Gol di gomito, Cutrone graziato
dal giudice sportivo

| Il primo gol segnato dal milanista alla Lazio nel posticipo di domenica non è stato considerato antisportivo nonostante la richiesta di due giornate di squalifica da parte della Procura federale

+ Miei preferiti

di Piero Abrate

 

A cosa serve la Var se poi non viene usata a proposito? E’ questa la domanda che si pongono addetti ai lavori, tifosi e semplici appassionati. L’ultimo caso eclatante risale a domenica nel corso del posticipo tra Milan e Lazio, vinto dai rossoneri per 2 a 1. Il gol del giovane Patrick Cutrone è, infatti, stato viziato da un clamoroso tocco con il gomito che ha mandato direttamente la palla in rete. Nessuno, sino al termine del primo tempo quando le squadre sono scese negli spogliatoi si è accorto dell’accaduto: ne l’arbitro, né tantomeno i giocatori della Lazio e gli stessi tifosi che assistono tra gli spalti, mentre la nebbia sale e avvolge una parte del campo, riportando alla mente la canzone di Roberto Vecchioni. Soltanto nella pausa tra il primo e il secondo tempo, rivedendo i filmati propositi da Sky con telecamera dedicata,  si è scoperta la scorrettezza compiuta dal giocatore milanista.  

La Procura federale ha richiesto al giudice sportivo di utilizzare la prova televisiva contro l’attaccante del Milan. Ma la richiesta non è stata accolta. Il giudice della serie A, Gerardo Mastrandrea, vista la prova tv, ha deciso di non adottare alcun provvedimento disciplinare. Dopo aver visionato le immagini ha sottolineato:  «Considerato che, nel caso di specie, il gesto non risulta connotato da sicura volontarietà, avuto riguardo alla particolare velocità dell'azione e del movimento della palla, nonché, soprattutto, alla sussistente di un evidente tentativo di colpire la palla con la testa e del contestuale e non innaturale movimento del braccio, in relazione, quest'ultimo, allo slancio per colpire la palla di testa  si delibera di non adottare alcun provvedimento disciplinare».

Resta comunque il fatto che, volontario e meno, il gesto di Cutrone ha creato tanto malumore nel mondo del calcio, riportando alla mente i precedenti storici, a partire da quello di Maradona ai Mondiali del 1986 che venne ribattezzato la “mano de Dios” visto che era stato inflitto ai nemici storici dell’Inghilterra.  A non vederlo in quello storico quarto di finale fu soltanto la terna arbitrale e a nulla valsero le proteste degli  inglesi. Il direttore di gara convalidò la rete e i sudamericani fecero un passo fondamentale verso il loro secondo titolo iridato.

 

Sport
Lo scandalo del calcio belga
Lo scandalo del calcio belga
Riciclaggio, corruzione, passaggi di proprietà fumosi: diversi nomi eccellenti fra le 29 persone arrestate finora
Ancora pressing su Cristiano Ronaldo
Ancora pressing su Cristiano Ronaldo
Der Spiegel annuncia centinaia di documenti che proverebbero lo stupro. I legali di CR7 invece annunciano la disponibilità del campione portoghese ad essere interrogato dalla polizia del Nevada
La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool
La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool
Arruolato nella Guardia Nazionale, Bruce Grobbelaar viene spedito sui campi di battaglia nella guerra civile in Rhodesia: “Ho ucciso tanti uomini, troppi. Mi ha salvato il calcio”
La mamma-razzo: 296 km/h in bicicletta
La mamma-razzo: 296 km/h in bicicletta
Denise Mueller-Korenek ha stabilito il record del mondo sul lago salato di Bonneville, nello Utah, usando come “lepre” un mostruoso dragster
Tutta la forza di Shaquem Griffin
Tutta la forza di Shaquem Griffin
È cresciuto senza una mano, ma questo non gli ha impedito di diventare un professionista di football americano: ha debuttato nella NFL qualche giorno fa
Giudicate voi, ma questa vignetta è razzista o no?
Giudicate voi, ma questa vignetta è razzista o no?
L'ha disegnata Mark Knight per l'Herald Sun, un giornale australiano. Riproduce Serena Williams in preda a una crisi di infantilismo, con tratti somatici afro-americani accentuali. Per la scrittrice Rowling è "razzismo"
Raikkonen lascia la Ferrari
Raikkonen lascia la Ferrari
L’annuncio della scuderia ufficializza le voci di un divorzio che era nell’aria da tempo. Al suo posto il ventenne Charles Leclerc
Fenati, la mamma lo difende, il team lo scarica
Fenati, la mamma lo difende, il team lo scarica
Il pilota di Moto2, dopo un contatto con il rivale Andrea Manzi, lo affianca e gli pinza la leva del freno: poteva avere gravi conseguenze. Sospeso per due gare. Punito anche Manzi. Minacce di morte sul web
Allegri prepara le valigie?
Allegri prepara le valigie?
Si dice e si mormora che il tecnico della Juventus a fine campionato possa emigrare verso altre società, probabilmente all’estero. Al suo posto il ritorno di Zinedine Zidane
Serena, 17mila dollari di multa
Serena, 17mila dollari di multa
"Arbitro ladro e sessista", arriva la sanzione. Le ha tolto un set perché lo ha definito "ladro". Poi un altro punto per un intervento del suo allenatore. Vince la gelida 20enne Osaka. Le grandi del tennis con Williams