La notte peggiore di Hollywood

| Si avvicina la consegna dei “Razzie Awards”, i premi assegnati alle pellicole più brutte della passata stagione. Un riconoscimento poco piacevole che ha già fatto vittime illustri

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
È la notte degli Oscar, il momento di massimo splendore di Hollywood. E per quanto piegata dallo scandalo Weinstein, la capitale del cinema assicura che anche stavolta nulla sarà diverso: la notte degli Oscar non si tocca.

I giochi saranno svelati il prossimo 4 marzo, proprio mentre l’italietta si appresta al voto, ma se a Hollywood qualcuno spera nella statuetta che consacra la carriera, altri vivono l’attesa con la coda fra le gambe. Motivo? La sera prima, il 3 marzo, come da tradizione vanno in scena i “Razzie Awards”, definiti gli anti-Oscar ma in realtà la “premiazione” sputtanante delle peggiori pellicole dell’anno, quelle che proprio non si potevano guardare.

La definizione esatta è “Golden Raspberry Awards”, letteralmente i “Premi dei Lamponi Dorati”, con il poco edificante premio rappresentato da un lampone sistemato su una “pizza” cinematografica. Il tutto dipinto in oro, per un valore complessivo che non supera i 5 dollari.

Per tutti sono i “Razzie”, amaro riferimento al verbo “to razz”, più o meno spernacchiare qualcuno o qualcosa. A ideare la manifestazione più sputtanante di Hollywood fu John J. B. Wilson, giornalista e pubblicitario di Chicago, stanco di sorbirsi pellicole così inconsistenti da meritare la gogna pubblica.

Finire nell’elenco dei premiati non è mai un bel segno, ma nella rete del lampone dorato ci sono cascati più o meno tutti. Per fare qualche nome Sandra Bullock, che ha stravinto la categoria “peggior attrice” per “A proposito di Steve” (All about Steve, 2010), rifacendosi la notte successiva, quella dei veri Oscar, quando si è portata a casa la vera statuetta per “The blind side”.

Difficile eguagliare il record di Sylvester Stallone, con 31 nominations e ben 10 premi, condito da quello di “peggior attore del secolo”. Titolo che divide nientemeno con la divina Madonna, a sua volta candidata ai Razzie per cinque volte. E difficile anche superare il record di “Jack e Jill”, pellicola del 2011 con Adam Sandler, Katie Holmes e Al Pacino, capace di portarsi a casa i lamponi delle 11 categorie in un colpo solo.

I “Razzie 2018

Sarà quasi sicuramente l’anno di “Baywatch”, lo scombicchierato remake della serie televisiva dedivata ai bagnini californiani che rese celebre Pamela Anderson. Interpretato da Dwayne Johnson e Zac Efron, il film vanta una trama inconsistente e punta tutto sui fisici statuati del cast. Ma non se la passano male neanche le avventure piccanti di Christian Grey e Anastacia Steele, i due protagonisti della saga “Cinquanta sfumature”, che approdano nella lista dei Razzie per il secondo anno consecutivo. Lampone in vista anche per “La Mummia”, con Tom Cruise, e “Pirati dei Caraibi”, affidato al solito Johnny Deep. A sorpresa, nella cinquina di peggior attrice spunta anche Jennifer Lawrence, interprete del surreale “Mother!”.

TUTTE LE NOMINATIONS

Peggior film

Baywatch

Emoji

Cinquanta sfumature di nero

La mummia

Transformers. L’ultimo cavaliere

Peggior attrice

Katherine Heigl per L’amore criminale

Dakota Jonson per Cinquanta sfumature di nero

Jennifer Lawrence per Mother!

Tylee Perry per Boo 2! A Madea Halloween

Emma Watson per The Circle

Peggior attore

Tom Cruise per La mummia

Johnny Depp per Pirati dei Caraibi. La vendetta di Salazar

Jamie Dornan per Cinquanta sfumature di nero

Zac Efron per Baywatch

Mark Wahlberg per Daddy’s Home 2 e Transformers – L’ultimo cavaliere

Peggior attore non protagonista

Javier Bardem per Madre! E Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar

Russell Crowe per La mummia

Josh Duhamel per Transformers – L’ultimo cavaliere

Mel Gibson per Daddy’s Home 2

Anthony Hopkins per Autobahn – Fuori controllo e Transformers – L’ultimo cavaliere

Peggior attrice non protagonista

Kim Basinger per Cinquanta sfumature di nero

Sofia Boutella per La mummia

Lara Haddock per Transformers – L’ultimo cavaliere

Goldie Hawn per Fottute!

