Tutta la forza di Shaquem Griffin

| È cresciuto senza una mano, ma questo non gli ha impedito di diventare un professionista di football americano: ha debuttato nella NFL qualche giorno fa

+ Miei preferiti
Domenica 9 settembre, “Broncos Stadium” di Denver, Colorado, campionato “NFL”, la massima divisione del football americano: i padroni di casa, i “Denver Broncos” ospitano i “Seattle Seahawks”. Per la cronaca, hanno vinto i padroni di casa per 27 a 24. Ma non è importante, almeno in questa storia, perché quel giorno lo sport ha dimostrato ancora una volta - se mai ce ne fosse stato bisogno - che i limiti non esistono e la sfiga è solo un’invenzione, la scusa buona per chi si è messo in testa di essere un perdente.

Nelle file dei “Seattle Seahawks”, quel giorno, ha debuttato il nuovo “linebaker”: Shaquem Griffin, 23 anni da St. Petersburg, Florida. Un ragazzone da 183 centimetri per 103 kg che il 9 settembre 2018 può dire di aver vinto la sua battaglia contro il destino.

Shaquem è nato affetto da “sindrome da banda amniotica”, una malformazione congenita che ha impedito alla sua mano destra di svilupparsi totalmente, causandogli dolori terribili. Aveva solo 4 anni quando i genitori lo fermano appena in tempo: stava tentando di tagliarsi le dita con un coltello da cucina sperando di alleviarsi il dolore. Una settimana dopo è in ospedale, dove per evitargli sofferenze i medici sono costretti a tagliare.

Da quel momento, l’elenco delle cose che Shaquem può fare si assottigliano vistosamente, almeno all’apparenza, perché lui non molla un istante. Insieme al fratello gemello Shaquill, che oggi milita come “cornerback” nella sua stessa squadra, Shaquem Griffin continua ad allenarsi in atletica, baseball e football. Nessuno, in famiglia, lo guarda come fosse un figlio sfortunato, quello per cui bisogna avere un occhio di riguardo: lui sogna il football professionistico? Bene, il padre Tangie ci crede e lo sottopone ad allenamenti massacranti, senza sconti e pietà.

Crescendo, Shaquem diventa il bestione che è oggi, capace di correre le 40 yards in 4”38 e di sollevare per venti volte un bilanciere da 102 kg: di lui si accorge la squadra della “University of Central Florida”, dove incontra George O’Leary, il coach che oltre ad affinarlo sportivamente diventa una guida e un amico vero.

Nel maggio scorso, il sogno di Shaquem Griffin si è avverato: arriva la chiamata dei “Seattle Seahawks”, formazione con nove titoli di division all’attivo e un Superbowl conquistato.

La storia di Shaquem Griffin rimbalza su tutti i giornali e telegiornali degli Stati Uniti, e lui ripete sempre lo stesso concetto: “Questo è un inizio, in tanti dubitavano di me, e ho dimostrato che si sbagliavano. E siccome ci sono ancora parecchi scettici, continuerò a farlo”.

Contro i Broncos, malgrado la sconfitta, è proprio Shaquem la stella che brilla di più: mette a segno tre tackle e tutti gridano al miracolo. Ma uno di quelli che valgono di più: i miracoli fatti in casa.

Galleria fotografica
Tutta la forza di Shaquem Griffin - immagine 1
Tutta la forza di Shaquem Griffin - immagine 2
Tutta la forza di Shaquem Griffin - immagine 3
Tutta la forza di Shaquem Griffin - immagine 4
Tutta la forza di Shaquem Griffin - immagine 5
Tutta la forza di Shaquem Griffin - immagine 6
Sport
Muore la leggenda italiana della Thai Boxe
Muore la leggenda italiana della Thai Boxe
Christian Daghio si è accasciato sul ring a pochi secondi dalla fine di un incontro. Era stato il primo italiano a cui la Thailandia aveva concesso di poter praticare a livello professionistico la Thai Boxe
Leggenda del fitness muore a 42 anni
Leggenda del fitness muore a 42 anni
Mandy Blank, trainer di celebrità e stella del bodybuilding americano, è stata trovata morta nella sua abitazione
La nazionale carioca dei nani-giganti
La nazionale carioca dei nani-giganti
In Brasile gli atleti afflitti da nanismo rivelano straordinari talenti con la palla ai piedi. Ora vogliono il riconoscimento della Federazione per partecipare ai team paraolimpici
Morto tra le fiamme con la figlia
il patron del Leicester
Morto tra le fiamme con la figlia<br>il patron del Leicester
Era a bordo con figlia e due membri dell'equipaggio nell'elicottero che lo stava portando nella sua residenza dal parcheggio vicino allo stadio. Bilancio non ufficiale di 4 morti. Lutto in Europa, non solo nello sport
Calcio, De Laurentis sbanca Bari
Calcio, De Laurentis sbanca Bari
Il sindaco De Caro lo apprezza ma ammette "che ha un pessimo carattere, però la squadra fa bene". Ripartenza dalla serie B
Cina addio, il Parma torna italiano
Cina addio, il Parma torna italiano
Entra in gioco una cordata di imprenditori italiani, compreso il gruppo Barilla. Ai cinesi della Desport resta il 30 per cento
Lo scandalo del calcio belga
Lo scandalo del calcio belga
Riciclaggio, corruzione, passaggi di proprietà fumosi: diversi nomi eccellenti fra le 29 persone arrestate finora
Ancora pressing su Cristiano Ronaldo
Ancora pressing su Cristiano Ronaldo
Der Spiegel annuncia centinaia di documenti che proverebbero lo stupro. I legali di CR7 invece annunciano la disponibilità del campione portoghese ad essere interrogato dalla polizia del Nevada
La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool
La confessione shock dell’ex portiere del Liverpool
Arruolato nella Guardia Nazionale, Bruce Grobbelaar viene spedito sui campi di battaglia nella guerra civile in Rhodesia: “Ho ucciso tanti uomini, troppi. Mi ha salvato il calcio”
La mamma-razzo: 296 km/h in bicicletta
La mamma-razzo: 296 km/h in bicicletta
Denise Mueller-Korenek ha stabilito il record del mondo sul lago salato di Bonneville, nello Utah, usando come “lepre” un mostruoso dragster