Il day after di Donald Trump

| Dopo il mezzo successo elettorale, in realtà considerato enorme, il presidente americano passa all’incasso: licenzia il ministro della giustizia Jeff Sessions e ritira il pass stampa all’inviato della CNN

+ Miei preferiti
All’indomani di quella che ritiene una vittoria senza mezzi termini, Donald Trump torna a ciò che gli riesce meglio: licenziare collaboratori e prendersela con i giornalisti.

In un’affollata conferenza stampa alla Casa Bianca per commentare i risultati elettorali, con la soddisfazione non nascosta di aver fermato la “blue wave” democratica, tra frasi enfatiche come “grande successo” e “giorno incredibile”, Trump tende la mano agli avversari, in particolare alla leader della Camera, Nancy Pelosi, a patto che la smettano di aprire nuovi filoni di indagine sul suo operato e quello della sua squadra di governo. Anche la Pelosi, almeno al momento, sembra voler sotterrare l’ascia di guerra, promettendo la collaborazione Dem sui temi di grande interesse come le infrastrutture e il lavoro.

Ma passando all’incasso dopo il risultato elettorale, che in realtà divide in due l’America rendendo più complicata la sua marcia verso l’eventuale secondo mandato del 2020, Trump lancia la bordata annunciando di aver licenziato Jeff Sessions, ministro della giustizia, regolando così un conto aperto da tempo, da quando Sessions preferì prendere le distanze dalle indagini sul Russiagate, delegando Rod Rosenstein.

Sessions, raggiunto dalla AFP, ha affermato di aver presentato le dimissioni su invito dello stesso Trump, che lo ha velocemente ringraziato per il lavoro svolto con uno dei suoi tweet. L’incarico ad interim è stato assegnato a Matthew G. Whitaker, capo di gabinetto del Dipartimento di Giustizia.

Una scelta niente affatto casuale, assicurano gli analisti, che getta ombre scure sul raggio d’azione del superprocuratore Robert Mueller, ormai prossimo a presentare i risultati della sua inchiesta sul Russiagate.

Ma non è ancora finita, perché nel corso della stessa conferenza stampa, Trump ha regolato un paio di conti con i nemici di sempre, la “CNN”. Alla domanda di Jim Acosta, corrispondete dalla Casa Bianca del colosso di Atlanta, che chiedeva notizie sulla carovana dei migranti e su come sia stata strumentalizzata ad arte nella campagna elettorale, Trump è sbottato: “Lei è un maleducato, un nemico del popolo, la CNN dovrebbe vergognarsi di averla come corrispondente. Io governo, lei pensi alla CNN”.

Il battibecco è proseguito per qualche minuto, mentre alcuni dipendenti della White House tentavano di togliere il microfono ad Acosta. Poco dopo, la portavoce Sarah Sanders ha diffuso un comunicato in cui si accusa il giornalista di “aver messo le mani su una giovane stagista” che tentava di togliergli la parola: “Un atto inaccettabile. Il pass stampa del corrispondente della CNN è stato ritirato.

Galleria fotografica
Il day after di Donald Trump - immagine 1
Il day after di Donald Trump - immagine 2
Il day after di Donald Trump - immagine 3
Stati Uniti
"Prego ogni giorno per l'anima di chi ho ucciso"
"Prego ogni giorno per l
Jason Van Dyke, ex poliziotto di Chicago, è stato condannato a 6 anni di carcere per avere ucciso un 17enne armato di coltello. Delusi familiari e attivisti afroamericani: "Pena mite, uno schiaffo per i genitori". Lui: "E' stato un errore"
The transgender massacre
The transgender massacre
Nei puritani States, la comunità LGBTQ è sotto mira da tempo: il 2018 si è chiuso con quasi 30 morti accertate, anche se la sensazione è che siano molti di più. Le loro storie
Muore assiderata a 2 anni
Muore assiderata a 2 anni
La piccola Sophia, è uscita di notte dall’abitazione in cui abitava con i genitori a Newport, nel New Hampshire, e non è più riuscita a rientrare. Uccisa dal freddo
"Trump mi impose di mentire al Congresso"
"Trump mi impose di mentire al Congresso"
L'ex avvocato del presidente è stato interrogato per 70 ore dal procuratore speciale Mueller. il progetto della Trump Tower a Mosca era in itinere anche durante la campagna elettorale. Cohen: "L'ho fatto per un obbligo"
Chica for president
Chica for president
La grande artista americana si lascia andare ad una confidenza: insieme al compagno, l’ex stella del baseball Alex Rodriguez sta pensando alla Casa Bianca
El Chapo si era comprato il Messico
El Chapo si era comprato il Messico
Alex Cifuentes, ex braccio destro del boss del cartello di Sinaloa, accusa l’ex presidente messicano Enrique Peña Nieto di aver ricevuto una tangente da 100 milioni di dollari. Diversi i politici e funzionari pagati
Elezioni 2020, due donne contro Trump
Elezioni 2020, due donne contro Trump
Dopo Elizabeth Warren scende in campo anche la senatrice Kirsten Gillibran, 52 anni, erede di Hillary Clinton. Attesa per gli altri big Dem pronti a scendere in campo
"Ho visto Jayme, doveva essere mia"
"Ho visto Jayme, doveva essere mia"
Le confessioni in Tribunale dell'assassino dei genitori di una tredicenne, rapita all'alba nella sua casa. Aveva ucciso i genitori con una carabina, poi ha tenuto segregata la ragazzina per 88 giorni nella sua casa prigione
Effetto shutdown, un’arma a bordo di un aereo
Effetto shutdown, un’arma a bordo di un aereo
È polemica negli Stati Uniti per il caso di un passeggero che è riuscito a imbarcare un’arma da fuoco superando i controlli aeroportuali. Meno agenti in servizio a causa del blocco imposto dal governo
Ivanka verso la Banca Mondiale?
Ivanka verso la Banca Mondiale?
Al momento è solo un’indiscrezione del Financial Times, ma in America ha già scatenato accuse di nepotismo verso il presidente, che in realtà avrebbe voluto la figlia alle Nazioni Unite