Aston Martin Valkyrie lunar edition

| Il capriccio di un miliardario americano: ordinare la stratosferica Valkyrie e farla dipingere nell’esclusivo “Lunar Red”

+ Miei preferiti
Quando ai centralini della Aston Martin, a Gaydon, hanno capito che la telefonata non era uno scherzo si sono lisciati le mani. Dall’altra parte del telefono c’era Kris Singh, di professione multimilionario e come passatempo collezionista di auto, a patto che siano una più esclusiva dell’altra.

Questa volta, Kris ha messo gli occhi sulla “Valkyrie”, la prima hypercar ibrida prodotta a Gaydon, realizzata con la stretta collaborazione della scuderia F1 “Red Bull Racing” e prodotta in soli 25 esemplari. Un giocattolino portato a spasso da un V12 da 6,5 litri e una potente batteria “Rimac”che di per sé, senza star lì a perder tempo con la spesa dei tappetini, ha un listino che si aggira sui 3,5 milioni di euro.

Ma c’è di più: non contento, il multimiliardario di origini indiane ha richiesto una modifica che supera addirittura il concetto di capriccio. In pratica, non importa il prezzo, ma Kris la vuole nell’iper esclusiva “Karosserie Lunar Red”, che unisce il rosso “Laboutin”, dal nome dello stilista che utilizza quella tonalità per la suola delle propria scarpe, alla polvere lunare.

Una richiesta un po’ folle che permette di dare la misura ai capricci di mister Singh, che in calce alla richiesta ha precisato: non importa la spesa, quella me consideratela a carico mio.

Non che sia cosa semplice: la polvere lunare sul nostro pianeta è un materiale rarissimo. Ne esistono pochi grammi, portati sulla Terra dalle diverse spedizioni, e un sacchetto, raccolto da Neil Armstrong è andato all’asta lo scorso anno da Sotheby’s per quattro milioni di dollari. L’unica stima ufficiale, fra l’altro, è stata attribuita da un tribunale americano nel 2011: si parla di 51mila dollari al grammo. Anzi, per essere precisi, per stringere i tempi ed evitare di comprarsi la “Nasa” per intero, Kris ha acquistato un frammento di roccia che sarà macinato fino a ridurlo in polvere. A conti fatti, anche risparmiando sulle due mani di vernice, dovrebbe cavarsela con un assegno da cinque milioni di dollari. Sciocchezze.

Di capricci, nel suo garage in Florida, mister Singh ne conta già parecchi: una rarissima “Lamborghini Veneto” prodotta in soli tre esemplari, una “Koenigsegg Agera XS”, modello distribuito in 80 esemplari e una “Pagani Hyuara BC”: ninnoli che in patria gli hanno fatto guadagnare il soprannome di “Lamborghinikis.

Stories
120 candeline per il Bibendum
120 candeline per il Bibendum
Proclamato il miglior logo della storia, il personaggio di fantasia fatto di pneumatici accompagna da oltre un secolo gli automobilisti di tutto il mondo
La Porsche 919 Hybrid Evo conquista il Nürburgring
La Porsche 919 Hybrid Evo conquista il Nürburgring
Dopo 35 anni, il prototipo ibrido polverizza il record di velocità scendendo di quasi un minuto sul precedente
Lamborghini chiama Hollywood
Lamborghini chiama Hollywood
Una mostra ospitata al Museo Lamborghini di Sant’Agata Bolognese, ripercorre le pellicole in cui le supercar marchiate con il toro hanno fatto da coprotagoniste
I 60 anni della Maserati Eldorado
I 60 anni della Maserati Eldorado
È stata la prima auto al mondo con sponsor proprio: una rivoluzione epocale, nata dalla fantasia di un marchio di gelati confezionati
Una Jaguar da rockstar
Una Jaguar da rockstar
Dopo essere passata attraverso le modifiche del reparto vetture storiche del marchio di Solihull, è stata ribattezzata XJ “Greatest Hits”. Un modello creato appositamente per Nicko McBrain, batterista degli Iron Maiden
Torna la Volvo 1800 S di Simon Templar
Torna la Volvo 1800 S di Simon Templar
L’esemplare, appartenuto a Roger Moore e protagonista della serie televisiva “Il Santo”, sarà esposto a Techno-Classica di Essen
Ferrari Portofino in tour
Ferrari Portofino in tour
Un lungo giro che toccherà oltre 60 località europee, dalla Scandinavia alla Costa Azzurra
Volkswagen lancia la sfida alla Pikes Peak
Volkswagen lancia la sfida alla Pikes Peak
Un prototipo 100% elettrico dalle linee estreme realizzato appositamente per completare l’impresa non riuscita nel 1987: portarsi a casa la cronoscalata più celebre del mondo
Tutti pazzi per l’escavatore
Tutti pazzi per l’escavatore
È l’ultima follia di Las Vegas: affittare un mezzo movimento terra e divertirsi a distruggere, smontare e spostare
Jaguar D-Type, un nuovissimo pezzo d’epoca
Jaguar D-Type, un nuovissimo pezzo d’epoca
La leggendaria barchetta ritorna da dove si era fermata: 25 esemplari per completare i 100 previsti, a sessant’anni di distanza. Ma targa a parte, è un pezzo d’epoca appena uscito dalla fabbrica