Tennis, la Davis degli azzurri parte in Giappone

| Stanotte a Marioka la prima giornata di incontri (Fabio Fognini-Taro Daniel e Andreas Seppi-Yuichi Sugita) che proseguiranno sabato con il doppio, mentre domenica si giocheranno gli ultimi due singolari

+ Miei preferiti
Prende il via stanotte a Marioka in Giappone l'avventura degli azzurri del tennis  in Coppa Davis. Nella prima giornata, con inizio alle 4 italiane si sfideranno Fabio Fognini (in foto, 22é della classifica Atp) e il nipponico Taro Daniel (100°), mentre a seguire Andreas Seppi (78°) dovrà vedersela con Yuichi Sugita (41°). Sabato il doppio (inizo alle ore 5) con la coppia nipponica Mclachan-Uchiyama opposta a Simone Bolelli e Paolo Lorenzi. Domenica si inizia sempre alle ore 4 con la sfida tra i numeri uno delle due squadre Sugita e Fognini, mentre in chiusura è previsto il match tra i numeri due, Daniel e Seppi. Per gli azzurri il capitano Corrado Barazzutti, oltre al quartetto formato da Fognini, Lorenzi, Seppi e Bolelli (solitamente schierato in doppio), ha chiamato come quinto uomo anche Thomas Fabbiano. I padroni di casa devono rinunciare a Kei Nishikori, rientrato nel circuito solo la settimana scorsa dopo un lungo stop per infortunio ad un polso che lo ha costretto a saltare gli Open d'Australia.

«Il primo punto è molto importante - ha dichiarato Fognini - in quanto consentirebbe ad Andreas di andare in campo più sereno. E’ una trasferta dura, siamo lontani da casa, ma siamo sempre gli stessi. Fisicamente sto bene e come ho dimostrato a Melbourne sto giocando bene».

La vincente di Marioka sfiderà la vincente di Francia-Olanda. In caso di successo italiano la sede sarebbe probabilmente Genova. L'unica vittoria dell'Italia in Coppa Davis risale al 1976: in finale gli azzurri s'imposero sul Cile.

SPORT
Volkswagen conquista la Pikes Peak
Volkswagen conquista la Pikes Peak
La I.D. R 100% elettrica ha fatto la storia, polverizzando il record nella cronoscalata più celebre del pianeta. Una vittoria epocale ma anche un laboratorio per la prossima generazione della I.D. Family del costruttore tedesco
Leo Borg, il talento di famiglia
Leo Borg, il talento di famiglia
Figlio quindicenne del campione svedese, sta scalando le classifiche puntando dritto verso il professionismo. Dal padre ha preso la forte somiglianza fisica, ma non il carattere burrascoso
CR7, la costruzione di un campione
CR7, la costruzione di un campione
Il campione più in forma e determinato dei mondiali di Russia è in realtà una macchina perfetta: allenamenti, diete ferree e nessuno strappo alla regola
Quando Boris era Boom Boom Beker
Quando Boris era Boom Boom Beker
Lo chiamavano così, per via di una battuta e un diritto fulminanti: a 17 anni conquista Winbeldon e in carriera mette insieme 64 titoli fra singolo e doppio, che gli valgono 25 milioni di dollari. Ormai finiti
La classifica dei paperoni dello sport
La classifica dei paperoni dello sport
Come ogni anno, Forbes ha stilato l’elenco degli sportivi meglio pagati del pianeta: in 100 posizioni si dividono qualcosa come 3,2 miliardi di euro
Il Bungee-Jumping dei record
Il Bungee-Jumping dei record
Sarà aperta dal prossimo agosto alla metà dello Zhangjiajie Bridge, in Cina, il ponte in vetro più alto e lungo del pianeta, la piattaforma di Bungee-Jumping vietata ai deboli di cuore
La crisi profonda delle Cheerleaders
La crisi profonda delle Cheerleaders
Il lato sexy dello sport professionistico americano vacilla di fronte a denunce e rivelazioni. Tante le squadre che hanno già deciso di rinunciare alle amatissime ragazze pon-pon
Diritti TV per il calcio? Ne parliamo lunedì
Diritti TV per il calcio? Ne parliamo lunedì
Durante l’inaugurazione del campo di calcio a 8 all’interno del Cottolengo di Torino, il presidente del CONI è stato accolto festosamente da centinaia di bambini e ha espresso qualche opinione su calcio e sport
La corsa più folle del mondo
La corsa più folle del mondo
La Red Bull 400 ha un terreno di gara unico: i trampolini del salto con gli sci, da percorrere di corsa nel minor tempo possibile
"Pago il fisco ma non mi arrestate"
"Pago il fisco ma non mi arrestate"
Cristiano Ronaldo rischia la galera per evasione fiscale e si pente: "Pago tutto ma chiudete l'inchiesta della procura di Madrid". Scoperta un'evasione di 150 milioni di euro, attraverso una rete di società off-shore