla Fondazione nel 2010, sulla relazione virtuosa tra Cultura e Salute, curato da Catterina Seia, vice Presidente dell'Ente e di Fondazione Fitzcarraldo, che ha coinvolto oltre trenta istituzioni culturali, che studiano e creano progetti all'ospedale Sant'Anna per il ben-essere individuale e della collettività. "L'arte e la cultura sono state considerate generalmente nel nostro Paese come intrattenimento e quindi ricondotte ad una parte marginale delle esistenze. Oggi si sta prendendo coscienza della loro rilevanza per le politiche di welfare, come baluardi tra i più efficaci per sviluppare e mantenere in pristino le facoltà cognitive, per alimentare reti di socialità e consentire cittadinanza attiva". Lo ha ben compreso la rete che rende possibili le "Vitamine musicali", ad oggi completamente autofinanziate dai cantautori dell'Associazione Magica Torino con Ars Nova, i Cantanti del Teatro Regio ed i Maestri della Filarmonica, gli studenti del Conservatorio "Giuseppe Verdi", dai musicisti di Xenia Ensemble e di S. Pelagia, dalle energie del Festival Mito in Città e di Adotta un pianista, oltre a musicisti come Anton Mario Semolini e Mario Calisi. Lo sta comprendendo il mondo dell'Economia della Cultura che, per la prima volta, con l'omonima rivista edita da Il Mulino, ha dedicato uno speciale al rapporto tra Cultura e Salute, includendo tra i casi apri-pista il lavoro della Fondazione Medicina a Misura di Donna all'ospedale Sant'Anna.

Alla presentazione dell'entrata del mondo jazz torinese in ospedale interverranno Antonio Saitta - Assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Loredana Segreto – Direttore Generale dell'Università degli Studi di Torino, Riccardo Torta - Psico-oncologo dell'Azienda Sanitaria, Pier Luigi Sacco - Economista esperto in welfare culturale, Advisor del Commissario Europeo alla Cultura, Marco Basso - Giornalista e critico musicale, Raimondo Cesa - Curatore del programma. Note dei musicisti Alberto Varaldo - armonica, Roberto Taufic - chitarra, Gilson Silveira - percussioni. In allegato la programmazione autunnale.

Sarà presente anche l'avv. Gian Paolo Zanetta - Commissario Città della Salute di Torino, soddisfatto per aver compiuto: "Un ulteriore passo avanti verso la totale umanizzazione dei nostri ospedali. Nell'ottica della presa in carico dei pazienti, non solo dal punto di vista medico sanitario, ma soprattutto dal punto di vista della persona a 360°. Questo progetto vuole essere a sostegno delle nostre pazienti, affinché la loro quotidianità in ospedale non si trasformi in isolamento a causa della malattia, ma soprattutto diventi un sostegno per le loro famiglie in un momento di oggettiva difficoltà". 



Fondazione Medicina a Misura di Donna Onlus

Prof.ssa Chiara Benedetto – Presidente Fondazione Medicina a Misura di Donna. Direttore Struttura Complessa Universitaria Ginecologia e Ostetricia 1, Università di Torino, Presidio Ospedaliero S. Anna, Via Ventimiglia 3, 10126 Torino

info@medicinamisuradidonna.it www.medicinamisuradidonna.it

Dott.ssa Catterina Seia - Responsabile progetto "Cultura & Salute", co-founder e Vice Presidente Fondazione Fitzcarraldo e della Fondazione Medicina a Misura di Donna  cell. 348.3175060 catterina.seia@fitzcarraldo.it

 

Città della Salute e della Scienza

Ufficio stampa: Pierpaolo Berra cell. 335.1222559 e-mail: pberra@cittadellasalute.to.it

 

