Federer, via col venti...

| A quasi 37 anni, il campione svizzero di tennis ha dominato gli Australian Open e conquistato il suo ventesimo Slam. Il sogno dell'eterno ragazzino che continua...

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

Roger Federer fa sempre più parte del gotha del tennis. Nonostante il trascorrere degli anni (quest’anno ad agosto saranno 37)  il campione svizzero continua a stupire. E vincere. Oggi si è aggiudicato il ventesimo slam della sua carriera, conquistando per la sesta volta gli Open d’Australia. Anche secondo gli addetti ai lavori non è dato sapere tali quando cesserà di vincere e di stupire. Si accettano scommesse. «Non so nemmeno io quanto potrò continuare a giocare così - ha detto in conferenza stampa, gli occhi ancora inumiditi dal pianto irrefrenabile che, ancora una volta non era riuscito a controllare -. Sono un po’ arrabbiato con me stesso perché sul campo, al termine della finale avrei voluto dire altre cose e non sono riuscito, ma allo stesso tempo significa che provo ancora grandi emozioni, che la passione è sempre forte».

Nel 2016, dopo l’incidente nella semifinale a Wimbledon la sua carriera pareva conclusa. O comunque fortemente compromessa. Ovviamente, la classe di “The Swiss Maestro” (com’è simpaticamente soprannominato), lo straordinario talento, l’eleganza inarrivabile del suo tennis, nessuno si sognava di discuterli, ma i 35 anni suonati più un lustro di digiuno da Slam, parevano ostacoli ormai insormontabili, muraglie invalicabili anche per un fenomeno assoluto come lui. E invece nel 2017 ha vinto due Slam su quattro che da oggi sono diventati tre degli ultimi cinque. A Wimbledon aveva vinto senza perdere un set in tutto il torneo. In Australia ha bissato il trionfo dell’anno scorso, conquistando con il ventesimo Slam (Rafa ne ha 16) anche il sesto Australian Open come Novak Djokovic e come Roy Emerson. In quanto a primati nella storia del tennis Federer non è seconda a nessuno: è infatti il giocatore che è stato più a lungo il numero uno al mondo, sia come totale di settimane in vetta al ranking mondiale Atp (302), sia per il totale di settimane consecutive (237, dal 2 febbraio 2004 al 17 agosto 2008).E scusate se è poco!

Adesso Roger sarà il favorito anche a Indian Wells e Miami e soprattutto a Wimbledon, ma tutti gli appassionati sono curiosi di vedere quello che riuscirà a fare anche sulla terra rossa al Roland Garros che ha vinto una sola volta nel 2009. Il ventesimo Slam ha tutta l’aria di non essere l’ultimo.

 

Sport
Tutta la forza di Shaquem Griffin
Tutta la forza di Shaquem Griffin
È cresciuto senza una mano, ma questo non gli ha impedito di diventare un professionista di football americano: ha debuttato nella NFL qualche giorno fa
Giudicate voi, ma questa vignetta è razzista o no?
Giudicate voi, ma questa vignetta è razzista o no?
L'ha disegnata Mark Knight per l'Herald Sun, un giornale australiano. Riproduce Serena Williams in preda a una crisi di infantilismo, con tratti somatici afro-americani accentuali. Per la scrittrice Rowling è "razzismo"
Raikkonen lascia la Ferrari
Raikkonen lascia la Ferrari
L’annuncio della scuderia ufficializza le voci di un divorzio che era nell’aria da tempo. Al suo posto il ventenne Charles Leclerc
Fenati, la mamma lo difende, il team lo scarica
Fenati, la mamma lo difende, il team lo scarica
Il pilota di Moto2, dopo un contatto con il rivale Andrea Manzi, lo affianca e gli pinza la leva del freno: poteva avere gravi conseguenze. Sospeso per due gare. Punito anche Manzi. Minacce di morte sul web
Allegri prepara le valigie?
Allegri prepara le valigie?
Si dice e si mormora che il tecnico della Juventus a fine campionato possa emigrare verso altre società, probabilmente all’estero. Al suo posto il ritorno di Zinedine Zidane
Serena, 17mila dollari di multa
Serena, 17mila dollari di multa
"Arbitro ladro e sessista", arriva la sanzione. Le ha tolto un set perché lo ha definito "ladro". Poi un altro punto per un intervento del suo allenatore. Vince la gelida 20enne Osaka. Le grandi del tennis con Williams
Oro e nero, colori che sanno di storia
Oro e nero, colori che sanno di storia
Un’operazione da “ritorno al futuro” per la rediviva FC Torinese, vera progenitrice del calcio subalpino e di quello nazionale
Trump critica Nike, boom di vendite
Trump critica Nike, boom di vendite
Dopo avere assunto come testimonial Colin Kaepernick, vendite salite del 31 per cento. Il giocatore ex 49ers è un simbolo della lotta alle discriminazioni razziali, fortemente criticato dal presidente
Sorpresa Nike, sceglie Just do it
Sorpresa Nike, sceglie Just do it
Colpo a sorpresa della multinazionale che assume Colin Kaepernick, ex 49ers, come simbolo di una campagna contro la discriminazione raziale. Il quarterback era stato il primo a inginocchiarsi durante l'inno nazionale Usa
I nuovi guai di Paul Gascoine
I nuovi guai di Paul Gascoine
“Gazza” ha colpito ancora: è stato fermato dalla polizia per aver molestato una donna in treno. Ma è solo l’ultimo episodio di una vita fatta di eccessi