Tennis, la Davis degli azzurri parte in Giappone

| Stanotte a Marioka la prima giornata di incontri (Fabio Fognini-Taro Daniel e Andreas Seppi-Yuichi Sugita) che proseguiranno sabato con il doppio, mentre domenica si giocheranno gli ultimi due singolari

+ Miei preferiti
Prende il via stanotte a Marioka in Giappone l'avventura degli azzurri del tennis  in Coppa Davis. Nella prima giornata, con inizio alle 4 italiane si sfideranno Fabio Fognini (in foto, 22é della classifica Atp) e il nipponico Taro Daniel (100°), mentre a seguire Andreas Seppi (78°) dovrà vedersela con Yuichi Sugita (41°). Sabato il doppio (inizo alle ore 5) con la coppia nipponica Mclachan-Uchiyama opposta a Simone Bolelli e Paolo Lorenzi. Domenica si inizia sempre alle ore 4 con la sfida tra i numeri uno delle due squadre Sugita e Fognini, mentre in chiusura è previsto il match tra i numeri due, Daniel e Seppi. Per gli azzurri il capitano Corrado Barazzutti, oltre al quartetto formato da Fognini, Lorenzi, Seppi e Bolelli (solitamente schierato in doppio), ha chiamato come quinto uomo anche Thomas Fabbiano. I padroni di casa devono rinunciare a Kei Nishikori, rientrato nel circuito solo la settimana scorsa dopo un lungo stop per infortunio ad un polso che lo ha costretto a saltare gli Open d'Australia.

«Il primo punto è molto importante - ha dichiarato Fognini - in quanto consentirebbe ad Andreas di andare in campo più sereno. E’ una trasferta dura, siamo lontani da casa, ma siamo sempre gli stessi. Fisicamente sto bene e come ho dimostrato a Melbourne sto giocando bene».

La vincente di Marioka sfiderà la vincente di Francia-Olanda. In caso di successo italiano la sede sarebbe probabilmente Genova. L'unica vittoria dell'Italia in Coppa Davis risale al 1976: in finale gli azzurri s'imposero sul Cile.

Sport
La mamma-razzo: 296 km/h in bicicletta
La mamma-razzo: 296 km/h in bicicletta
Denise Mueller-Korenek ha stabilito il record del mondo sul lago salato di Bonneville, nello Utah, usando come “lepre” un mostruoso dragster
Tutta la forza di Shaquem Griffin
Tutta la forza di Shaquem Griffin
È cresciuto senza una mano, ma questo non gli ha impedito di diventare un professionista di football americano: ha debuttato nella NFL qualche giorno fa
Giudicate voi, ma questa vignetta è razzista o no?
Giudicate voi, ma questa vignetta è razzista o no?
L'ha disegnata Mark Knight per l'Herald Sun, un giornale australiano. Riproduce Serena Williams in preda a una crisi di infantilismo, con tratti somatici afro-americani accentuali. Per la scrittrice Rowling è "razzismo"
Raikkonen lascia la Ferrari
Raikkonen lascia la Ferrari
L’annuncio della scuderia ufficializza le voci di un divorzio che era nell’aria da tempo. Al suo posto il ventenne Charles Leclerc
Fenati, la mamma lo difende, il team lo scarica
Fenati, la mamma lo difende, il team lo scarica
Il pilota di Moto2, dopo un contatto con il rivale Andrea Manzi, lo affianca e gli pinza la leva del freno: poteva avere gravi conseguenze. Sospeso per due gare. Punito anche Manzi. Minacce di morte sul web
Allegri prepara le valigie?
Allegri prepara le valigie?
Si dice e si mormora che il tecnico della Juventus a fine campionato possa emigrare verso altre società, probabilmente all’estero. Al suo posto il ritorno di Zinedine Zidane
Serena, 17mila dollari di multa
Serena, 17mila dollari di multa
"Arbitro ladro e sessista", arriva la sanzione. Le ha tolto un set perché lo ha definito "ladro". Poi un altro punto per un intervento del suo allenatore. Vince la gelida 20enne Osaka. Le grandi del tennis con Williams
Oro e nero, colori che sanno di storia
Oro e nero, colori che sanno di storia
Un’operazione da “ritorno al futuro” per la rediviva FC Torinese, vera progenitrice del calcio subalpino e di quello nazionale
Trump critica Nike, boom di vendite
Trump critica Nike, boom di vendite
Dopo avere assunto come testimonial Colin Kaepernick, vendite salite del 31 per cento. Il giocatore ex 49ers è un simbolo della lotta alle discriminazioni razziali, fortemente criticato dal presidente
Sorpresa Nike, sceglie Just do it
Sorpresa Nike, sceglie Just do it
Colpo a sorpresa della multinazionale che assume Colin Kaepernick, ex 49ers, come simbolo di una campagna contro la discriminazione raziale. Il quarterback era stato il primo a inginocchiarsi durante l'inno nazionale Usa