Condannato a morte si uccide in cella

| Scott Raymond Dozier, omicida condannato alla pena capitale, aveva rinunciato ai suoi diritti chiedendo di morire. Ma la burocrazia continuava a rinviare più volte l’esecuzione e lui ha deciso di fare da solo

+ Miei preferiti
“Sono stato chiaro sul mio desiderio di essere giustiziato, anche se è impossibile evitare la sofferenza. Fatelo rapidamente e smettetela di litigare”. Dopo l’ennesimo rinvio della sua esecuzione, Scott Raymond Dozier, 48 anni, ha scelto di fare da solo, togliendosi la vita nella sua cella nel carcere di Ely, in Nevada.

È il drammatico epilogo di una vicenda che colpito nel profondo l’America, ma soprattutto la fine della storia di un omicida che si era stancato di vivere e aveva più volte chiesto di essere giustiziato. Nato nel novembre del 1970 a Boulder City, in Nevada, Dozier aveva prestato servizio nell’esercito, si era sposato e aveva avuto un figlio. Ma per guadagnarsi da vivere aveva scelto di produrre metanfetamina che poi spacciava fra Arizona e Nevada. Il 18 aprile del 2002 incontra a La Concha, un motel di Las Vegas, uno dei suoi pusher, Jeremiah Miller: al suo arrivo, Dozier lo uccide con un colpo di pistola per poi sezionare il corpo e chiuderlo all’interno di una valigia. A fare la macabra scoperta era stato un operaio: di Miller mancavano la testa e le braccia, che non sono mai state più ritrovate.

Scott Raymond Dozier fu arrestato il 25 giugno dello stesso anno a Phoenix, Arizona. Estradato in Nevada, nel settembre del 2007 è stato condannato a morte e un mese dopo la corte suprema del Nevada ha confermato la pena. Il 31 ottobre 2016, Dozier scrive una lettera al giudice distrettuale Jennifer Togliatti in cui annuncia di rinunciare volontariamente ai suoi diritti e chiede di accelerare l’esecuzione. Dieci giorni dopo il dipartimento di correzione del Nevada annuncia il completamento della nuova camera della morte all’interno della prigione di Stato di Ely. Il 27 luglio del 2017, il giudice firma la condanna a morte fissando l’esecuzione “nella settimana del 16 ottobre”. Dopo il rinvio di un mese richiesto dal dipartimento, il 9 novembre il giudice Togliatti sospende l’esecuzione su mandato dei legali di Dozier, che impugnano l’iniezione letale proposta dallo stato del Nevada perché il mix di farmaci non garantisce che il condannato non provi dolore. Sarebbe stata la prima esecuzione in Nevada da quella di Tamir Hamilton del 16 agosto 2010.

Il 19 giugno dello scorso anno, Jennifer Togliatti firma un nuovo ordine di esecuzione per Dozier, fissata alle 20 dell’11 luglio 2018. La mattina stessa Elizabeth Gonzales, giudice distrettuale della contea di Clark, sospende l’esecuzione poiché i legali della “Avolgen”, una ditta farmaceutica del New Jersey, annunciano che temendo ripercussioni sulla propria immagine, l’azienda si rifiuta di fornire il “Midazolam”, il farmaco scelto per la pena capitale. Stanco di tutto questo, Scott Raymond Dozier non ha più voluto rinviare: si impiccato nella sua cella.

Galleria fotografica
Condannato a morte si uccide in cella - immagine 1
Condannato a morte si uccide in cella - immagine 2
Stati Uniti
IL POPOLO ALLA FAME
RIVOLTA IN VENEZUELA
IL POPOLO ALLA FAME<br>RIVOLTA IN VENEZUELA
L'opposizione che ha la maggioranza in Parlamento elegge presidente il 35enne Juan Guaidò. Scontri, 14 morti e 270 arresti. Maduro attacca gli Usa: "Golpe Yankee". Il riconoscimento di Usa e 7 Paesi. Polizia spara, ucciso 18enne
Stupra donna in coma, arrestato infermiere
Stupra donna in coma, arrestato infermiere
Il 29 dicembre una donna in stato vegetativo dal '92 aveva partorito un bambino che sarà adottato. Una ricerca sul Dna di chi l'accadeva in un ospedale di Phoenix ha fatto scoprire il responsabile. Rischia decenni di carcere
Incubo droni, bloccato aeroporto Usa
Incubo droni, bloccato aeroporto Usa
Due velivoli avvistati dagli aerei che stavano atterando a Newark. Sono stati immediatamente dirottati su altri scali. Indagine federale dopo due avvistamenti in poche ore. I precedenti di Gatwick e Heathrow
Il caso delle due sorelle annegate nell’Hudson
Il caso delle due sorelle annegate nell’Hudson
A conclusione delle indagini arriva il responso dei medici legali: sono entrate in acqua volontariamente, legandosi i polsi fra loro per essere sicure di andarsene insieme. Erano chiesto asilo politico in USA
Huawei, gli Usa vogliono Meng
Huawei, gli Usa vogliono Meng
Chiesta l'estradizione della top manager del colosso cinese delle telecomunicazioni sotto accusa in Canada per spionaggio e per i suoi rapporti con l'Iran. Si aggrava la tensione tra Cina e Stati Uniti
Sposi felici, lei 72 anni e lui 19
Sposi felici, lei 72 anni e lui 19
Stupore in Usa per il singolare matrimonio tra una vedova con quattro figli e un 19enne. Amore a prima vista, raccontano. La famiglia divisa tra favorevoli e contrari
Visita lampo di Trump al MLK Day
Visita lampo di Trump al MLK Day
Un minuto e mezzo, senza dire una parola, davanti al memoriale dedicato a Martin Luther King. E in America scoppia la polemica
Veterani indiani Usa derisi da studenti pro-Trump
Veterani indiani Usa derisi da studenti pro-Trump
Provengono da una scuola cattolica del Kentucky che ha duramente stigmatizzato l'episodio. I ragazzi circondano gli ex militari durante una cerimonia a Washington: ripresi mentre li deridono e li insultano
Due anni di Donald
Due anni di Donald
Il bilancio dei primi 24 mesi di Trump alla Casa Bianca, fra annunci, presi di posizioni e battaglie testarde. Sulla sua testa pende il fascicolo del Russiagate, mentre l’economia rallenta e gli americani iniziano a voltargli le spalle
"Prego ogni giorno per l'anima di chi ho ucciso"
"Prego ogni giorno per l
Jason Van Dyke, ex poliziotto di Chicago, è stato condannato a 6 anni di carcere per avere ucciso un 17enne armato di coltello. Delusi familiari e attivisti afroamericani: "Pena mite, uno schiaffo per i genitori". Lui: "E' stato un errore"