La notte peggiore di Hollywood

| Si avvicina la consegna dei “Razzie Awards”, i premi assegnati alle pellicole più brutte della passata stagione. Un riconoscimento poco piacevole che ha già fatto vittime illustri

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
È la notte degli Oscar, il momento di massimo splendore di Hollywood. E per quanto piegata dallo scandalo Weinstein, la capitale del cinema assicura che anche stavolta nulla sarà diverso: la notte degli Oscar non si tocca.

I giochi saranno svelati il prossimo 4 marzo, proprio mentre l’italietta si appresta al voto, ma se a Hollywood qualcuno spera nella statuetta che consacra la carriera, altri vivono l’attesa con la coda fra le gambe. Motivo? La sera prima, il 3 marzo, come da tradizione vanno in scena i “Razzie Awards”, definiti gli anti-Oscar ma in realtà la “premiazione” sputtanante delle peggiori pellicole dell’anno, quelle che proprio non si potevano guardare.

La definizione esatta è “Golden Raspberry Awards”, letteralmente i “Premi dei Lamponi Dorati”, con il poco edificante premio rappresentato da un lampone sistemato su una “pizza” cinematografica. Il tutto dipinto in oro, per un valore complessivo che non supera i 5 dollari.

Per tutti sono i “Razzie”, amaro riferimento al verbo “to razz”, più o meno spernacchiare qualcuno o qualcosa. A ideare la manifestazione più sputtanante di Hollywood fu John J. B. Wilson, giornalista e pubblicitario di Chicago, stanco di sorbirsi pellicole così inconsistenti da meritare la gogna pubblica.

Finire nell’elenco dei premiati non è mai un bel segno, ma nella rete del lampone dorato ci sono cascati più o meno tutti. Per fare qualche nome Sandra Bullock, che ha stravinto la categoria “peggior attrice” per “A proposito di Steve” (All about Steve, 2010), rifacendosi la notte successiva, quella dei veri Oscar, quando si è portata a casa la vera statuetta per “The blind side”.

Difficile eguagliare il record di Sylvester Stallone, con 31 nominations e ben 10 premi, condito da quello di “peggior attore del secolo”. Titolo che divide nientemeno con la divina Madonna, a sua volta candidata ai Razzie per cinque volte. E difficile anche superare il record di “Jack e Jill”, pellicola del 2011 con Adam Sandler, Katie Holmes e Al Pacino, capace di portarsi a casa i lamponi delle 11 categorie in un colpo solo.

I “Razzie 2018

Sarà quasi sicuramente l’anno di “Baywatch”, lo scombicchierato remake della serie televisiva dedivata ai bagnini californiani che rese celebre Pamela Anderson. Interpretato da Dwayne Johnson e Zac Efron, il film vanta una trama inconsistente e punta tutto sui fisici statuati del cast. Ma non se la passano male neanche le avventure piccanti di Christian Grey e Anastacia Steele, i due protagonisti della saga “Cinquanta sfumature”, che approdano nella lista dei Razzie per il secondo anno consecutivo. Lampone in vista anche per “La Mummia”, con Tom Cruise, e “Pirati dei Caraibi”, affidato al solito Johnny Deep. A sorpresa, nella cinquina di peggior attrice spunta anche Jennifer Lawrence, interprete del surreale “Mother!”.

TUTTE LE NOMINATIONS

Peggior film

Baywatch

Emoji

Cinquanta sfumature di nero

La mummia

Transformers. L’ultimo cavaliere

Peggior attrice

Katherine Heigl per L’amore criminale

Dakota Jonson per Cinquanta sfumature di nero

Jennifer Lawrence per Mother!

