Miura a 51 anni gioca ancora da professionista

| L’ex attaccante di Santos e Genoa ha rinnovato il contratto con lo Yokohama compagine di serie B giapponese. E’ il giocatore più longevo della storia del pallone a livello mondiale

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

Lo ve lo ricordate Kazuyoshi Miura, il giocatore giapponese che nel 1994 approdò in Italia per vestire la maglia del Genoa? Ebbene la sua carriera merita sicuramente il Guinness dei Primati, visto che alla veneranda età di quasi 51 anni (li compirà il 26 febbraio) ha deciso di prolungare il suo contratto da professionista con la squadra dello Yokohama che milita nella seconda divisione nel suo Paese. L’attaccante nipponico disputerà la sua trentatreesima stagione da professionista.

Lo scorso anno ha giocato 12 partite di campionato, segnando una rete con la quale ha migliorato il record, che già gli apparteneva, di miglior marcatore giapponese della J-League. Entrato a far parte dello Yokohama nel 2005, nel marzo 2017 Miura è diventato il giocatore più anziano a scendere in campo in una partita professionistica, all'età di 50 anni e sette giorni, superando il record di longevità della leggenda inglese Stanley Matthews. Una settimana più tardi ha anche stabilito il nuovo primato per il più anziano marcatore della storia del calcio, decidendo la partita vinta dalla sua squadra per 1-0 contro il Thespa Kusatsu.

Soprannominato “King Kazu”, Miura ha giocato anche per il club brasiliano Santos e, come detto, in Italia con il Genoa all'inizio della carriera. Nel 1995, durante la sua permanenza nel Bel Paese si assenta per prendere parte con la sua Nazionale alla Kirin Cup, che tra l’altro si era aggiudicato mettendosi in mostra per le sue grandi doti di rapinatore d’area di rigore, segnando due gol all’Ecuador. Al suo rientro nei rossoblù perde il posto in squadra e così a fine campionato decide di fare ritorno in patria, conquistando negli anni che seguiranno numerosi campionati, Coppe dell’Imperatore, Kirin Cup e una decina di premi, titoli di capocannoniere, onorificenze sportive, attestati di Miglior calciatore asiatico e Miglior giocatore giapponese. Per 89 volte veste la maglia della Nazionale, mettendo a segno 55 reti sino al 2000. Nel 2012 viene convocato con la rappresentativa nipponica di calcio a 5 e prende parte ai Mondiali. Insomma un palmares con pochi eguali per un giocatore del Sol Levante.

 

Sport
Tutta la forza di Shaquem Griffin
Tutta la forza di Shaquem Griffin
È cresciuto senza una mano, ma questo non gli ha impedito di diventare un professionista di football americano: ha debuttato nella NFL qualche giorno fa
Giudicate voi, ma questa vignetta è razzista o no?
Giudicate voi, ma questa vignetta è razzista o no?
L'ha disegnata Mark Knight per l'Herald Sun, un giornale australiano. Riproduce Serena Williams in preda a una crisi di infantilismo, con tratti somatici afro-americani accentuali. Per la scrittrice Rowling è "razzismo"
Raikkonen lascia la Ferrari
Raikkonen lascia la Ferrari
L’annuncio della scuderia ufficializza le voci di un divorzio che era nell’aria da tempo. Al suo posto il ventenne Charles Leclerc
Fenati, la mamma lo difende, il team lo scarica
Fenati, la mamma lo difende, il team lo scarica
Il pilota di Moto2, dopo un contatto con il rivale Andrea Manzi, lo affianca e gli pinza la leva del freno: poteva avere gravi conseguenze. Sospeso per due gare. Punito anche Manzi. Minacce di morte sul web
Allegri prepara le valigie?
Allegri prepara le valigie?
Si dice e si mormora che il tecnico della Juventus a fine campionato possa emigrare verso altre società, probabilmente all’estero. Al suo posto il ritorno di Zinedine Zidane
Serena, 17mila dollari di multa
Serena, 17mila dollari di multa
"Arbitro ladro e sessista", arriva la sanzione. Le ha tolto un set perché lo ha definito "ladro". Poi un altro punto per un intervento del suo allenatore. Vince la gelida 20enne Osaka. Le grandi del tennis con Williams
Oro e nero, colori che sanno di storia
Oro e nero, colori che sanno di storia
Un’operazione da “ritorno al futuro” per la rediviva FC Torinese, vera progenitrice del calcio subalpino e di quello nazionale
Trump critica Nike, boom di vendite
Trump critica Nike, boom di vendite
Dopo avere assunto come testimonial Colin Kaepernick, vendite salite del 31 per cento. Il giocatore ex 49ers è un simbolo della lotta alle discriminazioni razziali, fortemente criticato dal presidente
Sorpresa Nike, sceglie Just do it
Sorpresa Nike, sceglie Just do it
Colpo a sorpresa della multinazionale che assume Colin Kaepernick, ex 49ers, come simbolo di una campagna contro la discriminazione raziale. Il quarterback era stato il primo a inginocchiarsi durante l'inno nazionale Usa
I nuovi guai di Paul Gascoine
I nuovi guai di Paul Gascoine
“Gazza” ha colpito ancora: è stato fermato dalla polizia per aver molestato una donna in treno. Ma è solo l’ultimo episodio di una vita fatta di eccessi