Bruno Peres patente ritirata, tifosi contro

| E' recidivo. Alle 5.30 del mattino, con il grado alcolemico alle stelle, ha distrutto la sua Lamborghini. Polemiche sui social: “Più auto distrutte che partite decenti”. E il nome si trasforma in Ceres

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

La notizia dell’incidente stradale del difensore della Roma Bruno Peres avvenuto nella notte di ieri è rimbalzato sin da stamane sui social network, creando più che apprensione rabbia da parte dei tifosi giallorossi. Per il terzino si tratta del secondo schianto in macchina in poco più di un anno. Alla stessa ora (le 5.30 di mattina) aveva già distrutto un Porsche nel 2016. Questa volta, invece, ha sfasciato completamente una Lamborghini. Fortunatamente in entrambe le occasioni Peres è uscito illeso. Questa volta, però, ad aggravare la situazione c’è un tasso alcolemico di poco meno di 2 grammi/litro, quasi 4 volte superiore al limite consentito. Al giocatore è stata ritirata la patente. Ovviamente l’ironia da parte degli appassionati di calcio non ha lasciato alcuna via di scampo al brasiliano, il cui nome è stato storpiato facendo il verso ad una nota marca di birra: da Peres a Ceres. Dalle pagine Facebook e Twitter: «Ha deciso di riscattarsi facendo incidenti alle 5.30 del mattino?» oppure  «Prima la Porsche, adesso la Lamborghini. Più che un calciatore, Bruno Peres è uno sfasciacarrozze» o ancora «L’associazione romana carrozzieri ringrazia Bruno Peres per lo sforzo profuso nel sostegno della categoria». E per concludere, ma non è sicuramente l’ultimo: «Alle 5 di mattina, positivo dell’alcol test… Ma non ti vergogni? Che professionalità dimostri? Decurtazione dello stipendio o addirittura rescissione. Meno male che aveva rispetto dei tifosi…»

Certo, il 2018 non si è iniziato nel modo migliore per il terzino brasiliano, al centro per tutto gennaio di tante voci di mercato. Prima il Benfica e il Galatasaray, poi il possibile scambio col Genoa nelle ultime ore della sessione invernale: Laxalt a Roma, il brasiliano in rossoblù. Alla fine non se n’è fatto nulla, anche per il rifiuto del l’ex giocatore granata a cambiare maglia.

«Quello che mi ha convinto è stato l’amore per questa città, per questi colori e per la gente della Roma. Voglio riscattarmi“, aveva scritto il 31 gennaio su Instagram. Meno di una settimana dopo è arrivato l’incidente. Nonostante i buoni propositi e i messaggi d’amore rivolti alla Roma, la scintilla tra Peres e i tifosi giallorossi non è mai scoccata. Dopo il suo arrivo a Trigoria da Torino, in campo non ha mai lasciato il segno se non con errori che spesso sono costati cari alla squadra.  Nei prossimi giorni ci sarà un confronto con Di Francesco e Monchi, ma il futuro  del brasiliano con la casacca giallorossa sembra ormai segnato. Per ora è stato depennato dalla lista dei convocati per il prossimo match con il Benevento.

 

 

SPORT
"Pago il fisco ma non mi arrestate"
"Pago il fisco ma non mi arrestate"
Cristiano Ronaldo rischia la galera per evasione fiscale e si pente: "Pago tutto ma chiudete l'inchiesta della procura di Madrid". Scoperta un'evasione di 150 milioni di euro, attraverso una rete di società off-shore
CR7, un cartoon e un telefilm
CR7, un cartoon e un telefilm
La stella del Real Madrid sta lavorando intensamente a due progetti legati al suo nome, ormai un vero marchio di fabbrica dai fatturati stellari
Peter Norman, il terzo della foto
Peter Norman, il terzo della foto
A dodici anni dalla scomparsa, l’Australia riabilita e premia lo sprinter che nelle Olimpiadi del 1969 in Messico diede la sua solidarietà ai due colleghi Usa affiliati ai Black Panther. Pugno chiuso guantato di nero
Miki Biasion: “La Delta Integrale? Potrei rifarla io”
Miki Biasion: “La Delta Integrale? Potrei rifarla io”
ESCLUSIVO - Due volte sul podio per il titolo mondiale, per questo alla Delta resta legato in modo indissolubile. Intervista piena di “amarcord” in cui il campione confessa di avere ancora un sogno da realizzare
Inglesi certi: Conte di nuovo ct della Nazionale
Inglesi certi: Conte di nuovo ct della Nazionale
A fine stagione non rinnoverà il contratto con il Chelsea e si appresta a riprendere la guida degli azzurri in vista degli Europei. Tabloid scatenati
1000 Miglia, il ritorno della leggenda
1000 Miglia, il ritorno della leggenda
Tutto pronto per la 36esima edizione della rievocazione storica del “museo viaggiante”: 725 equipaggi su e giù per l’Italia dal 16 al 19 maggio
“Voglio almeno un morto in carriera”
“Voglio almeno un morto in carriera”
È la frase shock pronunciata da Deontay Wilder, pugile americano con 40 vittorie per KO su 40 incontri disputati. Il mondo della boxe condanna e promette provvedimenti
"Auguri a tutti per fine campionato, a Sarri un po' meno"
"Auguri a tutti per fine campionato, a Sarri un po
Allegri vince la "Panchina d'oro 2017 per la quarta volta, al secondo e terzo posto Gasperini e Sarti. Il tecnico della Juve ringrazia società e calciatori. Un pensiero a Davide Astori e alla Nazionale
Si chiude la vicenda di Lance Armstrong
Si chiude la vicenda di Lance Armstrong
L’ex ciclista radiato e privato di tutti i titoli per doping, ha patteggiato davanti al tribunale chiedendo lo scandalo di cui era stato protagonista nel 2012
Dieci anni per il monomarca Lamborghini
Dieci anni per il monomarca Lamborghini
In scena in contemporanea in Nord America, Europa e Asia, il “Super Trofeo” arriva al giro di boa del primo decennale portando sulle piste la “Huracán Super Trofeo Evo”