Oro e nero, colori che sanno di storia

| Un’operazione da “ritorno al futuro” per la rediviva FC Torinese, vera progenitrice del calcio subalpino e di quello nazionale

+ Miei preferiti
di Barbara Virga

Dici Torino ad un tifoso di calcio e quello ti risponderà bianconero e granata, i colori sociali rispettivamente di Juventus e Toro. Tuttavia, anni prima che i liceali del blasonato classico “D’Azeglio” ricorressero al latino per denominare la zebra del calcio italiano, e ben mezzo secolo prima che il Grande Torino entrasse nella leggenda per i trionfi sul campo, il contributo schiacciante alla nazionale e la tragedia di Superga, sotto la Mole i colori del pallone erano l’oro e il nero della “FC Torinese”, che con l’atto costitutivo datato 1894 può considerarsi a buon diritto madre nobile del calcio subalpino. Non solo. Dopo ben 112 anni dalla prematura scomparsa della squadra, avvenuta nel 1906, quando la compagine era ancora appena adolescente, tante sorprese sono emerse dal baule della nonna aperto da Marco Morelli di Popolo, nipote di Vittorio, uno dei fondatori della società, nel corso della conferenza stampa di presentazione della rediviva squadra, svoltasi giovedì 6 settembre nella preziosa cornice di Palazzo Lascaris, sede della Regione Piemonte. Grazie ad un minuzioso lavoro di ricostruzione della storia del calcio torinese e non solo, realizzata in collaborazione con l’esperto ed attore e regista Loris Fiore, in arte “Viktor Vegan”, neo addetto stampa della rinata compagine, è stato infatti certificato, documenti alla mano snocciolati in conferenza, il contributo determinante della FC Torinese nella nascita dell’attuale squadra granata, nata proprio nel 1906 dalla fusione degli oro-nero con i dissidenti del “Foot Ball Club Juventus”, in cui militò, prima da calciatore e poi da allenatore, lo stesso Vittorio Morelli. “Èun dato documentale che senza la FC Torinese il mondo non avrebbe conosciuto e celebrato i trionfi del Grande Torino prima e quelli del Toro poi”, dicono orgogliosi i dirigenti della squadra. E non finisce qui. In questa storia d’altri tempi si intrecciano le vicende di tanti personaggi più o meno noti, vissuti realmente, ma che sembrano usciti da un romanzo d’appendice, le cui esistenze si sono tutte incrociate, a volte in maniera rocambolesca, con la FC Torinese, come testimonia il docu-film realizzato da Fiore. Dall’industriale svizzero delle calzature Alfred Dick, presidente della Juventus, poi estromesso e fondatore del Toro, morto infine suicida per debiti, al giocatore Federico Ferrari-Orsi, che mise a segno il primo gol della storia del derby della Mole per poi saltare in aria su una mina nella campagna d’Africa nel 1942, con ben 12 medaglie al valore appuntate sul petto, passando per il notissimo allenatore della nazionale Vittorio Pozzo.

La FC Torinese rappresenta quindi a buon diritto un pezzo della storia europea calcistica, che tuttavia travalica lo stesso gioco del pallone. La rinascita della squadra costituisce una vera e propria operazione “ritorno al futuro”, nata dalla scommessa del Presidente Sante Squillace e dei suoi soci della “ASD Talent Scout”, associazione che ha lo scopo di scoprire talenti e portarli nell’olimpo del calcio italiano e non. Già 48 i ragazzi provinati in soli 10 giorni dalla squadra allenata da mister Roberto Rossi, che esordirà nell’anno in corso in terza categoria. “Segno - ha affermato il Presidente Squillace - che la FC Torinese esercita ancora oggi, dopo più di un secolo, un’attrazione che ci fa ben sperare di diventare nel tempo la terza realtà calcistica torinese per importanza. Da oggi però basta chiacchiere - conclude Squillace - a parlare per noi sarà il campo. La squadra rappresenta per noi un ritorno al calcio delle origini, quelle della lealtà sportiva in primo piano quale valore da riaffermare per il futuro ed il bene di questa disciplina e dello sport in generale”. La società intende infatti impegnarsi da subito per la creazione della squadra femminile e di una squadra dedicata ai diversamente abili, oltre che cimentarsi in altre discipline sportive da praticare in un impianto tutto proprio, in fase di individuazione. Fare sport ad alti livelli ma con l’attenzione al cuore più che agli interessi economici che ci girano intorno. Questa in definitiva la mission principale della squadra oro-nero. Con buona pace dei calciatori miliardari alla Ronaldo. 

Galleria fotografica
Oro e nero, colori che sanno di storia - immagine 1
Oro e nero, colori che sanno di storia - immagine 2
Oro e nero, colori che sanno di storia - immagine 3
Oro e nero, colori che sanno di storia - immagine 4
Oro e nero, colori che sanno di storia - immagine 5
Sport
Ancora fiori per Davide Astori
Ancora fiori per Davide Astori
Continua la processione dei tifosi al Franchi per ricordare il 32 compleanno del capitano stroncato da un malore il 4 marzo
Un'altra ex accusa CR7
Un
L'ex modella inglese Jasmine Lennard, fiamma di CR7 ai tempi del Manchester United, accusa il campione portoghese di minacce e assicura: “Se il mondo sapesse chi è davvero, inorridirebbe”. Quasi pronta (e ovvia) la richiesta danni
Cori anti-semiti a Wembley, in cella 17enne
Cori anti-semiti a Wembley, in cella 17enne
Tolleranza zero negli stadi inglesi contro il razzismo. Il tifoso minorenne del Chelsea aveva insultato i giocatori del Tottenham durante un torneo giovanile. Perché non fare anche in Italia?
Wayne Rooney arrestato per ubriachezza
Wayne Rooney arrestato per ubriachezza
L’ex stella del Manchester United, in forze al D.C. United, sarebbe stato fermato dagli agenti all’aeroporto di Washington. La notizia diffusa solo in queste ore
The Schumacher dynasty
The Schumacher dynasty
Inghiottito dall’incidente sugli sci di cinque anni fa, forse Michael non sa quanto i suoi due figli stiano diventando grandi e forti come erano lui e sua moglie Corinna
Il giocatore turco malato per ferie
Il giocatore turco malato per ferie
Serdar Aziz, difensore del Galatasaray, ha marcato visita per un’influenza, ma un post della moglie ha svelato che si trovava alle Maldive in vacanza
"Manager NFL, mentalità da schiavisti"
"Manager NFL, mentalità da schiavisti"
Attacco della star dei Lakers, LeBron James ai vertici della Federazione del Football Usa. Gli atleti che contestano Trump sono stati discriminati e ancora senza ingaggio. "Si compartano come padroni del mondo"
Marotta? Mai stato juventino...
Marotta? Mai stato juventino...
Volano gli stracci tra l'ex numero uno della Juventus e il suo ex vice Nedved. Nel mondo del calcio (e non solo) gli amori cambiano in fretta
Super Mario Cipollini ha picchiato la sorella
Super Mario Cipollini ha picchiato la sorella
Processo a luglio 2019, durante una lite avrebbe schiaffeggiato e spinto a terra la sorella Tiziana per motivi, pare, economici. Seconda causa con l'ex moglie per un'altra aggressione. Luci e ombre di un campione vero
Spalletti, non ho cacciato Totti
Spalletti, non ho cacciato Totti
Precisazioni dopo Roma-inter, l'ex mister non ha incontrato Totti alla fine di una partita avvincente