Susan Sarandon per Bad Moms 2 – Mamme molto più cattive

Peggiore combo

Cinquanta sfumature di nero

Transformers – L’ultimo cavaliere

Emoji – Accendi le emozioni

Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar

Boo 2! A Madea Halloween

Peggior remake, rip-off o sequel

Baywatch

Boo 2! A Madea Halloween

Cinquanta sfumatura di nero

La mummia

Transformers – L’ultimo cavaliere

Peggior regista

Darren Aronofky per Madre!

Michael Bay per Transformers – L’ultimo cavaliere

James Foley per Cinquanta sfumature di nero

Alex Kurtzman per La mummia

Anthony Leonidis per Emoji – Accendi le emozioni

Peggior sceneggiatura

Baywatch

Emoji – Accendi le emozioni

Cinquanta sfumature di nero

La mummia

Transformers – L’ultimo cavaliere

Articoli correlati
Spettacolo
Il metodo Kardashian contro gli incendi
Il metodo Kardashian contro gli incendi
Insieme al compagno, il rapper Kanye West, la celebre influencer americana ha assunto una squadra privata di pompieri salvando la propria villa dalle fiamme
Liam Gallagher nei guai per aggressione
Liam Gallagher nei guai per aggressione
Le telecamere a circuito chiuso di un locale di Londra avrebbero ripreso l’ex leader degli Oasis mentre aggrediva l’ex fidanzata tentando di strangolarla. Sul caso indaga Scotland Yard
Addio a Monserrat Caballè, l’ultima diva
Addio a Monserrat Caballè, l’ultima diva
Grande soprano spagnola, nel 1988 registra l’album “Barcellona” al fianco di Freddie Mercury. Si è spenta a 85 anni, cinque anni fa si era ritirata dalle scene
Lodo Guenzi nuovo giudice di X-Factor
Lodo Guenzi nuovo giudice di X-Factor
Il cantante solista de Lo Stato Sociale sostituisce Asia Argento, travolta dal caso Bennet
Il ritorno di Barbra Streisand: un attacco a Trump
Il ritorno di Barbra Streisand: un attacco a Trump
Nel singolo “Dont’ lie to me”, che anticipa l’album “Walls”, la grande artista fa chiari riferimenti alla politica di un presidente che lei ha sempre criticato aspramente
Il momento difficile di Ariana Grande
Il momento difficile di Ariana Grande
In un tweet, l’artista svela il difficile momento che sta attraversando: in poco meno di due anni ha dovuto superare l’attentato di Manchester e la morte del suo ex fidanzato
Jack Nicholson, the last king
Jack Nicholson, the last king
I guadagni stratosferici accumulati in carriera gli permettono un’esistenza incredibile. Vorace collezionista d’arte ed erotomane seriale, negli anni ’70 ha fatto scavare un tunnel per collegare casa sua alla Playboy Mansion
Miss Italia, vince una marchigiana
Miss Italia, vince una marchigiana
Carlotta Maggiorana al primo posto, seconda Fiorenza D'Antonio da Napoli. Terza Chiara Bordi, che ha una protesi alla gamba sinistra. Nei giorni scorsi aveva subito attacchi sui social: "Sei una storpia"
Sparita la star del cinema
mistero in Cina
Sparita la star del cinema<br>mistero in Cina
il volto e l'immagine di uno dei simboli del Paese, Fan BingBing, cancellato da giugno da pubblicità, cinema, tv e media. Testimonial di Vitton e Cartier, era l'immagine della Cina nel mondo. Accusata di evasione fiscale?
Crozza/Toninelli, entusiamo e mangiatoie
Crozza/Toninelli, entusiamo e mangiatoie
Il comico genovese ha trasformato in un tormentano le esuberanti esibizioni del ministro delle Infrastrutture, il grillino Danilo Toninelli