La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool

| Arruolato nella Guardia Nazionale, Bruce Grobbelaar viene spedito sui campi di battaglia nella guerra civile in Rhodesia: “Ho ucciso tanti uomini, troppi. Mi ha salvato il calcio”

+ Miei preferiti
Nei peggiori incubi dei tifosi romanisti, il nome di Bruce Grobbelaar è inciso a fuoco: Stadio Olimpico, 30 maggio 1984, finale di Coppa Campioni fra Roma e Liverpool. Phil Neal porta in vantaggio i “Reds”, ma Pruzzo agguanta il pareggio facendo esplodere lo stadio di gioia. Ma il risultato si blocca lì: la partita finisce ai rigori, e inizia lo show di Grobbelaar, estremo difensore del Liverpool, che riesce a imbambolare Conti e Graziani, dando la vittoria ai “Reds”.

La carriera di Grobbelaar prosegue fino al 2002, quando abbandona il calcio giocato e tenta quella di allenatore in diverse squadre sudafricane, con fortune alterne.

Ma è solo adesso, a tanti anni di distanza dai campi di calcio che Bruce Grobbelaar ha deciso di rivelare una parte della sua vita, rimasta nascosta per lungo tempo. L’ha fatto ai microfoni del “Guardian”, raccontando un passato di cui non va fiero che gli ha tolto il sonno per buona parte dell’esistenza.

Nato a Durban, in Sudafrica, aveva 18 anni quando viene arruolato nella Guardia Nazionale e spedito in Rhodesia per placare la sanguinosa guerra civile: da una parte la fazione bianca al comando di Ian Smith, dall’altra i guerriglieri antigovernativi “Zanu” e “Napu” guidati da Robert Mugabe. In mezzo i civili: 8.000 morti che si aggiungono ai 10mila guerriglieri e quasi 2mila militari rhodesiani che faranno da conto finale all’inutile massacro.

Giovane, inesperto e terrorizzato, per salvarsi la vita Grobbelaar confessa di aver dovuto uccidere. Non rivela quanti nemici, dice solo “Tanti”, forse perché da allora tenta di rimuovere le troppe tracce di sangue dalla memoria. “Mi sono pentito di quello che ho fatto, ma non posso cambiare il mio passato”.

Racconta la prima volta, quella la ricorda bene: “Era il tramonto, il momento della giornata in cui riesci a riconoscere qualcuno solo dal bianco degli occhi: sono istanti terribili, inizi a sparare e dall’altra parte rispondono al fuoco. Quando è tornato il silenzio ho riaperto gli occhi, ho visto decine di corpi per terra e lo stomaco mi è salito fino alla gola”. I ricordi si accavallano, e sono immagini una più terribile dell’altra: “Avevo un compagno di reparto la cui famiglia era stata torturata e massacrata: voleva vendetta, e ad ogni nemico che uccideva tagliava le orecchie, che conservava in un vaso. Di vasi ne aveva tantissimi”. Esperienze difficili e traumatizzanti che, ammette Grobbelaar, l’hanno portato a sfiorare l’idea del suicidio: “Ricordo due miei compagni di reparto che si sono uccisi la stessa sera, a pochi minuti di distanza uno dall’altro, in due bagni del campo”.

Nel 1979, quando la guerra finisce, Bruce Grobbelaar emigra in Canada, entrando nelle file dei “Vancouver Whitecap” fino all’anno successivo, quando viene ceduto al Liverpool, dove resta fino al 1993 vincendo 6 Premier League, tre coppe d’Inghilterra e la Coppa dei Campioni che ancora toglie il sonno ai romanisti. “È stato il calcio a salvarmi dalla depressione e mia ha tenuto lontano dagli orrori della guerra”.

Un anno dopo la vittoria all’Olimpico, un’altra esperienza traumatica: era fra i pali del Liverpool anche durante la tragica finale di Coppa Campioni contro la Juventus, allo stadio Heysel: “Fu ancora peggio della guerra: c’erano persone innocenti e sentire i muri che crollavano e i corpi che cadevano fu terribile”.

Galleria fotografica
La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool - immagine 1
La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool - immagine 2
La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool - immagine 3
La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool - immagine 4
Sport
Ancora fiori per Davide Astori
Ancora fiori per Davide Astori
Continua la processione dei tifosi al Franchi per ricordare il 32 compleanno del capitano stroncato da un malore il 4 marzo
Un'altra ex accusa CR7
Un
L'ex modella inglese Jasmine Lennard, fiamma di CR7 ai tempi del Manchester United, accusa il campione portoghese di minacce e assicura: “Se il mondo sapesse chi è davvero, inorridirebbe”. Quasi pronta (e ovvia) la richiesta danni
Cori anti-semiti a Wembley, in cella 17enne
Cori anti-semiti a Wembley, in cella 17enne
Tolleranza zero negli stadi inglesi contro il razzismo. Il tifoso minorenne del Chelsea aveva insultato i giocatori del Tottenham durante un torneo giovanile. Perché non fare anche in Italia?
Wayne Rooney arrestato per ubriachezza
Wayne Rooney arrestato per ubriachezza
L’ex stella del Manchester United, in forze al D.C. United, sarebbe stato fermato dagli agenti all’aeroporto di Washington. La notizia diffusa solo in queste ore
The Schumacher dynasty
The Schumacher dynasty
Inghiottito dall’incidente sugli sci di cinque anni fa, forse Michael non sa quanto i suoi due figli stiano diventando grandi e forti come erano lui e sua moglie Corinna
Il giocatore turco malato per ferie
Il giocatore turco malato per ferie
Serdar Aziz, difensore del Galatasaray, ha marcato visita per un’influenza, ma un post della moglie ha svelato che si trovava alle Maldive in vacanza
"Manager NFL, mentalità da schiavisti"
"Manager NFL, mentalità da schiavisti"
Attacco della star dei Lakers, LeBron James ai vertici della Federazione del Football Usa. Gli atleti che contestano Trump sono stati discriminati e ancora senza ingaggio. "Si compartano come padroni del mondo"
Marotta? Mai stato juventino...
Marotta? Mai stato juventino...
Volano gli stracci tra l'ex numero uno della Juventus e il suo ex vice Nedved. Nel mondo del calcio (e non solo) gli amori cambiano in fretta
Super Mario Cipollini ha picchiato la sorella
Super Mario Cipollini ha picchiato la sorella
Processo a luglio 2019, durante una lite avrebbe schiaffeggiato e spinto a terra la sorella Tiziana per motivi, pare, economici. Seconda causa con l'ex moglie per un'altra aggressione. Luci e ombre di un campione vero
Spalletti, non ho cacciato Totti
Spalletti, non ho cacciato Totti
Precisazioni dopo Roma-inter, l'ex mister non ha incontrato Totti alla fine di una partita avvincente