Ancora pressing su Cristiano Ronaldo

| Der Spiegel annuncia centinaia di documenti che proverebbero lo stupro. I legali di CR7 invece annunciano la disponibilità del campione portoghese ad essere interrogato dalla polizia del Nevada

+ Miei preferiti
“Der Spiegel” non molla: il settimanale tedesco che ha svelato le accuse di stupro dirette a Cristiano Ronaldo dalla modella americana Kathryn Mayorga, rilancia promettendo nuove rivelazioni su un caso che rischia di avere notevoli costi d’immagine per il giocatore, gli sponsor e la stessa Juventus.

Secondo il settimanale, la Mayorga sarebbe addirittura in possesso di “centinaia di documenti” che proverebbero nero su bianco la violenza subita dal campione portoghese, documenti su cui “Non ci sono motivi per dubitare della loro autenticità”. Una rivelazione subito respinta al mittente dai legali di CR7, che ieri si sono affrettati a liquidare la documentazione come frutto di manipolazioni o addirittura costruiti ad arte.

La novità, sul caso che più di ogni altro divide le chiacchiere da bar di tutto il mondo, sarebbe la disponibilità di Cristiano Ronaldo a deporre di fronte alla giustizia americana per raccontare la propria versione dei fatti di quella notte del 2009, consumata in un lussuoso albergo di Las Vegas. È stato Peter Christiansen, uno dei legali del campione, a comunicare la disponibilità dell’audizione in videoconferenza (per impegni sportivi) alla polizia del Nevada, sottolineando che la scelta non fa che confermare “l’assoluta tranquillità di Ronaldo, pienamente fiducioso che la verità verrà a galla e che le leggi del Nevada saranno applicate e rispettate”.

Sulla vicenda è entrato anche il “Real Madrid”, la società che all’epoca dei fatti stava trattando il passaggio di Ronaldo: il prestigioso club madrileno ha querelato il quotidiano portoghese “Correio de Manha”, colpevole di aver parlato di pressioni sul calciatore per accettare la transazione economica di 375mila dollari con la Mayorga e chiudere la vicenda. 

Sport
Muore la leggenda italiana della Thai Boxe
Muore la leggenda italiana della Thai Boxe
Christian Daghio si è accasciato sul ring a pochi secondi dalla fine di un incontro. Era stato il primo italiano a cui la Thailandia aveva concesso di poter praticare a livello professionistico la Thai Boxe
Leggenda del fitness muore a 42 anni
Leggenda del fitness muore a 42 anni
Mandy Blank, trainer di celebrità e stella del bodybuilding americano, è stata trovata morta nella sua abitazione
La nazionale carioca dei nani-giganti
La nazionale carioca dei nani-giganti
In Brasile gli atleti afflitti da nanismo rivelano straordinari talenti con la palla ai piedi. Ora vogliono il riconoscimento della Federazione per partecipare ai team paraolimpici
Morto tra le fiamme con la figlia
il patron del Leicester
Morto tra le fiamme con la figlia<br>il patron del Leicester
Era a bordo con figlia e due membri dell'equipaggio nell'elicottero che lo stava portando nella sua residenza dal parcheggio vicino allo stadio. Bilancio non ufficiale di 4 morti. Lutto in Europa, non solo nello sport
Calcio, De Laurentis sbanca Bari
Calcio, De Laurentis sbanca Bari
Il sindaco De Caro lo apprezza ma ammette "che ha un pessimo carattere, però la squadra fa bene". Ripartenza dalla serie B
Cina addio, il Parma torna italiano
Cina addio, il Parma torna italiano
Entra in gioco una cordata di imprenditori italiani, compreso il gruppo Barilla. Ai cinesi della Desport resta il 30 per cento
Lo scandalo del calcio belga
Lo scandalo del calcio belga
Riciclaggio, corruzione, passaggi di proprietà fumosi: diversi nomi eccellenti fra le 29 persone arrestate finora
La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool
La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool
Arruolato nella Guardia Nazionale, Bruce Grobbelaar viene spedito sui campi di battaglia nella guerra civile in Rhodesia: “Ho ucciso tanti uomini, troppi. Mi ha salvato il calcio”
La mamma-razzo: 296 km/h in bicicletta
La mamma-razzo: 296 km/h in bicicletta
Denise Mueller-Korenek ha stabilito il record del mondo sul lago salato di Bonneville, nello Utah, usando come “lepre” un mostruoso dragster
Tutta la forza di Shaquem Griffin
Tutta la forza di Shaquem Griffin
È cresciuto senza una mano, ma questo non gli ha impedito di diventare un professionista di football americano: ha debuttato nella NFL qualche giorno fa