Dall'aspirapolvere all'auto elettrica

| Il gran capo della Dyson, una delle più celebri aziende di elettrodomestici, ha annunciato lo studio di un veicolo elettrico totalmente inedito che dovrebbe vedere la luce fra quache anno

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Mettici anni e anni passati a studiare elettrodomestici, sforzandosi di far entrare motori sempre più potenti in aspirapolveri sempre più piccoli, e alla fine qualcos'altro ti viene in mente, è matematico.

È esattamente ciò che è successo alla "Dyson Ltd", azienda inglese specializzata nei piccoli elettrodomestici da casa, dove si è scoperto da poco che gli ingegneri, nel loro tempo libero, invece di sforzarsi a passare il livello di qualche videogioco, provavano a creare go kart e piccole automobili con cui organizzavano gare aziendali sui prati della campagna inglese.

Ma quando la faccenda è arrivata alle orecchie del capo, James Dyson in persona, la reazione è stata diversa: invece di inviare lettere di richiamo ai suoi dipendenti, al settantenne Dyson si è accesa la lampadina. Insomma, una tira cosa tira l'altra, esattamente come dev'essere in una fabbrica di aspirapolveri, fino ad arrivare ad una comunicazione ufficiale prima resa nota solo all'interno dell'azienda, quindi diventata di dominio pubblico: stiamo lavorando al progetto di un veicolo elettrico che pensiamo di lanciare entro il 2020.

Anzi, per dirla tutta, mister Dyson ha svelato che 400 persone stanno lavorando ogni giorno al progetto, nel chiuso di Malmesbury, la sede centrale dell'impero americano degli elettrodomestici. E neanche a dirlo, se sul design i lavori fervono, meno dubbi sembrano esserci sul motore, direttamente derivato dai celebri e potenti aspirapolveri.

Altri dettagli, al momento, non ci sono, anche perché la concorrenza picchia duro. Ma passa comunque l'impressione che nei piani alti della Dyson l'entusiasmo sia ai massimi, accompagnato da un miliardo di sterline di investimento per dare il fiato necessario al progetto dell'auto e altrettanti per studiare nuove soluzioni per le batterie.

In fondo, l'intera esistenza di James Dyson si basa su intuizioni felici. Un giorno del lontano 1981, ad esempio, James corre in un supermercato "Walmart", catena americana della grande distribuzione, per comprare un nuovo aspirapolvere. Arriva a casa e scopre, smadonnando appena un po', che non solo si intasa di continuo, ma perde potenza che è un piacere. La solita lampadina si accende qualche tempo dopo, quando in una falegnameria, Dyson nota il metodo di rimozione della segatura attraverso un potente filtro chiamato "ciclone". È la matematica più banale, quella che fa uno più uno, a mettere insieme l'aspirapolvere farlocco comprato da poco e la scoperta del filtro dei miracoli: l'unione si trasforma in un impero chiamato "Dyson Ltd", che oggi conta 7.000 dipendenti e vende in 70 paesi.

 

Stories
Il mago delle auto d’epoca
Il mago delle auto d’epoca
Per i collezionisti, Jonathan Ward è quasi una divinità: è in grado di trasformare l’anima tecnologica di vetture d’epoca lasciandole però intatte all’esterno. Perché ogni graffio è una storia
Dua Lipa per Jaguar
Dua Lipa per Jaguar
Un’inedita collaborazione fra l’artista del momento e il marchio inglese, darà il via ad una serie di eventi in tutta Europa
120 candeline per il Bibendum
120 candeline per il Bibendum
Proclamato il miglior logo della storia, il personaggio di fantasia fatto di pneumatici accompagna da oltre un secolo gli automobilisti di tutto il mondo
La Porsche 919 Hybrid Evo conquista il Nürburgring
La Porsche 919 Hybrid Evo conquista il Nürburgring
Dopo 35 anni, il prototipo ibrido polverizza il record di velocità scendendo di quasi un minuto sul precedente
Lamborghini chiama Hollywood
Lamborghini chiama Hollywood
Una mostra ospitata al Museo Lamborghini di Sant’Agata Bolognese, ripercorre le pellicole in cui le supercar marchiate con il toro hanno fatto da coprotagoniste
I 60 anni della Maserati Eldorado
I 60 anni della Maserati Eldorado
È stata la prima auto al mondo con sponsor proprio: una rivoluzione epocale, nata dalla fantasia di un marchio di gelati confezionati
Una Jaguar da rockstar
Una Jaguar da rockstar
Dopo essere passata attraverso le modifiche del reparto vetture storiche del marchio di Solihull, è stata ribattezzata XJ “Greatest Hits”. Un modello creato appositamente per Nicko McBrain, batterista degli Iron Maiden
Torna la Volvo 1800 S di Simon Templar
Torna la Volvo 1800 S di Simon Templar
L’esemplare, appartenuto a Roger Moore e protagonista della serie televisiva “Il Santo”, sarà esposto a Techno-Classica di Essen
Ferrari Portofino in tour
Ferrari Portofino in tour
Un lungo giro che toccherà oltre 60 località europee, dalla Scandinavia alla Costa Azzurra
Volkswagen lancia la sfida alla Pikes Peak
Volkswagen lancia la sfida alla Pikes Peak
Un prototipo 100% elettrico dalle linee estreme realizzato appositamente per completare l’impresa non riuscita nel 1987: portarsi a casa la cronoscalata più celebre del mondo