Amazon e il protocollo Trump

| Svelato un codice di comportamento per non fomentare la guerra di nervi in corso fra il colosso dell’e-commerce e il presidente in carica. Un’ossessione che parte da lontano

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Un memorandum interno, ad uso e consumo dei dirigenti “Amazon”, per spiegare come comportarsi nel caso che, nel corso di incontri esterni all’azienda, i discorsi cadano sull’operato del presidente Donald Trump. È la mossa cautelativa messa in piedi dal colosso dell’e-commerce guidato da Jeff Bezos, per non fomentare un rapporto che da tempo è teso, complicato e difficile.

Poche regole, a cominciare dalla prima, fondamentale: cambiare discorso il prima possibile. Secondo, dimostrare cortesia e gentilezza, evitare imbarazzi e scene mute, ricordando gli ottimi rapporti di lavoro con l’amministrazione - al pari di quelle che lo hanno preceduto - e se proprio si è messi con le spalle al muro, assicurare che Trump è probabilmente male informato sulle questioni delle tasse che sono alla base dei suoi attacchi. L’ultima spiaggia, battere in ritirata rimandando qualsiasi commento ufficiale all’ufficio relazioni esterne.

I media parlano da tempo di un’avversione profonda di Trump verso l’egemonia di “Amazon”, accusato di diffondere “fake news” e di scambiare le poste americane per un fattorino personale, con costi altissimi per i contribuenti, per di più eludendo le imposte locali e creando un danno incalcolabile a imprese locali, grandi magazzini e supermercati. Accuse per buona parte rimandate al mittente da alcune indagini indipendenti, che hanno evidenziato come la crisi della “US Mail” non dipenda da Amazon, che al contrario genera parecchi profitti.

Veritiera è invece l’accusa della perdita di posti di lavoro nel settore commercio, causata dall’incessante avanzamento dell’e-commerce fra le abitudini d’acquisto del mondo intero. Secondo “CNN Money”, nel giro di pochi anni in America sarebbero letteralmente scomparsi 250mila posti di lavoro. Per contro, ribattono gli analisti, Amazon ne crea di nuovi. Per finire con i vantaggi fiscali, capitolo su cui qualche dubbio c’è: Amazon finora ha evitato abilmente di pagare tasse locali all’interno di stati dove fisicamente non è presente, ma che è in grado comunque di coprire e rifornire. Un vantaggio che si è comunque eroso molto con l’apertura di diversi centro di smistamento che impongono al colosso l’obbligo della tassazione locale.

In più, Trump nutrirebbe un’antipatia personale nei confronti di Jeff Bezos, secondo “Forbes” e “Bloomberg News” l’uomo più ricco del pianeta, con un patrimonio stimato in quasi 100 miliardi di dollari che si lasciano alle spalle Bill Gates, ormai ex paperone dell’economia americana.

Un’ossessione che si è fatta sentire anche in borsa, dove pochi mesi fa Amazon ha perso 60 miliardi di valore di mercato. Secondo i ben informati, l’odio di Trump partirebbe da lontano, dal fatto che Bezos sia proprietario del “Washington Post”, quotidiano che spesso ha lo attaccato in modo pesante. Anche il “New York Times” non ha mai risparmiato bordate al presidente in carica, ma ci sarebbe una forma di rispetto per il quotidiano della sua città, che al contrario Donald non sente di dovere a quello di Washington.

Ma tutto questo, agli analisti politici più avvezzi, sembra anche un’abile mossa politica, per mostrare un presidente che sia dalla parte di chi ha perso il lavoro, totalmente schierato dalla parte della middle-class, quella più penalizzata dalla rivoluzione digitale del retail.

Stati Uniti
Trump denunciato dalla Cnn
Trump denunciato dalla Cnn
Una causa in tribunale per obbligarlo a restituire gli accrediti a Jim Acosta. Sarebbe stato violato il 5 emendamento della Costituzione
California Apocalypse
California Apocalypse
300mila sfollati, 31 morti e 228 dispersi: le cifre parziali dell’incendio più devastante della storia del Golden State sono impressionanti. L’appello di un’attivista: il sito nucleare “Santa Susana Field Lab” è una bomba
Ossessione social, sparava proiettili e post
Ossessione social, sparava proiettili e post
L'ex marine Ian David Long, che ha ucciso 12 persone in una discoteca di Thousand Oaks, LA, ha scritto alcuni post su Fb e Instagram durante la strage: "Chiamatemi pazzo ma a voi non resta che pregare". Profili subito cancellati
Usa, riforma dell'immigrazione
Usa, riforma dell
Democratici pronti alla battaglia contro Trump nel Congresso appena rinnovato. Hanno la maggioranza ma sono ancora divisi su chi nominare portavoce. Si punta a un leader dell'ala radicale
13 morti nella notte californiana
13 morti nella notte californiana
Erano per massima parte studenti a cui ogni settimana il locale di grandi dimensioni offriva loro un posto per fare festa. Fra le vittime l’attentatore e un vice sceriffo prossimo alla pensione
Il day after di Donald Trump
Il day after di Donald Trump
Dopo il mezzo successo elettorale, in realtà considerato enorme, il presidente americano passa all’incasso: licenzia il ministro della giustizia Jeff Sessions e ritira il pass stampa all’inviato della CNN
Midterm, anche un morto fra i vincitori
Midterm, anche un morto fra i vincitori
Tra i tanti nomi eccellenti promossi con le elezioni di metà mandato, anche quello di Dennis Hof, il re dei bordelli del Nevada. Ha stracciato l’avversaria dem, malgrado sia morto tre settimane fa
Gas nervino, sanzioni alla Russia
Gas nervino, sanzioni alla Russia
Gli Usa pronti a colpire la Federazione Russa con nuove e pesanti sanzioni. Non convince la dichiarazione d'innocenza per l'attentato di Salisbury, contro l'ex spia Serghei Skripal e la figlia Yulia
"Fatemi morire con il gas-azoto"
"Fatemi morire con il gas-azoto"
Detenuto del Missouri soffre di un tumore alla gola e chiede al neo-giudice Kavanaugh di convertire le modalità dell'esecuzione. L'iniezione non assicura una morte rapida. E altri 4 reclusi vogliono essere fucilati
Sepolte a Riad le ragazze saudite annegate
Sepolte a Riad le ragazze saudite annegate
Erano state trovate nel fiume Hudson legate insieme. La polizia ritiene sia un suicidio, i familiari non ci credono