Nazionale di calcio
si tratta per il ritorno di Conte

| Il tecnico ai ferri corti con il Chelsea, ma a frenare c'è un ingaggio da 10 milioni di sterline. Il neo vice-commissario della Figc Costacurta incontrerà anche Ancelotti. A Roma ha parlato con Mancini. Il traghettatore sarà Di Biagio

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

«Antonio batti un colpo se ci sei!» No, non si tratta di una seduta spiritica in cui si evoca l’anima di un defunto, ma di un probabile quanto importante ritorno alla guida degli azzurri dell’Antonio più celebre tra gli allenatori italiani. Antonio Conte, per intenderci. Questione di ore dicono i beni informati e l’ex centrocampista della Juventus, nonché ex commissario tecnico azzurro potrebbe trovare un accordo con la Figc che, dopo l’addio di Tavecchio e la nomina del nuovo commissario Fabbricini, sta accelerando i tempi per dare un nuovo assetto anche alla Nazionale maggiore. Già forse oggi il vice commissario della Federazione, volerà  a Londra per parlare con l’ex bianconero.  Ma non sarà il solo con cui s’incontrerà Costacurta come conferma egli stesso: «I nomi papabili sono quelli usciti sui giornali in questi giorni, una lista di cinque o sei. Persone che conosco bene e che, in alcuni casi, hanno diviso con me partite importanti. Ora si tratterà di verificare le loro idee e le loro disponibilità. Non ci sarà molto da aspettare, però bisogna fare le cose per bene. Mancini lo conosco bene, abbiamo vinto insieme un Mondiale Militare. Ho letto che si è reso disponibile, ma non è l’unico con cui affronterò il discorso. Credo che dovrò muovermi parecchio. Andrò a Londra per parlare con Conte e in quella stessa città ora c’è Ancelotti».

Ovviamente Costacurta non chiude le porte a nessuna, ma le quotazioni di  Conte sono di gran lunga superiori a tutti gli altri. In effetti, la luna di miele con il Chelsea è ormai finita da tempo: dopo una stagione d’esordio fulminante e terminata con la conquista immediata della Premier League, le divergenze con Abramovich e i dirigenti Blues per questioni di mercato e campo hanno lentamente logorato la pazienza dell’ex mister della Juventus, che dopo la debacle interna contro il Bournemouth (0-3) è sempre più a rischio. I 18 punti di distacco dal Manchester City di Guardiola sono troppi, e alle spalle dei Blues premono ora i lanciatissimi cugini del Tottenham, che potrebbero soffiare a Conte il quarto posto e la qualificazione in Champions. Secondo i tabloid britannici Conte è ormai al capolinea , e solo un’impresa contro il Barcellona potrebbe cambiare le carte in tavola. I giornali inglesi individuano in Luis Enrique il sostituto già designato dell’ex mister bianconero e della Nazionale guidata dal 2014 al 2016 con uno sfortunato epilogo dopo il quarto di finale degli Europei perso ai rigori contro la Germania.

«Io sto cercando di fare le cose al meglio - aveva dichiarato qualche giorno fa l’allenatore leccese -, ma nel caso qualcuno pensi che questa squadra non merita questa classifica o questa situazione… Noi stiamo tentando di tutto, diamo il 120 per cento e sto cercando di sfruttare al massimo la squadra, ma se qualcuno non è d’accordo io sono pronto ad accettare qualsiasi situazione. Sono molto sereno da questo punto di vista, perché so che sto facendo un grande lavoro insieme al mio staff e ai miei giocatori».

In quanto alla possibilità di tornare in Nazionale dichiara: «Ho ancora 18 mesi di contratto con il Chelsea e il mio desiderio è restare qui. Posso comunque dire che Costacurta è un amico, abbiamo giocato insieme in Nazionale nel 1994. Ma forse ha dimenticato che ho ancora 18 mesi di contratto col Chelsea». Staremo a vedere se l'ingaggio da 10 milioni di sterline avrà la meglio sull'oroglio nazionale. Il neo commissari Fabbricini prende atto della dichiarazione di Conte e per il momento non si sbilancia, annunciando comunque che probabilmente sarà di Di Biagio a fare da traghettatore: «Ci incontreremo con lui per scambiarci delle idee è una persona che ha già un impegno con la federazione. Non è ancora ufficialmente a bordo ma l'idea non ci dispiace».

 

 

SPORT
Volkswagen conquista la Pikes Peak
Volkswagen conquista la Pikes Peak
La I.D. R 100% elettrica ha fatto la storia, polverizzando il record nella cronoscalata più celebre del pianeta. Una vittoria epocale ma anche un laboratorio per la prossima generazione della I.D. Family del costruttore tedesco
Leo Borg, il talento di famiglia
Leo Borg, il talento di famiglia
Figlio quindicenne del campione svedese, sta scalando le classifiche puntando dritto verso il professionismo. Dal padre ha preso la forte somiglianza fisica, ma non il carattere burrascoso
CR7, la costruzione di un campione
CR7, la costruzione di un campione
Il campione più in forma e determinato dei mondiali di Russia è in realtà una macchina perfetta: allenamenti, diete ferree e nessuno strappo alla regola
Quando Boris era Boom Boom Beker
Quando Boris era Boom Boom Beker
Lo chiamavano così, per via di una battuta e un diritto fulminanti: a 17 anni conquista Winbeldon e in carriera mette insieme 64 titoli fra singolo e doppio, che gli valgono 25 milioni di dollari. Ormai finiti
La classifica dei paperoni dello sport
La classifica dei paperoni dello sport
Come ogni anno, Forbes ha stilato l’elenco degli sportivi meglio pagati del pianeta: in 100 posizioni si dividono qualcosa come 3,2 miliardi di euro
Il Bungee-Jumping dei record
Il Bungee-Jumping dei record
Sarà aperta dal prossimo agosto alla metà dello Zhangjiajie Bridge, in Cina, il ponte in vetro più alto e lungo del pianeta, la piattaforma di Bungee-Jumping vietata ai deboli di cuore
La crisi profonda delle Cheerleaders
La crisi profonda delle Cheerleaders
Il lato sexy dello sport professionistico americano vacilla di fronte a denunce e rivelazioni. Tante le squadre che hanno già deciso di rinunciare alle amatissime ragazze pon-pon
Diritti TV per il calcio? Ne parliamo lunedì
Diritti TV per il calcio? Ne parliamo lunedì
Durante l’inaugurazione del campo di calcio a 8 all’interno del Cottolengo di Torino, il presidente del CONI è stato accolto festosamente da centinaia di bambini e ha espresso qualche opinione su calcio e sport
La corsa più folle del mondo
La corsa più folle del mondo
La Red Bull 400 ha un terreno di gara unico: i trampolini del salto con gli sci, da percorrere di corsa nel minor tempo possibile
"Pago il fisco ma non mi arrestate"
"Pago il fisco ma non mi arrestate"
Cristiano Ronaldo rischia la galera per evasione fiscale e si pente: "Pago tutto ma chiudete l'inchiesta della procura di Madrid". Scoperta un'evasione di 150 milioni di euro, attraverso una rete di società off-shore