Tylee Perry per Boo 2! A Madea Halloween

Emma Watson per The Circle

Peggior attore

Tom Cruise per La mummia

Johnny Depp per Pirati dei Caraibi. La vendetta di Salazar

Jamie Dornan per Cinquanta sfumature di nero

Zac Efron per Baywatch

Mark Wahlberg per Daddy’s Home 2 e Transformers – L’ultimo cavaliere

Peggior attore non protagonista

Javier Bardem per Madre! E Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar

Russell Crowe per La mummia

Josh Duhamel per Transformers – L’ultimo cavaliere

Mel Gibson per Daddy’s Home 2

Anthony Hopkins per Autobahn – Fuori controllo e Transformers – L’ultimo cavaliere

Peggior attrice non protagonista

Kim Basinger per Cinquanta sfumature di nero

Sofia Boutella per La mummia

Lara Haddock per Transformers – L’ultimo cavaliere

Goldie Hawn per Fottute!

Susan Sarandon per Bad Moms 2 – Mamme molto più cattive

Peggiore combo

Cinquanta sfumature di nero

Transformers – L’ultimo cavaliere

Emoji – Accendi le emozioni

Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar

Boo 2! A Madea Halloween

Peggior remake, rip-off o sequel

Baywatch

Boo 2! A Madea Halloween

Cinquanta sfumatura di nero

La mummia

Transformers – L’ultimo cavaliere

Peggior regista

Darren Aronofky per Madre!

Michael Bay per Transformers – L’ultimo cavaliere

James Foley per Cinquanta sfumature di nero

Alex Kurtzman per La mummia

Anthony Leonidis per Emoji – Accendi le emozioni

Peggior sceneggiatura

Baywatch

Emoji – Accendi le emozioni

Cinquanta sfumature di nero

La mummia

Transformers – L’ultimo cavaliere

Articoli correlati
Spettacolo
Simon Le Bon accusato di molestie
Simon Le Bon accusato di molestie
Il leader dei Duran Duran accusato di palpeggiamenti molesti da una donna: l’episodio risalirebbe al 1995. Le Bon ha chiesto un incontro chiarificatore con la donna, che ha rifiutato
Addio a Nancy Barbato
la prima signora Sinatra
Addio a Nancy Barbato<br>la prima signora Sinatra
Si è spenta a 101 anni, dopo una vita passato lontana dai riflettori: cresciuta insieme a Frank, era stata lasciata per Ava Gardner
A tu per tu con Johnny Depp
A tu per tu con Johnny Depp
ESCLUSIVO - Tre ragazzine piemontesi partono per Lucca per assistere ad un concerto degli "Hollywood Vampires", band in cui milita Johnny Depp. Ma un piccolo incidente si è trasformato in un'occasione da sogno ad occhi aperti
Michael Jackson, ucciso troppe volte
Michael Jackson, ucciso troppe volte
La nuova condanna alla sua memoria arriva da Conrad Murray, il medico personale accusato di averlo ucciso. Secondo lui, Jacko su castrato chimicamente dal padre Joe per evitare che la sua voce cambiasse
Il ritorno di Michael Bublé
Il ritorno di Michael Bublé
Insieme alla moglie aveva scelto di eclissarsi per seguire il decorso del brutto male di Noah, il primo figlio. Ora Bublé è pronto per tornare a riprendere in mano la carriera
Amy Winehouse, un diario intimo
Amy Winehouse, un diario intimo
Per due anni, il fotografo americano Blake Wood vive a stretto contatto con la più grande e tormentata artista della nostra epoca
Travis, battuto il record del grande Knievel
Travis, battuto il record del grande Knievel
In sella a una Indian Scout ha oltrepassato 52 vetture e 16 bus. Indossava la tuta rossa, bianca e blu di Knievel
L’addio di Emanuela Folliero
L’addio di Emanuela Folliero
Era l’ultimo volto rimasto ad annunciare i programmi: dalla Rai, la figura della "signorina buonasera" era già scomparsa due anni fa. Un’epopea e una galleria di nomi e volti noti, amatissimi dal pubblico
È morto Carlo Vanzina
È morto Carlo Vanzina
A darne l'annuncio la famiglia. Con lui se ne va uno dei più acuti osservatori della società italiana
Oprah Winfrey: “Non sarò io l’anti-Trump”
Oprah Winfrey: “Non sarò io l’anti-Trump”
La regina della televisione americana ribadisce il proprio no alla candidatura alle prossime presidenziali, come alternativa a Trump: "In campagna elettorale vale tutto, non resisterei"