Il DJ confessa l’omicidio

| È stato costretto ad ammettere l’assassinio di una giovane insegnante per evitare la sedia elettrica. A incastrare DJ Freeze per un delitto commesso nel 1992 sono state le nuove tecniche di genetica forense

+ Miei preferiti
DJ Freeze è molto popolare negli Stati Uniti, e in particolare in Pennsylvania: i suoi DJ set richiamano sempre tanta gente e la sua voce alterna i migliori brani deep house del momento. Nessuno si sarebbe aspettato di trovare il suo nome fra le pagine di cronaca nera, e men che meno di scoprire che è reo confesso di un brutale omicidio.

Raymond Charles Rowe, il suo vero nome, in tribunale ha chiesto perdono per aver violentato e ucciso l’insegnante venticinquenne Christy Mirack nel suo appartamento di Lancaster, in Pennsylvania, più di due decenni fa. È stato condannato a vita senza la condizionale, evitando la pena di morte per aver ammesso il crimine.

La morte della donna era rimasta senza colpevole dal 1992, e a mettere sulle tracce dell’assassino è stata in modo del tutto involontario la sorellastra del DJ, che si è iscritta in uno dei tanti database di Dna fornendo agli agenti la pista giusta per arrivare al nome di Rowe, che ai tempi viveva a poca distanza dal luogo dell’efferato delitto. Miracoli della genetica forense, gli stessi che un anno fa hanno permesso di mettere fine alla carriera del “Golden State Killer”, autore di 13 omicidi, 50 stupri e 120 rapine commessi fra il 1974 ed il 1986.

“Mi dispiace”, ha detto in lacrime il cinquantenne DJ Freeze in tribunale rivolgendosi ai parenti di Christy Mirack: “Non riesco a immaginare cosa avete passato in questi anni”.

I detective sono riusciti a prelevare il Dna di Rowe raccogliendo una bottiglia d’acqua gettata e le gomme da masticare ritrovate in una scuola dove lo scorso anno aveva tenuto un corso per aspiranti DJ: le analisi hanno stabilito la perfetta corrispondenza con il Dna recuperato dal tappeto in casa della vittima.

“Se non fosse stato per la tecnologia moderna e dell’intervento divino, probabilmente saresti rimasto a crogiolarti della tua celebrità”, ha ribattuto Vince Mirack, fratello dell’insegnante uccisa. L’uomo ha raccontato che l’omicidio, avvenuto quattro giorni prima del Natale del 1992, ha distrutto il senso di sicurezza della sua famiglia e l’amore per le feste natalizie: "Ma soprattutto abbiamo perso per sempre la nostra Christy”.

Il compagno di stanza dell’insegnante aveva lasciato l’appartamento circa 15 minuti prima dell’arrivo di Rowe: non è ancora chiaro se DJ e l’insegnante si conoscessero o se lui l’avesse adocchiata aspettando il momento giusto. All’epoca Rowe viveva a circa 5 km dalla Mirack, e l’appartamento della donna era sulla strada che il DJ percorreva regolarmente per andare al lavoro. Anche il veicolo che possedeva allora, una Toyota bianca, corrispondeva alla descrizione fatta da alcuni testimoni. Secondo gli esami autoptici, Christy Mirack è stata picchiata, violentata e probabilmente strangolata.

Come racconta la sua biografia, Raymond Charles Rowe ha studiato al “Broome Community College”, dove inizia per caso la sua carriera di DJ. Trova lavoro alla “WHRW 90.5”, un’emittente universitaria locale, e inizia a mettere in piedi i suoi spettacoli. Breakdancer negli anni ‘80, ha fatto da animatore a decine di feste nei campus universitari e come residente DJ al “Chameleon Club” di Lancaster. Il suo nome è apparso nella line-up di diversi eventi a New York e in numerose stazioni radio americane.

Galleria fotografica
Il DJ confessa l’omicidio - immagine 1
Stati Uniti
IL POPOLO ALLA FAME
RIVOLTA IN VENEZUELA
IL POPOLO ALLA FAME<br>RIVOLTA IN VENEZUELA
L'opposizione che ha la maggioranza in Parlamento elegge presidente il 35enne Juan Guaidò. Scontri dopo il giuramento, 14 morti e 270 arresti. Maduro attacca gli Usa: "Golpe Yankee". Il riconoscimento di Usa e 7 Paesi. Polizia spara
Stupra donna in coma, arrestato infermiere
Stupra donna in coma, arrestato infermiere
Il 29 dicembre una donna in stato vegetativo dal '92 aveva partorito un bambino che sarà adottato. Una ricerca sul Dna di chi l'accadeva in un ospedale di Phoenix ha fatto scoprire il responsabile. Rischia decenni di carcere
Incubo droni, bloccato aeroporto Usa
Incubo droni, bloccato aeroporto Usa
Due velivoli avvistati dagli aerei che stavano atterando a Newark. Sono stati immediatamente dirottati su altri scali. Indagine federale dopo due avvistamenti in poche ore. I precedenti di Gatwick e Heathrow
Il caso delle due sorelle annegate nell’Hudson
Il caso delle due sorelle annegate nell’Hudson
A conclusione delle indagini arriva il responso dei medici legali: sono entrate in acqua volontariamente, legandosi i polsi fra loro per essere sicure di andarsene insieme. Erano chiesto asilo politico in USA
Huawei, gli Usa vogliono Meng
Huawei, gli Usa vogliono Meng
Chiesta l'estradizione della top manager del colosso cinese delle telecomunicazioni sotto accusa in Canada per spionaggio e per i suoi rapporti con l'Iran. Si aggrava la tensione tra Cina e Stati Uniti
Sposi felici, lei 72 anni e lui 19
Sposi felici, lei 72 anni e lui 19
Stupore in Usa per il singolare matrimonio tra una vedova con quattro figli e un 19enne. Amore a prima vista, raccontano. La famiglia divisa tra favorevoli e contrari
Visita lampo di Trump al MLK Day
Visita lampo di Trump al MLK Day
Un minuto e mezzo, senza dire una parola, davanti al memoriale dedicato a Martin Luther King. E in America scoppia la polemica
Veterani indiani Usa derisi da studenti pro-Trump
Veterani indiani Usa derisi da studenti pro-Trump
Provengono da una scuola cattolica del Kentucky che ha duramente stigmatizzato l'episodio. I ragazzi circondano gli ex militari durante una cerimonia a Washington: ripresi mentre li deridono e li insultano
Due anni di Donald
Due anni di Donald
Il bilancio dei primi 24 mesi di Trump alla Casa Bianca, fra annunci, presi di posizioni e battaglie testarde. Sulla sua testa pende il fascicolo del Russiagate, mentre l’economia rallenta e gli americani iniziano a voltargli le spalle
"Prego ogni giorno per l'anima di chi ho ucciso"
"Prego ogni giorno per l
Jason Van Dyke, ex poliziotto di Chicago, è stato condannato a 6 anni di carcere per avere ucciso un 17enne armato di coltello. Delusi familiari e attivisti afroamericani: "Pena mite, uno schiaffo per i genitori". Lui: "E' stato un errore"