I 60 anni della Maserati Eldorado

| È stata la prima auto al mondo con sponsor proprio: una rivoluzione epocale, nata dalla fantasia di un marchio di gelati confezionati

+ Miei preferiti
Nel 1958 Feltrinelli pubblica “Il Gattopardo”, capolavoro di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, lo Scià di Persia ripudia la moglie Soraya, Eisenhower costituisce la NASA e lo strip-tease di Aïché Nana dà il via alla “Dolce Vita”. Ma nulla, per i ragazzini dell’epoca vale quanto un “Mottarello”, il padre di tutti i gelati confezionati, lanciato parecchio tempo prima da Angelo Motta e diventato un fenomeno di costume epocale e uno dei primi capricci dei bambini. Di mezzo, a quel punto, c’era molto di più: il promettente mercato ancora tutto da esplorare dei gelati confezionati e una primitiva battaglia di marketing che rispetto alla scienza esatta in cui si è trasformata oggi, fa perfino sorridere. Ma quelli erano i tempi e quelli gli strumenti con cui misurarsi, combattere e portare a casa risultati.

La pensava così la “Eldorado”, marchio italiano nato dalle ceneri della “Toseroni”, dal nome della famiglia di imprenditori che aveva creato un’azienda specializzata nei gelati confezionati. Alla Eldorado ci arrivano prima di altri: serve una trovata per rendere il marchio conosciuto e da lì riuscire a vendere i propri prodotti.

L’idea arriva proprio nel 1958, esattamente sessant’anni fa, con la sponsorizzazione della Maserati Tipo 420/M/58, una monoposto da competizione passata alla storia dell’automobilismo mondiale, non a caso, come la “Maserati Eldorado”, la prima vettura a poter vantare una sponsorizzazione propria, staccandosi dalle colorazioni che la Federazione assegnava d’ufficio ad ogni paese.

Studiata e realizzata da Giulio Alfieri Maserati per partecipare alla “500 Miglia” di Monza del 1958, la Eldorado ventava un telaio tubolare di tipo “Indy”, un motore V8 da 4,2 litri a corsa corta, 410 CV di potenza e 350 km/h di velocità massima, ma soprattutto un nome che contava moltissimo al volante: Stirling Moss, il pilota inglese che in carriera vanta uno dei record più singolari: aver vinto il maggior numero di gran premi ma senza mai riuscire a conquistare il titolo mondiale.

La Maserati Eldorado diventa la prima pietra gettata su una rivoluzione non solo estetica, lanciata verso un universo parallelo abitato da aziende disposte, da lì in poi, a versare fiumi di denaro pur di piazzare il proprio marchio su sogni a quattro ruote. La Tipo 420/M/58 viene dipinta nella colorazione bianco panna, che sostituisce il rosso con cui era nata, mentre sui lati dell’abitacolo compaiono due grosse scritte “Eldorado”, e altre due sul musetto e sotto il deflettore-parabrezza. Al di sotto delle scritte più grosse l’orogliosa dicitura “Italia”.

Il 29 giugno 1958, la Maserati Eldorado scende in pista per la prima volta a Monza: nelle tre manches previste, Moss si piazza al quarto e quinto posto nelle prime due, concludendo la terza contro il guardrail per la rottura dello sterzo. Malgrado il finale inglorioso, la monoposto di Moss chiude al settimo posto della classifica finale. Ci riprova l’anno successivo a “500 Miglia” di Indianapolis, affidata a Ralph Liguori, ma riesce solo a concludere le qualifiche, per poi rinunciare alla gara per problemi all’alimentazione.

La Maserati Eldorado, in perfetto stato, è conservata con ogni riguardo a Modena, nella “Collezione Panini”.

Galleria fotografica
I 60 anni della Maserati Eldorado - immagine 1
I 60 anni della Maserati Eldorado - immagine 2
I 60 anni della Maserati Eldorado - immagine 3
I 60 anni della Maserati Eldorado - immagine 4
I 60 anni della Maserati Eldorado - immagine 5
I 60 anni della Maserati Eldorado - immagine 6
I 60 anni della Maserati Eldorado - immagine 7
I 60 anni della Maserati Eldorado - immagine 8
I 60 anni della Maserati Eldorado - immagine 9
I 60 anni della Maserati Eldorado - immagine 10
Stories
Il mago delle auto d’epoca
Il mago delle auto d’epoca
Per i collezionisti, Jonathan Ward è quasi una divinità: è in grado di trasformare l’anima tecnologica di vetture d’epoca lasciandole però intatte all’esterno. Perché ogni graffio è una storia
Dua Lipa per Jaguar
Dua Lipa per Jaguar
Un’inedita collaborazione fra l’artista del momento e il marchio inglese, darà il via ad una serie di eventi in tutta Europa
120 candeline per il Bibendum
120 candeline per il Bibendum
Proclamato il miglior logo della storia, il personaggio di fantasia fatto di pneumatici accompagna da oltre un secolo gli automobilisti di tutto il mondo
La Porsche 919 Hybrid Evo conquista il Nürburgring
La Porsche 919 Hybrid Evo conquista il Nürburgring
Dopo 35 anni, il prototipo ibrido polverizza il record di velocità scendendo di quasi un minuto sul precedente
Lamborghini chiama Hollywood
Lamborghini chiama Hollywood
Una mostra ospitata al Museo Lamborghini di Sant’Agata Bolognese, ripercorre le pellicole in cui le supercar marchiate con il toro hanno fatto da coprotagoniste
Una Jaguar da rockstar
Una Jaguar da rockstar
Dopo essere passata attraverso le modifiche del reparto vetture storiche del marchio di Solihull, è stata ribattezzata XJ “Greatest Hits”. Un modello creato appositamente per Nicko McBrain, batterista degli Iron Maiden
Torna la Volvo 1800 S di Simon Templar
Torna la Volvo 1800 S di Simon Templar
L’esemplare, appartenuto a Roger Moore e protagonista della serie televisiva “Il Santo”, sarà esposto a Techno-Classica di Essen
Ferrari Portofino in tour
Ferrari Portofino in tour
Un lungo giro che toccherà oltre 60 località europee, dalla Scandinavia alla Costa Azzurra
Volkswagen lancia la sfida alla Pikes Peak
Volkswagen lancia la sfida alla Pikes Peak
Un prototipo 100% elettrico dalle linee estreme realizzato appositamente per completare l’impresa non riuscita nel 1987: portarsi a casa la cronoscalata più celebre del mondo
Tutti pazzi per l’escavatore
Tutti pazzi per l’escavatore
È l’ultima follia di Las Vegas: affittare un mezzo movimento terra e divertirsi a distruggere, smontare e spostare