Scopre la sua prof su un sito porno

| Un ragazzino di Palo Alto scopre in rete un video in cui la sua professoressa fa sesso decisamente spinto con una ragazzina, per di più sua parente. Arrestata, la prof rischia una condanna molto pesante

+ Miei preferiti
Oggi è una signora di 48 anni nemmeno tanto in forma, una stimata e serissima professoressa della “St. Elizabeth Seton Catholic School” di Palo Alto, in California, moglie di un altrettanto stimato colonnello dell’esercito americano. Ma dal passato di Dawn Giannini stanno emergendo dettagli inquietanti.

Un suo studente l’ha riconosciuta in un video di un ben noto sito pornografico girato nel 2014, quindi neanche tanto tempo fa: la prof, per di più, era impegnata in un rapporto lesbo con una ragazzina (indicata in modo generico come sua parente) con cui avrebbe avuto una relazione e che avrebbe poi caricato il video sul portale a luci rosse. Il suo alunno, certo di averla riconosciuta, si è presentato alla direzione della scuola per denunciare l’accaduto, che è stata costretta ad avvisare la polizia.

I guai della professoressa Giannini, attualmente rinchiusa nel penitenziario di San Mateo, iniziano adesso: sul suo capo si profilano 24 capi di imputazione diversi, compreso quello di incesto e molestie sessuali nei confronti di un minorenne.

Prima della St. Elizabeth Catholic School di Palo Alto, la prof era stata insegnante di sostegno in una scuola di Redwood City, da dove però si scopre adesso che era stata licenziata.

Galleria fotografica
Scopre la sua prof su un sito porno - immagine 1
Scopre la sua prof su un sito porno - immagine 2
Società
“Vi racconto il lato meno bello dell’Italia”
“Vi racconto il lato meno bello dell’Italia”
Una giornalista del New York Times ha pubblicato un reportage raccontando la sua esperienza di sei mesi di studio in Italia, compresi gli episodi di razzismo di cui è stata vittima
Le sex dolls per vedovi inconsolabili
Le sex dolls per vedovi inconsolabili
Se accoppiarsi con un pezzo di plastica può suonare come ai limiti della follia, c’è chi ha fatto ben di peggio: realizzare bambole con le fattezze della persona cara che non c'è più
La lobby delle confraternite americane
La lobby delle confraternite americane
Incubatrici della classe dirigente americana ma spesso anche scenario per goliardate e soprusi al limite della tortura fisica e psicologica, le “Fraternity” sono al centro di un nuovo volume inchiesta fotografico
Cina, dove si vivrà sotto stretta sorveglianza
Cina, dove si vivrà sotto stretta sorveglianza
Ancora due anni di test, poi l’imponente rete di telecamere e body scanner sarà in grado di monitorare la vita di ogni cittadino cinese. Ad ognuno sarà assegnato un delicatissimo punteggio sociale
Gli sciacalli del Bataclan
Gli sciacalli del Bataclan
È iniziato il processo a carico di Alexandra D., finta vittima della strage di Parigi del 2015. Ma sono quasi venti le persone che sono riuscite, o hanno tentato, di ingannare le autorità per incassare il denaro destinato ai sopravvissuti
Ivo cerca i suoi fratelli: sono almeno 1.000
Ivo cerca i suoi fratelli: sono almeno 1.000
Suo padre è forse il più prolifico donatore di seme della storia: per vent’anni ha “lavorato” per almeno tre cliniche, e secondo qualcuno avrebbe un migliaio di figli. Che Ivo vuol conoscere
Assassinata Miss Baghdad, troppo scomoda
Assassinata Miss Baghdad, troppo scomoda
Modella, influencer e blogger seguita in tutto il mondo, è stata freddata a colpi di pistola mentre attraversava un quartiere della capitale irachena. È la quarta donna impegnata nei diritti e simbolo di emancipazione uccisa in pochi mesi
A volte Philip, altre Pippa
A volte Philip, altre Pippa
All’anagrafe Philip Bunce è un uomo, un affermato banchiere della City di Londra, ma da quattro anni ogni mattina decide se vestirsi in abiti maschili o femminili. E in Inghilterra scoppia la polemica
Dieci anni di faida per 75 cm di asfalto
Dieci anni di faida per 75 cm di asfalto
Due vicini in lotta per un piccolo spazio finiscono davanti ad un giudice che stabilisce chi ha torto e chi ragione. Ma l’amaro resta: il litigio è costato 135mila euro in avvocati
Crescono i divorzi da videogame
Crescono i divorzi da videogame
Un sito inglese si è accorto che sono in crescita i casi di coppie che decidono di separarsi a causa della troppa dipendenza del coniuge dalle consolle