Coppa Davis di tennis: Fognini regala i quarti di finale all'Italia

| Nella terza giornata l'azzurro nel quarto match ha battuto il numero uno Sugita in un match epico durato quattro ore ed undici minuti e cinque infiniti set. L'Italia approda ai quarti dove incontrerà la Francia.

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

Nella terza giornata di Coppa David è bastato il primo dei due incontri in programma a regalare all'Italia l'accesso ai quarti di finale. L'azzurro Fognini ha infatti battuto il giapponese Sugita, regalando di fatto il terzo punto all'Italia che spalanca le porte ai quarti di finale. Gli azzurri dovranno vedesela contro la Francia che nel primo turno ha battuto la rappresentantiva olandese. Contro i transalpini giocheremo in casa e sulla terra rssa in primavera. 

Terza giornata. Quello tra Fognini e Sugita è stato un match infinito duranto ben quattro ore e 11 minuti di gioco e cinque set tiratissimi. Alla fine l'azzurro mettendo in campo grinta, determinazione e tutta l'esperienza acquisita in questi anni di grande tenns è riuscito ad imporsi con i parziali di 3-6, 6-1, 3-6, 7-6 (6), 7-5. Il ligure, nonostante un medical time-out nel quinto set e le oltre 11 ore e mezza in campo nel fine settimana, è riuscito a salvare un match point nel tie-break del quarto parziale, dimostrandosi implacabile in Coppa Davis. Decisivo nei tre punti azzurri, Fognini dimostra tutto il suo talento, anche più forte di stanchezza e problemi fisici.Fognini è partito ancora una volta lentamente, subendo subito il break che di fatto ha consegnato il primo set a Sugita per 6-3. Vinta agevolmente la seconda frazione,m Fognini ha ceduto la terza per 6 a 3. Nel quarto parziale, l'azzurro ha trascinato il giapponese al tie-break ed ha avuto la freddezza di salvare un match-point sul 6-5, pareggiando i conti con tre punti consecutivi per l'8-6. Il set decisivo sembrava segnato per l'Italia, quando sul 4-1 per Sugita il trentenne di Arma di Taggia ha chiesto un medical time-out per un problema alla gamba sinistra, con fasciatura sotto il ginocchio. Fabio ha liberato il braccio, forse con la consapevolezza di non aver nulla da perdere, recuperando il break di svantaggio e finendo in modo epico l'inconrto.

Seconda giornata. Al termine della seconda giornata di Coppa Davis a Morioka gli azzurri tornano al comando. Il sorpasso grazie ad una sofferta ma meritata vittoria nel doppio. Dopo 3 ore e 36 minuti la coppia composta da Fabio Fognini e Simone Bolelli ha avuto la meglio sui giapponesi Machlachlan-Uchiyama per 3 set a 1. I parziali: 7-5, 6-7 (4), 7-6 (3), 7-5.  Gli azzurri si sono imposti con un numero maggiore di vincenti (48 a 32) sul veloce indoor della Takaya Arena, ma hanno messo a segno soltanto 4 ace, contro i 15 degli avversari. E' stato un match tiratissimo nel quale i nostri rappresentanti hanno dovuto sudare le proverbiali sette camicie per strappare il punto agli agguerriti avversari sostenuti dal pubblico di casa. Bolelli e Fognini si aggiudicano il primo set con il punteggio di 7-5 ma nel secondo set sono costretti a cedere al tie break per 7-4 consentendo agli avversari di tornare in corsa. Il terzo set si risolve ancora al tie break e questa volta ad imporsi è la coppia azzurra col punteggio di 7-3. Nel quarto e decisivo set, gli azzurri sul risultato di 6-5 strappano il servizio alla coppia padrona di casa, chiudendo il match.

Prima giornata. Sui campi in cemento del palazzetto di Morioka, Fognini, numero uno azzurro e numero 22 del ranking mondiale, aveva battuto per 3 a 2 il nipponico Taro Daniel, mentre Seppi (in foto) era stato sconfitto al tie-break del quinto con il forte Sugita, 41° nella classifica mondiale Atp.  Nel primo incontro, dopo un primo set conquistato abbastanza agevolmente Fognini aveva sofferto nel secondo e nel terzo, sbagliando molto al servizio e lasciando al giapponese l’iniziativa. Nel quarto set l’azzurro era riuscto a riportare in parità il match, concludendo agevolmente al quinto. I parziali: 6-4, 3-6, 4-6, 6-3, 6-2 .

Nel secondo matchet Andreas Seppi aveva affrontato il numero uno del tennis giapponese Yuichi Sugita. L'azzurro si aggiudicava il primo e il quarto set, ma doveva arrendersi al tie-break del quinto. I parziali 6-4, 2-6, 4-6, 6-4 6-7 (1-7).

 

Sport
La mamma-razzo: 296 km/h in bicicletta
La mamma-razzo: 296 km/h in bicicletta
Denise Mueller-Korenek ha stabilito il record del mondo sul lago salato di Bonneville, nello Utah, usando come “lepre” un mostruoso dragster
Tutta la forza di Shaquem Griffin
Tutta la forza di Shaquem Griffin
È cresciuto senza una mano, ma questo non gli ha impedito di diventare un professionista di football americano: ha debuttato nella NFL qualche giorno fa
Giudicate voi, ma questa vignetta è razzista o no?
Giudicate voi, ma questa vignetta è razzista o no?
L'ha disegnata Mark Knight per l'Herald Sun, un giornale australiano. Riproduce Serena Williams in preda a una crisi di infantilismo, con tratti somatici afro-americani accentuali. Per la scrittrice Rowling è "razzismo"
Raikkonen lascia la Ferrari
Raikkonen lascia la Ferrari
L’annuncio della scuderia ufficializza le voci di un divorzio che era nell’aria da tempo. Al suo posto il ventenne Charles Leclerc
Fenati, la mamma lo difende, il team lo scarica
Fenati, la mamma lo difende, il team lo scarica
Il pilota di Moto2, dopo un contatto con il rivale Andrea Manzi, lo affianca e gli pinza la leva del freno: poteva avere gravi conseguenze. Sospeso per due gare. Punito anche Manzi. Minacce di morte sul web
Allegri prepara le valigie?
Allegri prepara le valigie?
Si dice e si mormora che il tecnico della Juventus a fine campionato possa emigrare verso altre società, probabilmente all’estero. Al suo posto il ritorno di Zinedine Zidane
Serena, 17mila dollari di multa
Serena, 17mila dollari di multa
"Arbitro ladro e sessista", arriva la sanzione. Le ha tolto un set perché lo ha definito "ladro". Poi un altro punto per un intervento del suo allenatore. Vince la gelida 20enne Osaka. Le grandi del tennis con Williams
Oro e nero, colori che sanno di storia
Oro e nero, colori che sanno di storia
Un’operazione da “ritorno al futuro” per la rediviva FC Torinese, vera progenitrice del calcio subalpino e di quello nazionale
Trump critica Nike, boom di vendite
Trump critica Nike, boom di vendite
Dopo avere assunto come testimonial Colin Kaepernick, vendite salite del 31 per cento. Il giocatore ex 49ers è un simbolo della lotta alle discriminazioni razziali, fortemente criticato dal presidente
Sorpresa Nike, sceglie Just do it
Sorpresa Nike, sceglie Just do it
Colpo a sorpresa della multinazionale che assume Colin Kaepernick, ex 49ers, come simbolo di una campagna contro la discriminazione raziale. Il quarterback era stato il primo a inginocchiarsi durante l'inno nazionale Usa