Bruno Peres patente ritirata, tifosi contro

| E' recidivo. Alle 5.30 del mattino, con il grado alcolemico alle stelle, ha distrutto la sua Lamborghini. Polemiche sui social: “Più auto distrutte che partite decenti”. E il nome si trasforma in Ceres

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

La notizia dell’incidente stradale del difensore della Roma Bruno Peres avvenuto nella notte di ieri è rimbalzato sin da stamane sui social network, creando più che apprensione rabbia da parte dei tifosi giallorossi. Per il terzino si tratta del secondo schianto in macchina in poco più di un anno. Alla stessa ora (le 5.30 di mattina) aveva già distrutto un Porsche nel 2016. Questa volta, invece, ha sfasciato completamente una Lamborghini. Fortunatamente in entrambe le occasioni Peres è uscito illeso. Questa volta, però, ad aggravare la situazione c’è un tasso alcolemico di poco meno di 2 grammi/litro, quasi 4 volte superiore al limite consentito. Al giocatore è stata ritirata la patente. Ovviamente l’ironia da parte degli appassionati di calcio non ha lasciato alcuna via di scampo al brasiliano, il cui nome è stato storpiato facendo il verso ad una nota marca di birra: da Peres a Ceres. Dalle pagine Facebook e Twitter: «Ha deciso di riscattarsi facendo incidenti alle 5.30 del mattino?» oppure  «Prima la Porsche, adesso la Lamborghini. Più che un calciatore, Bruno Peres è uno sfasciacarrozze» o ancora «L’associazione romana carrozzieri ringrazia Bruno Peres per lo sforzo profuso nel sostegno della categoria». E per concludere, ma non è sicuramente l’ultimo: «Alle 5 di mattina, positivo dell’alcol test… Ma non ti vergogni? Che professionalità dimostri? Decurtazione dello stipendio o addirittura rescissione. Meno male che aveva rispetto dei tifosi…»

Certo, il 2018 non si è iniziato nel modo migliore per il terzino brasiliano, al centro per tutto gennaio di tante voci di mercato. Prima il Benfica e il Galatasaray, poi il possibile scambio col Genoa nelle ultime ore della sessione invernale: Laxalt a Roma, il brasiliano in rossoblù. Alla fine non se n’è fatto nulla, anche per il rifiuto del l’ex giocatore granata a cambiare maglia.

«Quello che mi ha convinto è stato l’amore per questa città, per questi colori e per la gente della Roma. Voglio riscattarmi“, aveva scritto il 31 gennaio su Instagram. Meno di una settimana dopo è arrivato l’incidente. Nonostante i buoni propositi e i messaggi d’amore rivolti alla Roma, la scintilla tra Peres e i tifosi giallorossi non è mai scoccata. Dopo il suo arrivo a Trigoria da Torino, in campo non ha mai lasciato il segno se non con errori che spesso sono costati cari alla squadra.  Nei prossimi giorni ci sarà un confronto con Di Francesco e Monchi, ma il futuro  del brasiliano con la casacca giallorossa sembra ormai segnato. Per ora è stato depennato dalla lista dei convocati per il prossimo match con il Benevento.

 

 

SPORT
Il ritorno di Hulk Hogan
Il ritorno di Hulk Hogan
A 65 anni suonati, l’ex leggenda del wrestling sta preparando un clamoroso ritorno sul ring: “Riscriveremo la storia di questo sport”
Parma perdonato, in A senza penalità
Parma perdonato, in A senza penalità
Tolti i - 5 punti per i presunti tentativi di addomesticare le partire, pagherà solo una multa. Va bene anche all'attaccante Calajò, fermo sino al 31 dicembre.
Toto Wolf: "Mi manchi amico mio"
Toto Wolf: "Mi manchi amico mio"
Condizioni sempre stazionarie per l’ex ferrarista, sottoposto ad un intervento di trapianto polmonare. Medici: "Intervento riuscito, lunga convalescenza". La famiglia chiusa nel silenzio, commozione Mercedes
Mia Chapman, 15 anni e l’adrenalina delle gare
Mia Chapman, 15 anni e l’adrenalina delle gare
Da quando aveva cinque anni corre in fuoristrada, e da poco è finita sotto contratto con la Red Bull, che per lei ha in mente un futuro straordinario
Morto Brian Christopher, leggenda del Wrestling
Morto Brian Christopher, leggenda del Wrestling
Era ricoverato dopo aver tentato di impiccarsi in cella. A poche ore di distanza, altri due ex campioni sono morti in circostanze diverse
Dembelè finanzia moschea, francesi infuriati
Dembelè finanzia moschea, francesi infuriati
Il giocatore dopo la vittoria ai Mondiali destina il premio alla costruzione di una moschea in Mauritania. "Scelta discutibile", osservano molti media d'Oltralpe. Lui: "Lo rifarei"
Renzi junior goleador in prova all'Udinese
Renzi junior goleador in prova all
Francesco, figlio dell'ex premier Matteo Renzi, è in prova nella Primavera della squadra friulana. Già convocato per la nazionale under 17. E' un promettente goleador
"Se vinco sono tedesco, se perdo turco"
"Se vinco sono tedesco, se perdo turco"
Il caso del giocatore Ozil che abbandona per protesta la nazionale tedesca dopo le polemiche seguite all'eliminazione della Germania dai mondiali. L'analisi del Guardian sul razzismo e sulla mancata integrazione anche nello sport
Rapina, ucciso l'olimpionico Dennis Ten
Rapina, ucciso l
Il pattinatore artistico kazako aveva vinto la prima medaglia olimpionica nel 2014 per il suo Paese. Lutto nazionale deciso dal governo. Accoltellato da due rapinatori mentre era in auto. Dolore degli atleti di tutto il mondo
Volkswagen conquista la Pikes Peak
Volkswagen conquista la Pikes Peak
La I.D. R 100% elettrica ha fatto la storia, polverizzando il record nella cronoscalata più celebre del pianeta. Una vittoria epocale ma anche un laboratorio per la prossima generazione della I.D. Family del costruttore tedesco