Allegri ridisegna la Juve dopo il ko di Matuidi

| Il bianconero non rientrerà prima 30-40 giorni. Il tecnico è costretto a correre ai ripari a centrocampo, proprio perché non esiste un naturale sostituito del francese per capacità di corsa, tenuta e copertura

+ Miei preferiti
di Piero Abrate
 
Il guaio muscolare del centrocampista bianconero Matuidi, durante il match vinto con risultato tennistico (o ancor meglio da tie-breck visto che i bianconeri hanno messo a segno sette reti) con il Sassuolo, preoccupa e non poco il tecnico Allegri. Che ora è costretto a correre ai ripari. Il bollettino medico evidenzia una lesione di lieve/media entità ai flessori della coscia sinistra. Il giocatore ha già iniziato le terapie idonee e saranno comunque necessari ulteriori accertamenti per puntualizzare meglio l’entità della lesione. L'obiettivo è quello di averlo per la gara di ritorno col Tottenham, in programma a Londra il 7 marzo, magari facendogli fare un collaudo quattro giorni prima all'Olimpico con la Lazio. Ma il recupero potrebbe anche slittare di un'ulteriore settimana.
Si tratta di una perdita pesante per l'undici bianconero, visto l'apporto dato sino ad oggi alla squadra il centrocampista francese. Forse ancor più dell'altro infortunato Dybala per il quale si spera in un recupero fra una settimana in Champions. Se l'attaccante assicura la classe, la qualità e i gol pesanti, l'ex Psg è poco meno di un insostituibile in mezzo al campo, dove le sue caratteristiche lo rendono difficilmente rimpiazzabile. E basta scorrere il ruolino con le presenze per rendersi conto che Matuidi (se escludiamo Higuiain) è il bianconero con più presenze. Nessuno altro in rosa dispone dei suoi allunghi, della sua capacità di macinare chilometri. Insomma della sua corsa e della capacità di portare la pressione sulla palla dall'inzio alla fine dell'incontro, tstravando in molte occasioni Pjanic e Khedira da certi compiti di copertura.
Con il francese fuori per un mese (ma potrebbero essere anche 40 giorni)  Allegri dovrà ridisegnare il centrocampo. Ovviamente, varianti a disposizione del tecnico non mancano. La prima soluzione, per esperienza e qualità, sarebbe Claudio Marchisio che, comlici anche acciacchi e infortuni, è un po' scivolato ai margini della rotazione di centrocampo. Il giocatore di provata fede bianconera non vede l'ora di potersi rendere utile, ma restano alcuni dubbi sulla sua capacità, vista anche l'età, sulla capacità di agire da mezzala sinistra. A qusto punto prende forza la candidatura di Stefano Sturaro, un giocatore tatticamente evoluto, infaticabile nella corsa e con una certa esperienza di Champions, visto che ha accumulato gettoni pesanti contro corazzate come Bayern e Real Madrid. Ma non va sottovalutata neppure l'utilizzo  di Asamoah, mancino come Matuidi e con una corsa altrettanto impressionante. Purtroppo il ghanese non gioca da anni a centrocampo e in questa stagione ha dimostrato di essere un'ottima alternativa  ad Alex Sandro come terzino. Staremo a vedere cosa deciderà di volta in volta Allegri anche in base all'avversario che si troverà ad affrontare.
SPORT
La crisi profonda delle Cheerleaders
La crisi profonda delle Cheerleaders
Il lato sexy dello sport professionistico americano vacilla di fronte a denunce e rivelazioni. Tante le squadre che hanno già deciso di rinunciare alle amatissime ragazze pon-pon
Diritti TV per il calcio? Ne parliamo lunedì
Diritti TV per il calcio? Ne parliamo lunedì
Durante l’inaugurazione del campo di calcio a 8 all’interno del Cottolengo di Torino, il presidente del CONI è stato accolto festosamente da centinaia di bambini e ha espresso qualche opinione su calcio e sport
La corsa più folle del mondo
La corsa più folle del mondo
La Red Bull 400 ha un terreno di gara unico: i trampolini del salto con gli sci, da percorrere di corsa nel minor tempo possibile
"Pago il fisco ma non mi arrestate"
"Pago il fisco ma non mi arrestate"
Cristiano Ronaldo rischia la galera per evasione fiscale e si pente: "Pago tutto ma chiudete l'inchiesta della procura di Madrid". Scoperta un'evasione di 150 milioni di euro, attraverso una rete di società off-shore
CR7, un cartoon e un telefilm
CR7, un cartoon e un telefilm
La stella del Real Madrid sta lavorando intensamente a due progetti legati al suo nome, ormai un vero marchio di fabbrica dai fatturati stellari
Peter Norman, il terzo della foto
Peter Norman, il terzo della foto
A dodici anni dalla scomparsa, l’Australia riabilita e premia lo sprinter che nelle Olimpiadi del 1969 in Messico diede la sua solidarietà ai due colleghi Usa affiliati ai Black Panther. Pugno chiuso guantato di nero
Miki Biasion: “La Delta Integrale? Potrei rifarla io”
Miki Biasion: “La Delta Integrale? Potrei rifarla io”
ESCLUSIVO - Due volte sul podio per il titolo mondiale, per questo alla Delta resta legato in modo indissolubile. Intervista piena di “amarcord” in cui il campione confessa di avere ancora un sogno da realizzare
Inglesi certi: Conte di nuovo ct della Nazionale
Inglesi certi: Conte di nuovo ct della Nazionale
A fine stagione non rinnoverà il contratto con il Chelsea e si appresta a riprendere la guida degli azzurri in vista degli Europei. Tabloid scatenati
1000 Miglia, il ritorno della leggenda
1000 Miglia, il ritorno della leggenda
Tutto pronto per la 36esima edizione della rievocazione storica del “museo viaggiante”: 725 equipaggi su e giù per l’Italia dal 16 al 19 maggio
“Voglio almeno un morto in carriera”
“Voglio almeno un morto in carriera”
È la frase shock pronunciata da Deontay Wilder, pugile americano con 40 vittorie per KO su 40 incontri disputati. Il mondo della boxe condanna e promette provvedimenti