Che brutta avventura, mister Ventura

| Dopo la figuraccia degli Azzurri contro la Svezia è scomparso dalle scene, per riemergere nell’alessandrino, dove gli hanno consegnato un premio

+ Miei preferiti
Per qualcuno la notizia vera è che sia stato chiamato per ricevere il premio di “Sarezzanese illustre”. Forse perché di imprese illustri, Giampiero Ventura, anche a sforzare la memoria non è che ne abbia poi così tante da vantare. Ma per Sarezzano, 1.205 abitanti nelle campagne tortonesi dell’alessandrino, paese natale del padre, quel che ha fatto basta e avanza.

E dal palco del premio, a un paio di mesi di distanza dalla clamorosa uscita di scena della sua Nazionale dai prossimi mondiali di calcio, si è lasciato andare a qualche confidenza. Le prime, dopo l’eclissi totale dalle ribalte mediatiche, per sottrarsi allo tsunami di critiche e insulti.

L’esordio, dal palco alessandrino, per quanto distillato dagli obblighi del contratto con la FIGCI, prometteva bene: “Trentacinque anni di emozioni in questo lavoro non si cancellano con tre mesi infausti”. Applauso. Quindi l’affondo: “Spero di trovare preso un incarico che mi permetta di ripartire in una dimensione a me più consona, quella dei club”. Altro applauso. Per finire con un’ammissione, condita da una sorta di velata minaccia: “L’ultima esperienza è stata qualcosa più grande di me, e ho pagato in maniera abbastanza violenta l’esclusione dai mondiali. Nel calcio non esiste una sola persona che vince e nemmeno una che perde: ci sono sempre tante verità, e quando usciranno sarà tutto molto più chiaro”.

Genovese, classe 1948, Giampiero Ventura si avvicina al calcio giocando nelle formazioni giovanili della Sampdoria, ma la carriera sui campi si limita a squadre di serie C e D. Resta nell’ambiente tornando alla Samp come allenatore delle giovanili, diventando poi allenatore dell’Entella Bacezza di Chiavari, che lascia - nell’ordine - per lo Spezia, la Centesa, la Pistoiese e il Giarre. La panchina del Venezia gli apre le porte della Serie B, ma dopo nove giornate la società lo esonera dall’incarico. La carriera prosegue con Lecce, Napoli, Messina, Verona e Pisa, quest’ultima trascinata ai playoff della serie B, salvo poi essere esonerato l’anno successivo.

Alla guida del Genoa, riesce nell’impresa di battere la Juve, impresa che si trasforma in una sorta di lasciapassare per nuove avventure: il 6 giugno 2011, Ventura arriva alla corte di Urbano Cairo, diventando il nuovo allenatore del Torino, ai tempi in serie B. È proprio con i granata, che vive una delle sue rare esperienze internazionali: vincere in casa dell’Athletic Bilbao, sedicesimi di Europa League.

Lasciato il Toro, il suo nome entra nella rosa dei papabili per la panchina della Nazionale, appena lasciata da Antonio Conte. Il resto, per lui, è qualcosa da dimenticare. E per una volta, sono d’accordo in tanti.

SPORT
CR7, la costruzione di un campione
CR7, la costruzione di un campione
Il campione più in forma e determinato dei mondiali di Russia è in realtà una macchina perfetta: allenamenti, diete ferree e nessuno strappo alla regola
Quando Boris era Boom Boom Beker
Quando Boris era Boom Boom Beker
Lo chiamavano così, per via di una battuta e un diritto fulminanti: a 17 anni conquista Winbeldon e in carriera mette insieme 64 titoli fra singolo e doppio, che gli valgono 25 milioni di dollari. Ormai finiti
La classifica dei paperoni dello sport
La classifica dei paperoni dello sport
Come ogni anno, Forbes ha stilato l’elenco degli sportivi meglio pagati del pianeta: in 100 posizioni si dividono qualcosa come 3,2 miliardi di euro
Il Bungee-Jumping dei record
Il Bungee-Jumping dei record
Sarà aperta dal prossimo agosto alla metà dello Zhangjiajie Bridge, in Cina, il ponte in vetro più alto e lungo del pianeta, la piattaforma di Bungee-Jumping vietata ai deboli di cuore
La crisi profonda delle Cheerleaders
La crisi profonda delle Cheerleaders
Il lato sexy dello sport professionistico americano vacilla di fronte a denunce e rivelazioni. Tante le squadre che hanno già deciso di rinunciare alle amatissime ragazze pon-pon
Diritti TV per il calcio? Ne parliamo lunedì
Diritti TV per il calcio? Ne parliamo lunedì
Durante l’inaugurazione del campo di calcio a 8 all’interno del Cottolengo di Torino, il presidente del CONI è stato accolto festosamente da centinaia di bambini e ha espresso qualche opinione su calcio e sport
La corsa più folle del mondo
La corsa più folle del mondo
La Red Bull 400 ha un terreno di gara unico: i trampolini del salto con gli sci, da percorrere di corsa nel minor tempo possibile
"Pago il fisco ma non mi arrestate"
"Pago il fisco ma non mi arrestate"
Cristiano Ronaldo rischia la galera per evasione fiscale e si pente: "Pago tutto ma chiudete l'inchiesta della procura di Madrid". Scoperta un'evasione di 150 milioni di euro, attraverso una rete di società off-shore
CR7, un cartoon e un telefilm
CR7, un cartoon e un telefilm
La stella del Real Madrid sta lavorando intensamente a due progetti legati al suo nome, ormai un vero marchio di fabbrica dai fatturati stellari
Peter Norman, il terzo della foto
Peter Norman, il terzo della foto
A dodici anni dalla scomparsa, l’Australia riabilita e premia lo sprinter che nelle Olimpiadi del 1969 in Messico diede la sua solidarietà ai due colleghi Usa affiliati ai Black Panther. Pugno chiuso guantato di nero