La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool

| Arruolato nella Guardia Nazionale, Bruce Grobbelaar viene spedito sui campi di battaglia nella guerra civile in Rhodesia: “Ho ucciso tanti uomini, troppi. Mi ha salvato il calcio”

+ Miei preferiti
Nei peggiori incubi dei tifosi romanisti, il nome di Bruce Grobbelaar è inciso a fuoco: Stadio Olimpico, 30 maggio 1984, finale di Coppa Campioni fra Roma e Liverpool. Phil Neal porta in vantaggio i “Reds”, ma Pruzzo agguanta il pareggio facendo esplodere lo stadio di gioia. Ma il risultato si blocca lì: la partita finisce ai rigori, e inizia lo show di Grobbelaar, estremo difensore del Liverpool, che riesce a imbambolare Conti e Graziani, dando la vittoria ai “Reds”.

La carriera di Grobbelaar prosegue fino al 2002, quando abbandona il calcio giocato e tenta quella di allenatore in diverse squadre sudafricane, con fortune alterne.

Ma è solo adesso, a tanti anni di distanza dai campi di calcio che Bruce Grobbelaar ha deciso di rivelare una parte della sua vita, rimasta nascosta per lungo tempo. L’ha fatto ai microfoni del “Guardian”, raccontando un passato di cui non va fiero che gli ha tolto il sonno per buona parte dell’esistenza.

Nato a Durban, in Sudafrica, aveva 18 anni quando viene arruolato nella Guardia Nazionale e spedito in Rhodesia per placare la sanguinosa guerra civile: da una parte la fazione bianca al comando di Ian Smith, dall’altra i guerriglieri antigovernativi “Zanu” e “Napu” guidati da Robert Mugabe. In mezzo i civili: 8.000 morti che si aggiungono ai 10mila guerriglieri e quasi 2mila militari rhodesiani che faranno da conto finale all’inutile massacro.

Giovane, inesperto e terrorizzato, per salvarsi la vita Grobbelaar confessa di aver dovuto uccidere. Non rivela quanti nemici, dice solo “Tanti”, forse perché da allora tenta di rimuovere le troppe tracce di sangue dalla memoria. “Mi sono pentito di quello che ho fatto, ma non posso cambiare il mio passato”.

Racconta la prima volta, quella la ricorda bene: “Era il tramonto, il momento della giornata in cui riesci a riconoscere qualcuno solo dal bianco degli occhi: sono istanti terribili, inizi a sparare e dall’altra parte rispondono al fuoco. Quando è tornato il silenzio ho riaperto gli occhi, ho visto decine di corpi per terra e lo stomaco mi è salito fino alla gola”. I ricordi si accavallano, e sono immagini una più terribile dell’altra: “Avevo un compagno di reparto la cui famiglia era stata torturata e massacrata: voleva vendetta, e ad ogni nemico che uccideva tagliava le orecchie, che conservava in un vaso. Di vasi ne aveva tantissimi”. Esperienze difficili e traumatizzanti che, ammette Grobbelaar, l’hanno portato a sfiorare l’idea del suicidio: “Ricordo due miei compagni di reparto che si sono uccisi la stessa sera, a pochi minuti di distanza uno dall’altro, in due bagni del campo”.

Nel 1979, quando la guerra finisce, Bruce Grobbelaar emigra in Canada, entrando nelle file dei “Vancouver Whitecap” fino all’anno successivo, quando viene ceduto al Liverpool, dove resta fino al 1993 vincendo 6 Premier League, tre coppe d’Inghilterra e la Coppa dei Campioni che ancora toglie il sonno ai romanisti. “È stato il calcio a salvarmi dalla depressione e mia ha tenuto lontano dagli orrori della guerra”.

Un anno dopo la vittoria all’Olimpico, un’altra esperienza traumatica: era fra i pali del Liverpool anche durante la tragica finale di Coppa Campioni contro la Juventus, allo stadio Heysel: “Fu ancora peggio della guerra: c’erano persone innocenti e sentire i muri che crollavano e i corpi che cadevano fu terribile”.

Galleria fotografica
La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool - immagine 1
La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool - immagine 2
La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool - immagine 3
La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool - immagine 4
Sport
Muore la leggenda italiana della Thai Boxe
Muore la leggenda italiana della Thai Boxe
Christian Daghio si è accasciato sul ring a pochi secondi dalla fine di un incontro. Era stato il primo italiano a cui la Thailandia aveva concesso di poter praticare a livello professionistico la Thai Boxe
Leggenda del fitness muore a 42 anni
Leggenda del fitness muore a 42 anni
Mandy Blank, trainer di celebrità e stella del bodybuilding americano, è stata trovata morta nella sua abitazione
La nazionale carioca dei nani-giganti
La nazionale carioca dei nani-giganti
In Brasile gli atleti afflitti da nanismo rivelano straordinari talenti con la palla ai piedi. Ora vogliono il riconoscimento della Federazione per partecipare ai team paraolimpici
Morto tra le fiamme con la figlia
il patron del Leicester
Morto tra le fiamme con la figlia<br>il patron del Leicester
Era a bordo con figlia e due membri dell'equipaggio nell'elicottero che lo stava portando nella sua residenza dal parcheggio vicino allo stadio. Bilancio non ufficiale di 4 morti. Lutto in Europa, non solo nello sport
Calcio, De Laurentis sbanca Bari
Calcio, De Laurentis sbanca Bari
Il sindaco De Caro lo apprezza ma ammette "che ha un pessimo carattere, però la squadra fa bene". Ripartenza dalla serie B
Cina addio, il Parma torna italiano
Cina addio, il Parma torna italiano
Entra in gioco una cordata di imprenditori italiani, compreso il gruppo Barilla. Ai cinesi della Desport resta il 30 per cento
Lo scandalo del calcio belga
Lo scandalo del calcio belga
Riciclaggio, corruzione, passaggi di proprietà fumosi: diversi nomi eccellenti fra le 29 persone arrestate finora
Ancora pressing su Cristiano Ronaldo
Ancora pressing su Cristiano Ronaldo
Der Spiegel annuncia centinaia di documenti che proverebbero lo stupro. I legali di CR7 invece annunciano la disponibilità del campione portoghese ad essere interrogato dalla polizia del Nevada
La mamma-razzo: 296 km/h in bicicletta
La mamma-razzo: 296 km/h in bicicletta
Denise Mueller-Korenek ha stabilito il record del mondo sul lago salato di Bonneville, nello Utah, usando come “lepre” un mostruoso dragster
Tutta la forza di Shaquem Griffin
Tutta la forza di Shaquem Griffin
È cresciuto senza una mano, ma questo non gli ha impedito di diventare un professionista di football americano: ha debuttato nella NFL qualche giorno fa