Nazionale di calcio
si tratta per il ritorno di Conte

| Il tecnico ai ferri corti con il Chelsea, ma a frenare c'è un ingaggio da 10 milioni di sterline. Il neo vice-commissario della Figc Costacurta incontrerà anche Ancelotti. A Roma ha parlato con Mancini. Il traghettatore sarà Di Biagio

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

«Antonio batti un colpo se ci sei!» No, non si tratta di una seduta spiritica in cui si evoca l’anima di un defunto, ma di un probabile quanto importante ritorno alla guida degli azzurri dell’Antonio più celebre tra gli allenatori italiani. Antonio Conte, per intenderci. Questione di ore dicono i beni informati e l’ex centrocampista della Juventus, nonché ex commissario tecnico azzurro potrebbe trovare un accordo con la Figc che, dopo l’addio di Tavecchio e la nomina del nuovo commissario Fabbricini, sta accelerando i tempi per dare un nuovo assetto anche alla Nazionale maggiore. Già forse oggi il vice commissario della Federazione, volerà  a Londra per parlare con l’ex bianconero.  Ma non sarà il solo con cui s’incontrerà Costacurta come conferma egli stesso: «I nomi papabili sono quelli usciti sui giornali in questi giorni, una lista di cinque o sei. Persone che conosco bene e che, in alcuni casi, hanno diviso con me partite importanti. Ora si tratterà di verificare le loro idee e le loro disponibilità. Non ci sarà molto da aspettare, però bisogna fare le cose per bene. Mancini lo conosco bene, abbiamo vinto insieme un Mondiale Militare. Ho letto che si è reso disponibile, ma non è l’unico con cui affronterò il discorso. Credo che dovrò muovermi parecchio. Andrò a Londra per parlare con Conte e in quella stessa città ora c’è Ancelotti».

Ovviamente Costacurta non chiude le porte a nessuna, ma le quotazioni di  Conte sono di gran lunga superiori a tutti gli altri. In effetti, la luna di miele con il Chelsea è ormai finita da tempo: dopo una stagione d’esordio fulminante e terminata con la conquista immediata della Premier League, le divergenze con Abramovich e i dirigenti Blues per questioni di mercato e campo hanno lentamente logorato la pazienza dell’ex mister della Juventus, che dopo la debacle interna contro il Bournemouth (0-3) è sempre più a rischio. I 18 punti di distacco dal Manchester City di Guardiola sono troppi, e alle spalle dei Blues premono ora i lanciatissimi cugini del Tottenham, che potrebbero soffiare a Conte il quarto posto e la qualificazione in Champions. Secondo i tabloid britannici Conte è ormai al capolinea , e solo un’impresa contro il Barcellona potrebbe cambiare le carte in tavola. I giornali inglesi individuano in Luis Enrique il sostituto già designato dell’ex mister bianconero e della Nazionale guidata dal 2014 al 2016 con uno sfortunato epilogo dopo il quarto di finale degli Europei perso ai rigori contro la Germania.

«Io sto cercando di fare le cose al meglio - aveva dichiarato qualche giorno fa l’allenatore leccese -, ma nel caso qualcuno pensi che questa squadra non merita questa classifica o questa situazione… Noi stiamo tentando di tutto, diamo il 120 per cento e sto cercando di sfruttare al massimo la squadra, ma se qualcuno non è d’accordo io sono pronto ad accettare qualsiasi situazione. Sono molto sereno da questo punto di vista, perché so che sto facendo un grande lavoro insieme al mio staff e ai miei giocatori».

In quanto alla possibilità di tornare in Nazionale dichiara: «Ho ancora 18 mesi di contratto con il Chelsea e il mio desiderio è restare qui. Posso comunque dire che Costacurta è un amico, abbiamo giocato insieme in Nazionale nel 1994. Ma forse ha dimenticato che ho ancora 18 mesi di contratto col Chelsea». Staremo a vedere se l'ingaggio da 10 milioni di sterline avrà la meglio sull'oroglio nazionale. Il neo commissari Fabbricini prende atto della dichiarazione di Conte e per il momento non si sbilancia, annunciando comunque che probabilmente sarà di Di Biagio a fare da traghettatore: «Ci incontreremo con lui per scambiarci delle idee è una persona che ha già un impegno con la federazione. Non è ancora ufficialmente a bordo ma l'idea non ci dispiace».

 

 

Sport
Ancora fiori per Davide Astori
Ancora fiori per Davide Astori
Continua la processione dei tifosi al Franchi per ricordare il 32 compleanno del capitano stroncato da un malore il 4 marzo
Un'altra ex accusa CR7
Un
L'ex modella inglese Jasmine Lennard, fiamma di CR7 ai tempi del Manchester United, accusa il campione portoghese di minacce e assicura: “Se il mondo sapesse chi è davvero, inorridirebbe”. Quasi pronta (e ovvia) la richiesta danni
Cori anti-semiti a Wembley, in cella 17enne
Cori anti-semiti a Wembley, in cella 17enne
Tolleranza zero negli stadi inglesi contro il razzismo. Il tifoso minorenne del Chelsea aveva insultato i giocatori del Tottenham durante un torneo giovanile. Perché non fare anche in Italia?
Wayne Rooney arrestato per ubriachezza
Wayne Rooney arrestato per ubriachezza
L’ex stella del Manchester United, in forze al D.C. United, sarebbe stato fermato dagli agenti all’aeroporto di Washington. La notizia diffusa solo in queste ore
The Schumacher dynasty
The Schumacher dynasty
Inghiottito dall’incidente sugli sci di cinque anni fa, forse Michael non sa quanto i suoi due figli stiano diventando grandi e forti come erano lui e sua moglie Corinna
Il giocatore turco malato per ferie
Il giocatore turco malato per ferie
Serdar Aziz, difensore del Galatasaray, ha marcato visita per un’influenza, ma un post della moglie ha svelato che si trovava alle Maldive in vacanza
"Manager NFL, mentalità da schiavisti"
"Manager NFL, mentalità da schiavisti"
Attacco della star dei Lakers, LeBron James ai vertici della Federazione del Football Usa. Gli atleti che contestano Trump sono stati discriminati e ancora senza ingaggio. "Si compartano come padroni del mondo"
Marotta? Mai stato juventino...
Marotta? Mai stato juventino...
Volano gli stracci tra l'ex numero uno della Juventus e il suo ex vice Nedved. Nel mondo del calcio (e non solo) gli amori cambiano in fretta
Super Mario Cipollini ha picchiato la sorella
Super Mario Cipollini ha picchiato la sorella
Processo a luglio 2019, durante una lite avrebbe schiaffeggiato e spinto a terra la sorella Tiziana per motivi, pare, economici. Seconda causa con l'ex moglie per un'altra aggressione. Luci e ombre di un campione vero
Spalletti, non ho cacciato Totti
Spalletti, non ho cacciato Totti
Precisazioni dopo Roma-inter, l'ex mister non ha incontrato Totti alla fine di una partita avvincente