Il day after di Donald Trump

| Dopo il mezzo successo elettorale, in realtà considerato enorme, il presidente americano passa all’incasso: licenzia il ministro della giustizia Jeff Sessions e ritira il pass stampa all’inviato della CNN

+ Miei preferiti
All’indomani di quella che ritiene una vittoria senza mezzi termini, Donald Trump torna a ciò che gli riesce meglio: licenziare collaboratori e prendersela con i giornalisti.

In un’affollata conferenza stampa alla Casa Bianca per commentare i risultati elettorali, con la soddisfazione non nascosta di aver fermato la “blue wave” democratica, tra frasi enfatiche come “grande successo” e “giorno incredibile”, Trump tende la mano agli avversari, in particolare alla leader della Camera, Nancy Pelosi, a patto che la smettano di aprire nuovi filoni di indagine sul suo operato e quello della sua squadra di governo. Anche la Pelosi, almeno al momento, sembra voler sotterrare l’ascia di guerra, promettendo la collaborazione Dem sui temi di grande interesse come le infrastrutture e il lavoro.

Ma passando all’incasso dopo il risultato elettorale, che in realtà divide in due l’America rendendo più complicata la sua marcia verso l’eventuale secondo mandato del 2020, Trump lancia la bordata annunciando di aver licenziato Jeff Sessions, ministro della giustizia, regolando così un conto aperto da tempo, da quando Sessions preferì prendere le distanze dalle indagini sul Russiagate, delegando Rod Rosenstein.

Sessions, raggiunto dalla AFP, ha affermato di aver presentato le dimissioni su invito dello stesso Trump, che lo ha velocemente ringraziato per il lavoro svolto con uno dei suoi tweet. L’incarico ad interim è stato assegnato a Matthew G. Whitaker, capo di gabinetto del Dipartimento di Giustizia.

Una scelta niente affatto casuale, assicurano gli analisti, che getta ombre scure sul raggio d’azione del superprocuratore Robert Mueller, ormai prossimo a presentare i risultati della sua inchiesta sul Russiagate.

Ma non è ancora finita, perché nel corso della stessa conferenza stampa, Trump ha regolato un paio di conti con i nemici di sempre, la “CNN”. Alla domanda di Jim Acosta, corrispondete dalla Casa Bianca del colosso di Atlanta, che chiedeva notizie sulla carovana dei migranti e su come sia stata strumentalizzata ad arte nella campagna elettorale, Trump è sbottato: “Lei è un maleducato, un nemico del popolo, la CNN dovrebbe vergognarsi di averla come corrispondente. Io governo, lei pensi alla CNN”.

Il battibecco è proseguito per qualche minuto, mentre alcuni dipendenti della White House tentavano di togliere il microfono ad Acosta. Poco dopo, la portavoce Sarah Sanders ha diffuso un comunicato in cui si accusa il giornalista di “aver messo le mani su una giovane stagista” che tentava di togliergli la parola: “Un atto inaccettabile. Il pass stampa del corrispondente della CNN è stato ritirato.

Galleria fotografica
Il day after di Donald Trump - immagine 1
Il day after di Donald Trump - immagine 2
Il day after di Donald Trump - immagine 3
Stati Uniti
Trump denunciato dalla Cnn
Trump denunciato dalla Cnn
Una causa in tribunale per obbligarlo a restituire gli accrediti a Jim Acosta. Sarebbe stato violato il 5 emendamento della Costituzione
California Apocalypse
California Apocalypse
300mila sfollati, 31 morti e 228 dispersi: le cifre parziali dell’incendio più devastante della storia del Golden State sono impressionanti. L’appello di un’attivista: il sito nucleare “Santa Susana Field Lab” è una bomba
Ossessione social, sparava proiettili e post
Ossessione social, sparava proiettili e post
L'ex marine Ian David Long, che ha ucciso 12 persone in una discoteca di Thousand Oaks, LA, ha scritto alcuni post su Fb e Instagram durante la strage: "Chiamatemi pazzo ma a voi non resta che pregare". Profili subito cancellati
Usa, riforma dell'immigrazione
Usa, riforma dell
Democratici pronti alla battaglia contro Trump nel Congresso appena rinnovato. Hanno la maggioranza ma sono ancora divisi su chi nominare portavoce. Si punta a un leader dell'ala radicale
13 morti nella notte californiana
13 morti nella notte californiana
Erano per massima parte studenti a cui ogni settimana il locale di grandi dimensioni offriva loro un posto per fare festa. Fra le vittime l’attentatore e un vice sceriffo prossimo alla pensione
Midterm, anche un morto fra i vincitori
Midterm, anche un morto fra i vincitori
Tra i tanti nomi eccellenti promossi con le elezioni di metà mandato, anche quello di Dennis Hof, il re dei bordelli del Nevada. Ha stracciato l’avversaria dem, malgrado sia morto tre settimane fa
Gas nervino, sanzioni alla Russia
Gas nervino, sanzioni alla Russia
Gli Usa pronti a colpire la Federazione Russa con nuove e pesanti sanzioni. Non convince la dichiarazione d'innocenza per l'attentato di Salisbury, contro l'ex spia Serghei Skripal e la figlia Yulia
"Fatemi morire con il gas-azoto"
"Fatemi morire con il gas-azoto"
Detenuto del Missouri soffre di un tumore alla gola e chiede al neo-giudice Kavanaugh di convertire le modalità dell'esecuzione. L'iniezione non assicura una morte rapida. E altri 4 reclusi vogliono essere fucilati
Sepolte a Riad le ragazze saudite annegate
Sepolte a Riad le ragazze saudite annegate
Erano state trovate nel fiume Hudson legate insieme. La polizia ritiene sia un suicidio, i familiari non ci credono
Niente Onda Blu
ma i Dem conquistano il Congresso
Niente Onda Blu<br>ma i Dem conquistano il Congresso
Il Senato resta saldamente ai repubblicani, Trump esce ridimensionato ma non sconfitto dalle elezioni di Midterm. Molti fatti nuovi, eletta la prima donna donna musulmana e la prima nativo-americana. Cosa cambia