Sanremo, TUTTI contro TUTTI

| Ultimo contro le giurie, i tweet di Salvini, Di Maio e Di Battisti che devono mettere becco ovunque, Baglioni che si sfila. Sul Festival, a giochi chiusi, si scatena l’inferno

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Quello che non era successo durante il Festival, blindato nei confini dei buoni sentimenti e di un clima primaverile fatto di amicizia e fiducia, va in scena subito dopo. La polemica la scatena Ultimo, che nella notte della finale, durante la conferenza stampa, se la prende con i giornalisti. Ha il piglio di chi, malgrado una carriera ancora tutta da scrivere, sia convinto di essere destinato alla leggenda. Finge di accettare il secondo posto, ma poi attacca a testa bassa quando scopre che il televoto aveva premiato lui, slittato al secondo posto per il peso dei voti delle giurie interne. E non ci sta: “Che abbia perso per colpa del voto della stampa e di quello di otto persone che con la musica c’entrano poco, è paradossale. Non fate votare la gente, non fategli spendere soldi, perché tanto poi il loro voto non serve a niente”.

Insieme alla Bertè, in segno di aperta protesta, Ultimo diserta “Domenica In”, storica passerella del giorno dopo degli artisti di Sanremo. La Bertè, per non lasciare nulla al caso, era stata accompagnata da standing ovation ad ogni uscita sul palcoscenico: la volevano sul podio ma l’ha solo sfiorato, scatenando le proteste.

Finita qui? Per carità, mettetevi comodi, perché dove i nostri governanti vedono un’occasione per far campagna elettorale si buttano a capofitto. Aveva iniziato Salvini, twettando la sua preferenza per Ultimo piuttosto di Mahmood: non lo dice, ma il pensiero corre subito ad un cognome che a Matteuzzo fa scattare l’allarme.

Perfino i “2D”, Di Maio e Di Battista, messi da parte dagli ascolti del Festival, entrano a gamba tesa per riprendersi qualche titolo sui giornali: il primo tuona che il prossimo anno sarebbe corretto affidare la vittoria solo al televoto del pubblico, il secondo – non sapendo del primo - si dice scandalizzato che la politica sia entrata pure nel Festival.

Per finire con Baglioni, che tanti vorrebbero alla guida anche dell’edizione del prossimo anno, ma lui preferisce sfilarsi chiedendo la possibilità di rientrare in un cono d’ombra in cui ragionare e pensare al suo tour in partenza. Era stato proprio lui, fiutando la polemica che montava come la panna, a suggerire per primo l’ipotesi di assegnare la vittoria solo al televoto, perché finalmente anche il Festival sia popolare e populista.

Sanremo 2019
Sanremo incorona Mahmood
Sanremo incorona Mahmood
A notte fonda, uno dei vincitori di Sanremo Giovani precede sul podio Ultimo e Il Volo in un Festival senza acuti, con veleni e malumori addomesticati. A tenere alti gli ascolti soprattutto i superospiti
Saremo a Sanremo
Saremo a Sanremo
Polemiche, minacce, blitz annunciati, proteste, sospetti di combine: alla 69esima edizione del Festival non manca più niente. Neanche noi
Mahmood, la rivoluzione di Sanremo
Mahmood, la rivoluzione di Sanremo
Commenti e reazioni per la vittoria a sorpresa del giovane milanese. La reazione di Ultimo contro la stampa
Sanremo, duettiamo sul mondo
Sanremo, duettiamo sul mondo
Motta e Nada conquistano il premio della giuria per il miglior duetto della quarta serata del Festival. Ma la vera star della notte sanremese è l’energico rock di Ligabue
Le ultime ore di Sanremo
Le ultime ore di Sanremo
Ascolti alti ma in calo: la vera spina nel fianco restano gli inviati di “Striscia” che tampinano da giorni i vertici di Rai1. Renga scivola a notte fonda parlando di donne
Sanremo: tu chiamale, se vuoi, reazioni
Sanremo: tu chiamale, se vuoi, reazioni
Il clima nel backstage, rivela un quotidiano, è pessimo: ognuno fa quel che deve per mostrare armonia. La terza serata conferma la regola: emozioni, ma solo dagli ospiti
Sanremo, il giro di boa
Sanremo, il giro di boa
Qualche veleno, ma poca roba, in compenso grande attesa per la quarta serata, quella dei duetti, considerata la più importante. Entusiasmo Rai per gli ascolti in crescita
Sanremo seconda serata
più show, ma musica al palo
Sanremo seconda serata<br>più show, ma musica al palo
Come per la prima sera, i veri protagonisti strappa-applauso sono i talentuosi ospiti. I brani in gara continuano a non convincere, a parte le standing ovation per Il Volo e la Bertè. Le pagelle dei 12 in gara
Sanremo: a Pio e Amedeo il picco di ascolti
Sanremo: a Pio e Amedeo il picco di ascolti
A mezzanotte inoltrata hanno sbeffeggiato a modo loro l’attualità politica italiana. Calo di ascolti definito “fisiologico” per la seconda serata, soddisfazione
Festival, standing ovation per gli ospiti
Festival, standing ovation per gli ospiti
Quattro ore e mezzo di spettacolo e notte fonda per ascoltare i 24 artisti in gara. Perplessità per i brani, prime conferme e stroncature dalle classifiche parziali