«Più calcio con un canale della Lega A»

| E’ l’obiettivo che si pone la società MediaPro che da oggi farà da intermediaria con le piattaforme che trasmettono le partite del massimo campionato. L’esempio da seguire è quello spagnolo. Sky però diffida la Lega: inammissibile

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

La Lega Serie A ha accettato l'offerta di MediaPro per i diritti della Serie A 2018-21 (l'ooferta ha superato il minimo d’asta di 1 miliardo e 50 milioni). La società spagnola farà dunque da intermediario e rivenderà tutte le partite del massimo campionato. Ma per gli spagnoli il progetto ideale resta, in ogni caso, la realizzazione del canale della Lega.
«Dai prossimi giorni parleremo del futuro con i club e la Lega - ha spiegato il presidente di MediaPro Jaume Roures -. Noi siamo convinti che la nostra proposta del canale crei più valore alla Lega e ai club stessi che la compongono. E, pertanto, crei un prodotto migliore per l'abbonato».

L’intento di MediaPro è quello di diventare non solo distributore ma anche produttore delle partite: «Tenteremo di convincere tutti che sia importante dare la stessa immagine a tutto il torneo - prosegue Roures -, e che noi abbiamo una grande capacità di produzione. Il marchio “calcio” deve essere identificabile, come quando si guarda una partita di Premier League e si capisce subito di che campionato si tratta. E' un lavoro che la Lega, i club e noi dobbiamo fare assieme».

A partire da oggi MediaPro farà approfondimenti con le diverse piattaforme. Non verrà stravolta nessuna abitudine italiana, anche se l’obiettivo è quello di allargare la base. «Il nostro obiettivo - puntulizza ancora il numero uno di MediaPro - è vendere più calcio possibile, alla migliore qualità possibile, al prezzo più giusto, collaborando con le piattaforme e aprendo nuove finestre di distribuzione. Per noi è cruciale l'abbonato, vogliamo che chi si abbona possa vedere tutte le partite. L’obiettivo è fare in modo che la Serie A si veda su ogni piattaforma, su tutti gli schermi possibili».

Al momento, con l'assegnazione dei diritti tv all'intermediario spagnolo non verrà stravolta nessuna abitudine italiana. E la rassicurazione arriva dall’amministratore delegato di Infront, Luigi De Siervo, advisor della Lega Serie A che fa notare come una diversificazione degli orari delle partite consente di avere più calcio per tutti: «Se tutte le partite si giocassero alle 15, come vuole qualche allenatore che ci vuole portare indietro di 20 anni, il nostro calcio sarebbe più povero. In Spagna, al contrario, sono stati capaci di allargare la base, hanno fatto crescere gli abbonati e portato più soldi al calcio. Ora un tifoso vede in media 3 partite e mezza alla settimana. E anche noi dovremo arrivare ad offrire un pacchetto sempre più ricco e  completo».

A Sky però l'idea di dover sottostare alla società spagnola non piace assolutamente ed ha diffidato la Lega serie A dall'assegnare a Mediapro i diritti audiovisivi della Serie A per le stagioni 2018-2021 «visto che il gruppo audiovisivo spagnolo Mediapro - pur avendo presentato un'offerta per lo specifico bando rivolto esclusivamente agli «intermediari indipendenti» - non opererebbe come un intermediario indipendente ma come un vero e proprio operatore della comunicazione», si legge in una nota del gruppo.

 

Sport
Muore la leggenda italiana della Thai Boxe
Muore la leggenda italiana della Thai Boxe
Christian Daghio si è accasciato sul ring a pochi secondi dalla fine di un incontro. Era stato il primo italiano a cui la Thailandia aveva concesso di poter praticare a livello professionistico la Thai Boxe
Leggenda del fitness muore a 42 anni
Leggenda del fitness muore a 42 anni
Mandy Blank, trainer di celebrità e stella del bodybuilding americano, è stata trovata morta nella sua abitazione
La nazionale carioca dei nani-giganti
La nazionale carioca dei nani-giganti
In Brasile gli atleti afflitti da nanismo rivelano straordinari talenti con la palla ai piedi. Ora vogliono il riconoscimento della Federazione per partecipare ai team paraolimpici
Morto tra le fiamme con la figlia
il patron del Leicester
Morto tra le fiamme con la figlia<br>il patron del Leicester
Era a bordo con figlia e due membri dell'equipaggio nell'elicottero che lo stava portando nella sua residenza dal parcheggio vicino allo stadio. Bilancio non ufficiale di 4 morti. Lutto in Europa, non solo nello sport
Calcio, De Laurentis sbanca Bari
Calcio, De Laurentis sbanca Bari
Il sindaco De Caro lo apprezza ma ammette "che ha un pessimo carattere, però la squadra fa bene". Ripartenza dalla serie B
Cina addio, il Parma torna italiano
Cina addio, il Parma torna italiano
Entra in gioco una cordata di imprenditori italiani, compreso il gruppo Barilla. Ai cinesi della Desport resta il 30 per cento
Lo scandalo del calcio belga
Lo scandalo del calcio belga
Riciclaggio, corruzione, passaggi di proprietà fumosi: diversi nomi eccellenti fra le 29 persone arrestate finora
Ancora pressing su Cristiano Ronaldo
Ancora pressing su Cristiano Ronaldo
Der Spiegel annuncia centinaia di documenti che proverebbero lo stupro. I legali di CR7 invece annunciano la disponibilità del campione portoghese ad essere interrogato dalla polizia del Nevada
La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool
La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool
Arruolato nella Guardia Nazionale, Bruce Grobbelaar viene spedito sui campi di battaglia nella guerra civile in Rhodesia: “Ho ucciso tanti uomini, troppi. Mi ha salvato il calcio”
La mamma-razzo: 296 km/h in bicicletta
La mamma-razzo: 296 km/h in bicicletta
Denise Mueller-Korenek ha stabilito il record del mondo sul lago salato di Bonneville, nello Utah, usando come “lepre” un mostruoso dragster