Gol di gomito, Cutrone graziato
dal giudice sportivo

| Il primo gol segnato dal milanista alla Lazio nel posticipo di domenica non è stato considerato antisportivo nonostante la richiesta di due giornate di squalifica da parte della Procura federale

+ Miei preferiti

di Piero Abrate

 

A cosa serve la Var se poi non viene usata a proposito? E’ questa la domanda che si pongono addetti ai lavori, tifosi e semplici appassionati. L’ultimo caso eclatante risale a domenica nel corso del posticipo tra Milan e Lazio, vinto dai rossoneri per 2 a 1. Il gol del giovane Patrick Cutrone è, infatti, stato viziato da un clamoroso tocco con il gomito che ha mandato direttamente la palla in rete. Nessuno, sino al termine del primo tempo quando le squadre sono scese negli spogliatoi si è accorto dell’accaduto: ne l’arbitro, né tantomeno i giocatori della Lazio e gli stessi tifosi che assistono tra gli spalti, mentre la nebbia sale e avvolge una parte del campo, riportando alla mente la canzone di Roberto Vecchioni. Soltanto nella pausa tra il primo e il secondo tempo, rivedendo i filmati propositi da Sky con telecamera dedicata,  si è scoperta la scorrettezza compiuta dal giocatore milanista.  

La Procura federale ha richiesto al giudice sportivo di utilizzare la prova televisiva contro l’attaccante del Milan. Ma la richiesta non è stata accolta. Il giudice della serie A, Gerardo Mastrandrea, vista la prova tv, ha deciso di non adottare alcun provvedimento disciplinare. Dopo aver visionato le immagini ha sottolineato:  «Considerato che, nel caso di specie, il gesto non risulta connotato da sicura volontarietà, avuto riguardo alla particolare velocità dell'azione e del movimento della palla, nonché, soprattutto, alla sussistente di un evidente tentativo di colpire la palla con la testa e del contestuale e non innaturale movimento del braccio, in relazione, quest'ultimo, allo slancio per colpire la palla di testa  si delibera di non adottare alcun provvedimento disciplinare».

Resta comunque il fatto che, volontario e meno, il gesto di Cutrone ha creato tanto malumore nel mondo del calcio, riportando alla mente i precedenti storici, a partire da quello di Maradona ai Mondiali del 1986 che venne ribattezzato la “mano de Dios” visto che era stato inflitto ai nemici storici dell’Inghilterra.  A non vederlo in quello storico quarto di finale fu soltanto la terna arbitrale e a nulla valsero le proteste degli  inglesi. Il direttore di gara convalidò la rete e i sudamericani fecero un passo fondamentale verso il loro secondo titolo iridato.

 

SPORT
Il ritorno di Hulk Hogan
Il ritorno di Hulk Hogan
A 65 anni suonati, l’ex leggenda del wrestling sta preparando un clamoroso ritorno sul ring: “Riscriveremo la storia di questo sport”
Parma perdonato, in A senza penalità
Parma perdonato, in A senza penalità
Tolti i - 5 punti per i presunti tentativi di addomesticare le partire, pagherà solo una multa. Va bene anche all'attaccante Calajò, fermo sino al 31 dicembre.
Toto Wolf: "Mi manchi amico mio"
Toto Wolf: "Mi manchi amico mio"
Condizioni sempre stazionarie per l’ex ferrarista, sottoposto ad un intervento di trapianto polmonare. Medici: "Intervento riuscito, lunga convalescenza". La famiglia chiusa nel silenzio, commozione Mercedes
Mia Chapman, 15 anni e l’adrenalina delle gare
Mia Chapman, 15 anni e l’adrenalina delle gare
Da quando aveva cinque anni corre in fuoristrada, e da poco è finita sotto contratto con la Red Bull, che per lei ha in mente un futuro straordinario
Morto Brian Christopher, leggenda del Wrestling
Morto Brian Christopher, leggenda del Wrestling
Era ricoverato dopo aver tentato di impiccarsi in cella. A poche ore di distanza, altri due ex campioni sono morti in circostanze diverse
Dembelè finanzia moschea, francesi infuriati
Dembelè finanzia moschea, francesi infuriati
Il giocatore dopo la vittoria ai Mondiali destina il premio alla costruzione di una moschea in Mauritania. "Scelta discutibile", osservano molti media d'Oltralpe. Lui: "Lo rifarei"
Renzi junior goleador in prova all'Udinese
Renzi junior goleador in prova all
Francesco, figlio dell'ex premier Matteo Renzi, è in prova nella Primavera della squadra friulana. Già convocato per la nazionale under 17. E' un promettente goleador
"Se vinco sono tedesco, se perdo turco"
"Se vinco sono tedesco, se perdo turco"
Il caso del giocatore Ozil che abbandona per protesta la nazionale tedesca dopo le polemiche seguite all'eliminazione della Germania dai mondiali. L'analisi del Guardian sul razzismo e sulla mancata integrazione anche nello sport
Rapina, ucciso l'olimpionico Dennis Ten
Rapina, ucciso l
Il pattinatore artistico kazako aveva vinto la prima medaglia olimpionica nel 2014 per il suo Paese. Lutto nazionale deciso dal governo. Accoltellato da due rapinatori mentre era in auto. Dolore degli atleti di tutto il mondo
Volkswagen conquista la Pikes Peak
Volkswagen conquista la Pikes Peak
La I.D. R 100% elettrica ha fatto la storia, polverizzando il record nella cronoscalata più celebre del pianeta. Una vittoria epocale ma anche un laboratorio per la prossima generazione della I.D. Family del costruttore tedesco