Arriva il pieno "on demand"

| Stanchi di fare la coda all'automatico? Tenete duro: in Olanda stanno testando un servizio di consegna di carburanti a domicilio

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Nella sconfinata platea delle "application" che ci stanno cambiando la vita, nulla è più vietato. Perfino risolvere le piccole noie di ogni giorno, quelle a cui bisogna sottoporsi di persona, come - per fare un esempio - il minimo indispensabile per poter usare un'automobile: dotarla di carburante.

Ma come fare per evitare le code, il traffico, le mani unte, il bancomat che non prende? Semplice, facendosi fare il pieno a casa. L'idea è venuta un annetto fa alla Bentley, noblesse oblige: una app con accesso riservato alla propria facoltosa clientela che permette di ordinare il pieno standosene tranquillamente a casa. Non è necessario neanche uscire per aprire il tappo del serbatoio: pensano a tutto loro, 24 ore su 24, nel caso qualcuno si svegliasse nel cuore della notte con il cruccio di non aver fatto il pieno.

Un nuovo business

Un'idea che ha fatto il nido nei piani alti della "Shell", nome comune della "Royal Dutch Shell plc", multinazionale olandese del petrolio, svelando un possibile giro d'affari ancora tutto da esplorare.

Il servizio, chiamato "TapUp", per adesso si limita in fase sperimentale alla solla città di Rotterdam, e non si discosta molto da quanto ideato dalla Bentley: una app da cui richiedere benzina o gasolio a domicilio. A fronte di una spesa di 3,95 euro in più: non poco, se sommata al costo del carburante, ma un'inezia se si pensa al fegato risparmiato facendo tutto da soli.

Dall'America, California, per essere precisi, rispondono a dovere con "We Fuel" e "Booster Fuels", altri due servizi di pieno a domicilio tramite app: basta dare un'ora e un luogo, e la benzina arriva sul posto, fresca di giornata.

E l'Italia? Per adesso nulla di simile all'orizzonte, a parte l'idea di "Mister Lavaggio": si fissa un appuntamento e nel giro di un paio d'ore l'auto torna esattamente dove è stata consegnata all'addetto, pulita di tutto punto.

Stories
Il mago delle auto d’epoca
Il mago delle auto d’epoca
Per i collezionisti, Jonathan Ward è quasi una divinità: è in grado di trasformare l’anima tecnologica di vetture d’epoca lasciandole però intatte all’esterno. Perché ogni graffio è una storia
Dua Lipa per Jaguar
Dua Lipa per Jaguar
Un’inedita collaborazione fra l’artista del momento e il marchio inglese, darà il via ad una serie di eventi in tutta Europa
120 candeline per il Bibendum
120 candeline per il Bibendum
Proclamato il miglior logo della storia, il personaggio di fantasia fatto di pneumatici accompagna da oltre un secolo gli automobilisti di tutto il mondo
La Porsche 919 Hybrid Evo conquista il Nürburgring
La Porsche 919 Hybrid Evo conquista il Nürburgring
Dopo 35 anni, il prototipo ibrido polverizza il record di velocità scendendo di quasi un minuto sul precedente
Lamborghini chiama Hollywood
Lamborghini chiama Hollywood
Una mostra ospitata al Museo Lamborghini di Sant’Agata Bolognese, ripercorre le pellicole in cui le supercar marchiate con il toro hanno fatto da coprotagoniste
I 60 anni della Maserati Eldorado
I 60 anni della Maserati Eldorado
È stata la prima auto al mondo con sponsor proprio: una rivoluzione epocale, nata dalla fantasia di un marchio di gelati confezionati
Una Jaguar da rockstar
Una Jaguar da rockstar
Dopo essere passata attraverso le modifiche del reparto vetture storiche del marchio di Solihull, è stata ribattezzata XJ “Greatest Hits”. Un modello creato appositamente per Nicko McBrain, batterista degli Iron Maiden
Torna la Volvo 1800 S di Simon Templar
Torna la Volvo 1800 S di Simon Templar
L’esemplare, appartenuto a Roger Moore e protagonista della serie televisiva “Il Santo”, sarà esposto a Techno-Classica di Essen
Ferrari Portofino in tour
Ferrari Portofino in tour
Un lungo giro che toccherà oltre 60 località europee, dalla Scandinavia alla Costa Azzurra
Volkswagen lancia la sfida alla Pikes Peak
Volkswagen lancia la sfida alla Pikes Peak
Un prototipo 100% elettrico dalle linee estreme realizzato appositamente per completare l’impresa non riuscita nel 1987: portarsi a casa la cronoscalata più celebre del mondo