"Vitamine musicali" si colloca nell'inedito progetto di ricerca-azione "Cultura & Salute" che la Onlus ha varato nel 2010 con trenta le istituzioni culturali del territorio, curato da Catterina Seia, vice presidente della Fondazione Medicina a Misura di Donna e di Fondazione Fitzcarraldo. Tra le progettualità che si stanno muovendo oltre i confini dell'ospedale S. Anna, ricordiamo il Passaporto Culturale, con Palazzo Madama, consegnato dai medici alle famiglie dei nuovi nati come benvenuto che consente il libero accesso in museo come raccomandazione per una buona crescita fin dai primi passi, divenuto oggi un percorso di Abbonamento Musei per "musei family and kids friendly"; il "Cantiere dell'Arte" sviluppato con il Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli sta trasformando progressivamente il S. Anna secondo i desideri di chi lo anima: attraverso azioni di pittura collettiva ingressi, corridoi, sale d'attesa e reparti sembrano un giardino; le progettualità di artisti tra i quali Michelangelo Pistoletto che al S. Anna ha varato il "Re-birth day", la giornata della rinascita che si celebra ogni anno il 21 dicembre e Massimo Barzagli che, con un processo partecipato, dà il benvenuto all'ingresso e sta facendo fiorire un intero reparto.

Salute
"Noi ustionati, tra amore e discriminazione"
"Noi ustionati, tra amore e discriminazione"
La coraggiosa e commovente storia di Sara, ustionata in modo grave a 15 anni, poi il lento ritorno a una vita normale. Gli atroci commenti della gente di fronte alle cicatrici delle ustioni. E gli angeli in camice bianco
La “fitness routine” di Mark Wahlberg
La “fitness routine” di Mark Wahlberg
Si alza nel cuore della notte per iniziare gli allenamenti: gioca a golf, si sottopone a crioterapia, cena con la famiglia e va a dormire prima che faccia buio. Alla faccia della bella vita delle star
Legionella, 29enne è grave
Legionella, 29enne è grave
Oltre 140 casi in Lombardia, il batterio si nasconde nelle acque. Tra le misure precauzionali, la manutenzione degli impianti idrici casalinghi. Gli esperti
Si mangia le unghie, le amputano il dito
Si mangia le unghie, le amputano il dito
Courtney, 20 anni, è riuscita a infliggersi delle ferite così profonde al pollice da scatenare una forma aggressiva di tumore. I medici sono stati costretti a intervenire in modo drastico
La donna che non può più piangere
La donna che non può più piangere
50 anni, si sottopone ad un intervento per asportare un tumore al cervello, ma il medico le toglie la ghiandola lacrimale
Dopo il West Nile, ecco il Dengue
Dopo il West Nile, ecco il Dengue
Un caso della grave infezione nell'Udinese, una persona in ospedale dopo la puntura di una zanzara. Il Dengue è diffuso in India può generare febbri emorragiche. Ancora in cura i malati di West Nile in Sardegna
La dieta che uccide, pericolo sul web
La dieta che uccide, pericolo sul web
Ancora in vendita on line pillole dimagranti a base di Dnp, un veleno che converte l'energia solo in calore. In Inghilterra condannato per la prima volta un pusher. Storia di una sua vittima, aveva 21 anni
Cellule addestrate per battere i tumori
Cellule addestrate per battere i tumori
Anche in Europa la "Car T", il nuovo ciclo di terapie per battere leucemia e linfoma, sia pediatrici che per adulti. Progetti per estendere i protocolli ad altri tipi di tumore
Se aveste un figlio malato, fareste pagare meno i farmaci"
Se aveste un figlio malato, fareste pagare meno i farmaci"
Un bimbo di 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto una lettera alla Vertex Pharmaceuticals per chiedere all'azienda di abbassare i costi dei farmaci necessari a contrastarla: "Per favore vendetela anche in Inghilterra"
Vorrei la pelle bianca
Vorrei la pelle bianca
In Africa l'uso smodato di creme sbiancanti sta creando nuove patologie, coinvolte migliaia di persone, anche bambini. Una moda pericolosa e incontrollabile, nei farmaci non testati sostanze tossiche