Tarana Burke: non riconosco più #MeToo

| La donna che ha creato dal nulla il potente movimento antiviolenza, ammette che tutto ha preso una deriva non giusta e che il tessuto sociale non cambia così facilmente. Serve tempo e pazienza

+ Miei preferiti
Era il 1996, Tarana Burke lavorava come direttrice di un campeggio per giovani: un giorno, quel giorno, una ragazzina le chiede di poterle parlare privatamente. Tarana accetta, e poco per volta scopre il tunnel senza uscita, fatto di violenze e soprusi, in cui era rinchiusa quella giovane, da tempo vittima del patrigno.

Sono stati gli occhi di quella ragazzina, che imploravano aiuto, a trasformare Tarana Burke in una delle più accese attiviste d’America, una voce scagliata contro le violenze e soprusi nei confronti delle donne. Anni dopo quel giorno, che lei definisce il giro di boa della sua esistenza, Tarana diventa fra le fondatrici del movimento #MeToo, l’onda popolare di indignazione che ha attraversato il mondo all’indomani delle infinite derive in cui è esploso lo scandalo che ha un nome e un cognome precisi: Harvey Weinstein.

È lei a mettersi in prima fila ovunque serva, a urlare che le donne non sono oggetti da prendere, usare e sbattere via: sente sulla pelle la responsabilità di creare percorsi di guarigione e recupero per le vittime, coloro di cui quasi nessuno si occupa, tutti troppo concentrati a studiare il cattivo, i suoi processi e, quando tutto va bene, ad analizzare la condanna.

Tarana Burke usa per la prima volta l’hashtag #MeToo nel 2006, ed è l’attrice Alyssa Milano a rilanciarlo un anno fa, incoraggiando le donne a non nascondersi più, a farsi avanti e denunciare, far sapere cosa hanno subito nella loro esistenza, senza vergognarsene perché loro sono le vittime. Si accodano tante celebrità, volti noti di Hollywood come Gwyneth Paltrow, Ashley Judd, Jennifer Lawrence e Uma Thurman: un coro diventato una sola voce che chiede, anzi pretende, un mondo libero dalla violenza sessuale.

Ma oggi, poco più di un anno dopo, è la stessa Tarana, davanti ai microfoni della conferenza “TEDWomen” (Technology, Entertainment and Design), ospitata a Palm Springs, in California, a dover ammettere che qualcosa è cambiato, e non in meglio. Il #MeToo che aveva in mente non esiste più, ha tradito i suoi principi fondanti trasformandosi in una caccia alle streghe che ha messo gli uomini contro le donne. Non era quello che aveva in mente, non è così che si costruisce una società giusta e neanche il modo corretto per ristabilire i rapporti fra i due sessi.

“Quello che è nato come un movimento viene considerato un complotto contro gli uomini – ha detto senza nascondere la delusione – e neanche per le vittime è cambiato nulla: sono ascoltate e subito dopo denigrate. Eppure sono cose che riguardano una ragazza su quattro e un ragazzo su sei: tanti sono coloro che ogni anno subiscono violenza sessuale portandosi quelle ferite per il resto dei loro giorni”.

È la storia recente a raccontare che nulla cambia, o comunque che i tempi perché succeda sono lunghi: Tarana fa l’esempio di Brett Kavanaugh, il giudice voluto da Trump alla Corte Suprema malgrado sul suo capo ci fossero le accuse di violenza lanciate da diverse donne. “Dobbiamo educare noi stessi e i nostri figli perché sia chiaro che potere e privilegi non devono bastare per distruggere e pretendere, ma possono essere usati per costruire. #MeToo è stato definito uno spartiacque, ma certi giorni mi sveglio con la sensazione che sia il contrario”.

Stati Uniti
Disidratazione, muore bimba al confine USA
Disidratazione, muore bimba al confine USA
Aveva 7 anni, uccisa dagli stenti e dalla stanchezza. Protesta delle associazioni umanitarie contro Trump. Situazione in stallo
Le riunioni segrete di Trump
Le riunioni segrete di Trump
Secondo la CNN, il presidente sarebbe stato presente in alcune riunioni dove si perfezionava la macchina elettorale: pagare e ridurre al silenzio le donne che avrebbero potuto accusarlo e violare le leggi sul finanziamento
40mila morti all’anno per le armi da fuoco
40mila morti all’anno per le armi da fuoco
Lo scorso anno negli Stati Uniti è stato raggiunto il numero più alto di morti da quasi 40 anni: un record negativo che quest’anno potrebbe addirittura migliorare
Michael Cohen condannato a tre anni
Michael Cohen condannato a tre anni
L’ex avvocato personale di Trump ha confessato e ammesso tutte le proprie colpe”: “Sentivo il dovere di nascondere le sue malefatte, ma ho vissuto in una forma di prigionia, ora sono libero”
Cohen in una prigione di lusso
Cohen in una prigione di lusso
L'ex avvocato di Trump ha scelto un istituto di pena non lontano da New York dotato di alcuni confort. E' riservato ai "colletti bianchi". Per Forbes è tra le dieci carceri migliori degli Usa. Menu da gourmet
sorella Slot & suor Machine
sorella Slot & suor Machine
L’incredibile storia di due suore americane: per 10 anni hanno sottratto denaro dalle casse della scuola doveva lavoravano per giocarlo sui tavoli di Las Vegas
Bella e Celeste, presto i funerali
Bella e Celeste, presto i funerali
Le bimbe uccise con la madre da Chris Watts, recuperate da contenitori di greggio dove le aveva gettate il padre, restituite ai nonni per i funerali. L'assassino in Tribunale collabora con i giudici per evitare la pena di morte
Anche Kelly lascia la Casa bianca
Anche Kelly lascia la Casa bianca
Dimissioni entro fine anno del capo dello staff John Kelly, ancora misteriose le vere ragioni dell'ennesimo abbandono
Giallo a Google, ingegnere trovato morto
Giallo a Google, ingegnere trovato morto
Il corpo era negli uffici di New York davanti al pc. Aveva 22 anni e lavorava a Google da agosto. Attesa per l'autopsia
Le lettere d'amore del mostro
Le lettere d
Chris Watts ha strangolato la moglie incinta e le sue due bimbe per mettersi con l'amante. A lei scriveva dolci parole: "Mi riscaldi e mi raffreddi come la pioggia... il tuo amore è elettrico". Poi strofe sdolcinate di canzoni