Dieci anni per il monomarca Lamborghini

| In scena in contemporanea in Nord America, Europa e Asia, il “Super Trofeo” arriva al giro di boa del primo decennale portando sulle piste la “Huracán Super Trofeo Evo”

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
L’appuntamento è fissato per il 14 e 15 aprile a Sepang, in Malesia, data che ufficialmente certifica il via all’edizione 2018 del “Lamborghini Super Trofeo Asia”, seguito una settimana dopo da quello di Monza che inaugura la decima edizione del monomarca europeo. Dieci edizioni celebrate con il debutto della “Huracán Super Trofeo Evo” nei tre campionati disputati parallelamente in altrettante aree geografiche, con la “World Final” prevista a metà novembre sul circuito di Vallelunga.

Dieci anni di un campionato sempre più avvincente e seguito, che tradotti in cifre significano 755 piloti ai nastri di partenza, a rappresentare 59 paesi, e 279 gare su 42 circuiti diversi di 18 nazioni, 4.155 pit stop, 41.000 pneumatici Pirelli utilizzati, 6.461 giri, 32.000 km e 211 ore di gara, per 600 giorni di attività.

La Huracán Super Trofeo Evo, svelata lo scorso settembre, è un mostro da pista con bodykit in carbonio, spinto da un poderoso 5.2 litri V10 aspirato che sviluppa 620 CV. 

 

Calendari 2018

Lamborghini Super Trofeo Europa

21-22 Aprile                 Monza

19-20 Maggio              Silverstone

23-24 Giugno              Misano

26-27 Luglio                Spa Francorchamps

15-16 Settembre         Nürburgring

Lamborghini Super Trofeo Asia

14-15 Aprile                 Sepang

12-13 Maggio              Buriram

29-30 Giugno              Suzuka

21-22 Luglio                Fuji

22-23 Settembre         Shanghai

Lamborghini Super Trofeo North America

5-6 Maggio                  Mid Ohio

28-29 Giugno              Watkins Glen

4-5 Agosto                  Road America

18-19 Agosto              Virginia

8-9 Settembre            Laguna Seca

Lamborghini World Final

15-18 Novembre         Vallelunga

Galleria fotografica
Dieci anni per il monomarca Lamborghini - immagine 1
Dieci anni per il monomarca Lamborghini - immagine 2
Dieci anni per il monomarca Lamborghini - immagine 3
Dieci anni per il monomarca Lamborghini - immagine 4
Dieci anni per il monomarca Lamborghini - immagine 5
Sport
Tutta la forza di Shaquem Griffin
Tutta la forza di Shaquem Griffin
È cresciuto senza una mano, ma questo non gli ha impedito di diventare un professionista di football americano: ha debuttato nella NFL qualche giorno fa
Giudicate voi, ma questa vignetta è razzista o no?
Giudicate voi, ma questa vignetta è razzista o no?
L'ha disegnata Mark Knight per l'Herald Sun, un giornale australiano. Riproduce Serena Williams in preda a una crisi di infantilismo, con tratti somatici afro-americani accentuali. Per la scrittrice Rowling è "razzismo"
Raikkonen lascia la Ferrari
Raikkonen lascia la Ferrari
L’annuncio della scuderia ufficializza le voci di un divorzio che era nell’aria da tempo. Al suo posto il ventenne Charles Leclerc
Fenati, la mamma lo difende, il team lo scarica
Fenati, la mamma lo difende, il team lo scarica
Il pilota di Moto2, dopo un contatto con il rivale Andrea Manzi, lo affianca e gli pinza la leva del freno: poteva avere gravi conseguenze. Sospeso per due gare. Punito anche Manzi. Minacce di morte sul web
Allegri prepara le valigie?
Allegri prepara le valigie?
Si dice e si mormora che il tecnico della Juventus a fine campionato possa emigrare verso altre società, probabilmente all’estero. Al suo posto il ritorno di Zinedine Zidane
Serena, 17mila dollari di multa
Serena, 17mila dollari di multa
"Arbitro ladro e sessista", arriva la sanzione. Le ha tolto un set perché lo ha definito "ladro". Poi un altro punto per un intervento del suo allenatore. Vince la gelida 20enne Osaka. Le grandi del tennis con Williams
Oro e nero, colori che sanno di storia
Oro e nero, colori che sanno di storia
Un’operazione da “ritorno al futuro” per la rediviva FC Torinese, vera progenitrice del calcio subalpino e di quello nazionale
Trump critica Nike, boom di vendite
Trump critica Nike, boom di vendite
Dopo avere assunto come testimonial Colin Kaepernick, vendite salite del 31 per cento. Il giocatore ex 49ers è un simbolo della lotta alle discriminazioni razziali, fortemente criticato dal presidente
Sorpresa Nike, sceglie Just do it
Sorpresa Nike, sceglie Just do it
Colpo a sorpresa della multinazionale che assume Colin Kaepernick, ex 49ers, come simbolo di una campagna contro la discriminazione raziale. Il quarterback era stato il primo a inginocchiarsi durante l'inno nazionale Usa
I nuovi guai di Paul Gascoine
I nuovi guai di Paul Gascoine
“Gazza” ha colpito ancora: è stato fermato dalla polizia per aver molestato una donna in treno. Ma è solo l’ultimo episodio di una vita fatta di eccessi