Monsanto, giudice accoglie ricorso

| Secondo processo per accertare se l'erbicida più venduto al mondo, il Roundup, è cancerogeno. Nel primo una corte californiana aveva stabilito un risarcimento di 289 milioni di dollari per un ex giardiniere ammalato di linfoma

+ Miei preferiti

Un nuovo processo per la società agrochimica "Monsanto" dopo che un verdetto di una giuria californiana aveva stabilito, con un risarcimento record alla vittima, che un erbicida ne aveva causato un cancro terminale. Un giudice ha accolto il ricorso della multinazionale e ora ci sarà un secondo processo.

Dewayne "Lee" Johnson, 46 anni, un ex custode dei giardini di una scuola, aveva visto riconosciuto un risarcimento di 289 milioni di dollari in agosto poiché il diffuso diserbante Roundup lo aveva fatto ammalare, mentre la Monsanto non lo aveva avvertito dei rischi. Ora di proprietà della Bayer, la società farmaceutica tedesca ha immediatamente fatto appello al verdetto, che includeva danni punitivi e perdite economiche e all’accusa di “avere agito con malizia o oppressione".

Il giudice della Corte Suprema di San Francisco Suzanne Bolanos ha citato "l'insufficienza delle prove per giustificare il risarcimento" in una sentenza scritta provvisoria emessa prima dell'udienza dello scorso mercoledì. Si prevede che prenderà una decisione finale dopo che gli avvocati presenteranno ulteriori argomentazioni. La Monsanto ha cercato di ribaltare il verdetto e ha continuato a sostenere che il glifosato, l'erbicida più usato al mondo è “sicuro”. I prodotti a base di glifosato, compresi i marchi Roundup e Ranger Pro, valgono miliardi di dollari di entrate, approvati per l'uso su più di 100 colture e registrati in 130 paesi.

Timothy Litzenburg, uno degli avvocati che ha rappresentato Johnson nel processo, ha detto al Guardian che, indipendentemente dall'esito, la sentenza originale avrebbe comunque un impatto a lungo termine: "C'è stato un messaggio forte e chiaro”. Un portavoce della Bayer ha elogiato la sentenza provvisoria in una dichiarazione, aggiungendo: "L'azienda continua a credere che le prove del processo non supportano il verdetto e i risarcimenti dei danni".

Il verdetto a favore di Johnson è stato un momento storico nella lunga lotta contro il Roundup, che gli studi lo collegano al linfoma non-Hodgkin (NHL), un tipo di tumore del sangue. In particolare, nel 2015, l'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha deciso di classificare il glifosato come probabile sostanza cancerogena.

Gli avvocati di Johnson hanno anche presentato e-mail interne della Monsanto che, secondo loro, hanno dimostrato i ripetuti sforzi dell'azienda nel corso degli anni per soffocare la ricerca critica e contribuire a produrre rapporti scientifici favorevoli al glifosato, sostenendo in tribunale che la ricerca indipendente nel corso degli anni ha dimostrato la sicurezza dei suoi prodotti. I critici pretendono però un'etichetta che metta in guardia i consumatori dai rischi sulla salute. Più di 8.000 querelanti in tutto il paese hanno presentato reclami simili contro l'azienda, facendo eco al reclamo di Johnson. Una serie di processi dovrebbero iniziare l'anno prossimo.

"Penso che vinceremo molto di più di quanto perdiamo, ci saranno sempre ricorsi fino a quando la Bayer non sarà pronta ad assumersi l'intera responsabilità", ha detto Litzenburg, aggiungendo: "Ci sono molte persone là fuori che soffrono di questa orribile malattia che avrebbe potuto essere evitata con una piccola etichetta".  In un'intervista al Guardian, Johnson, padre di tre figli, ammalato nel 2014, ha detto che intende continuare a parlare dei rischi per la salute di Roundup e sostenere nuove restrizioni. "Sono rimasti in silenzio per anni e sono riusciti a farla franca", ha detto. "Devono pagare il prezzo per non essere onesti e mettere a rischio la salute delle persone pur di realizzare un profitto”. L’ex giardiniere potrebbe sopravvivere non più di due anni.

Stati Uniti
Il miracolo di Roxli
Il miracolo di Roxli
Ha 11 anni, vive in Texas e per i medici aveva un tumore inoperabile. Ma è successo qualcosa che la scienza non è in grado di spiegare
La Russia si è intromessa
nelle elezioni americane
La Russia si è intromessa<br>nelle elezioni americane
Un rapporto diffuso dal Senato svela i meccanismi, fa nomi e cognomi e spiega come sono stati architettati i tentativi di spostare le intenzioni di voto
L'ultimo Natale di Keith ucciso dal cancro
L
Tutta la comunità di Stow, Ohio, Usa, aveva anticipato il Natale a ottobre per regalargli l'ultima festa, la sua preferita. Keith è morto pochi giorni dopo. La mamma: "Non sapeva dove andare, gli dissi vai verso la luce"
Video-spia all'Hilton, ripresa nuda in bagno
Video-spia all
La donna ora chiede 100 milioni di dollari di risarcimento alla catena alberghiera. E' accaduto ad Albany. Il video postato su 12 siti porno e diffuso sui profili di amici e familiari. Tentata estorsione
Terza ora, tiro al bersaglio
Terza ora, tiro al bersaglio
Dal prossimo anno, in due distretti scolastici dell’Iowa saranno inserite delle ore di utilizzo e maneggio delle armi da fuoco
La vita di Trump al microscopio
La vita di Trump al microscopio
La CNN rivela che otre al dossier di Robert Mueller, l’intera esistenza del presidente è passata al setaccio da diverse procure, per capire quanto i suoi business siano collegati alla presidenza. Si annunciano mesi difficili
Disidratazione, muore bimba al confine USA
Disidratazione, muore bimba al confine USA
Aveva 7 anni, uccisa dagli stenti e dalla stanchezza. Protesta delle associazioni umanitarie contro Trump. Situazione in stallo
Le riunioni segrete di Trump
Le riunioni segrete di Trump
Secondo la CNN, il presidente sarebbe stato presente in alcune riunioni dove si perfezionava la macchina elettorale: pagare e ridurre al silenzio le donne che avrebbero potuto accusarlo e violare le leggi sul finanziamento
40mila morti all’anno per le armi da fuoco
40mila morti all’anno per le armi da fuoco
Lo scorso anno negli Stati Uniti è stato raggiunto il numero più alto di morti da quasi 40 anni: un record negativo che quest’anno potrebbe addirittura migliorare
Michael Cohen condannato a tre anni
Michael Cohen condannato a tre anni
L’ex avvocato personale di Trump ha confessato e ammesso tutte le proprie colpe”: “Sentivo il dovere di nascondere le sue malefatte, ma ho vissuto in una forma di prigionia, ora sono libero”