Happy drive to you

| È l'Olanda il paradiso degli automobilisti: lo dice una sofisticata analisi che ha scandagliato le condizioni di 42 paesi e 217 città. L'Italia? Verso il fondo della classifica

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta
"He geeft een ei, om een kucken te krijgen": letteralmente, dare un uovo per avere una gallina. Non è che sia uno dei dei detti popolari più rivelatori, di quelli così autentici da lasciare senza fiato, ma da qualche parte, gli olandesi devono pur sbagliare.

Meno male, in fondo, perché dopo aver conquistato una posizione di rilievo nella classifica dei paesi più felici del pianeta, bissata lo scorso gennaio con quella dei posti migliori in cui far crescere i bambini, e addirittura capace di 

attrarre il colosso di abbigliamento sportivo "Nike", che pur di arrivare alla ridottissima pressione fiscale olandese ha nientemeno abbandonato le Bermuda, l'Olanda conquista un nuovo primato: miglior paese al mondo dove guidare un'automobile.

A svelarlo è "Waze", app di navigazione stradale gratuita di proprietà di Google, che ha analizzato gli indici di soddisfazione di 42 paesi e 217 città, utilizzando parametri universali: sicurezza, qualità delle strade e felicità al volante.

Il traffico in Olanda, si legge, è scorrevole sempre, la qualità e la manutenzione delle strade eccellente, quanto basta per renderla un paradiso di chi ama sedersi al volante. Segue la Francia, che supera Stati Uniti, Repubblica Ceca e Svezia, oltre a lasciare all'Italia il decimo posto della classifica mondiale e l'ottavo nell'europea.

Accontentiamoci, visto che l'elenco arriva a toccare posti ben peggiori dei nostri, dove guidare è realmente un'avventura: El Salvador, Guatemala, Panama e Indonesia, con l'ultimissimo posto in classifica guadagnato dalle Filippine.

Scendendo nel dettaglio Valence, in Francia, è uno dei luoghi migliori in cui possedere un'auto, mentre Milano, malgrado un perenne traffico da tachicardia, conquista la 50esima posizione nel ranking mondiale, a sorpresa seguita da Roma e Napoli. Non si finisce mai di imparare.

Stories
Il mago delle auto d’epoca
Il mago delle auto d’epoca
Per i collezionisti, Jonathan Ward è quasi una divinità: è in grado di trasformare l’anima tecnologica di vetture d’epoca lasciandole però intatte all’esterno. Perché ogni graffio è una storia
Dua Lipa per Jaguar
Dua Lipa per Jaguar
Un’inedita collaborazione fra l’artista del momento e il marchio inglese, darà il via ad una serie di eventi in tutta Europa
120 candeline per il Bibendum
120 candeline per il Bibendum
Proclamato il miglior logo della storia, il personaggio di fantasia fatto di pneumatici accompagna da oltre un secolo gli automobilisti di tutto il mondo
La Porsche 919 Hybrid Evo conquista il Nürburgring
La Porsche 919 Hybrid Evo conquista il Nürburgring
Dopo 35 anni, il prototipo ibrido polverizza il record di velocità scendendo di quasi un minuto sul precedente
Lamborghini chiama Hollywood
Lamborghini chiama Hollywood
Una mostra ospitata al Museo Lamborghini di Sant’Agata Bolognese, ripercorre le pellicole in cui le supercar marchiate con il toro hanno fatto da coprotagoniste
I 60 anni della Maserati Eldorado
I 60 anni della Maserati Eldorado
È stata la prima auto al mondo con sponsor proprio: una rivoluzione epocale, nata dalla fantasia di un marchio di gelati confezionati
Una Jaguar da rockstar
Una Jaguar da rockstar
Dopo essere passata attraverso le modifiche del reparto vetture storiche del marchio di Solihull, è stata ribattezzata XJ “Greatest Hits”. Un modello creato appositamente per Nicko McBrain, batterista degli Iron Maiden
Torna la Volvo 1800 S di Simon Templar
Torna la Volvo 1800 S di Simon Templar
L’esemplare, appartenuto a Roger Moore e protagonista della serie televisiva “Il Santo”, sarà esposto a Techno-Classica di Essen
Ferrari Portofino in tour
Ferrari Portofino in tour
Un lungo giro che toccherà oltre 60 località europee, dalla Scandinavia alla Costa Azzurra
Volkswagen lancia la sfida alla Pikes Peak
Volkswagen lancia la sfida alla Pikes Peak
Un prototipo 100% elettrico dalle linee estreme realizzato appositamente per completare l’impresa non riuscita nel 1987: portarsi a casa la cronoscalata più celebre del mondo