La Spaghetti Car di Leonardo DiCaprio

| Battuta all'asta al Gala di Saint Tropez per finanziare l'attività ecologista della star di Hollywood, una BMW i3 è diventata unica grazie al tocco visionario e ironico di Maurizio Cattelan

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

È stata la "Spaghetti Car", il momento clou del gala organizzato a Saint-Tropez dalla "Leonardo DiCaprio Foundation". Tecnicamente si tratta di una BMW i3 elettrica, resa unica dalla visione artistica voluta da "ToiletPaper", magazine nato dalla collaborazione fra il visual artist Maurizio Cattelan e il fotografo Pierpaolo Ferrari.

Battuta all'asta da Simon de Pury, uno dei più celebri battitori del mondo, la Spaghetti Car - "one-off" di un'installazione artistica su ruote - se l'è aggiudicata un misterioso collezionista, sborsando 100 mila dollari. Soldi finiti alla fondazione presieduta da DiCaprio, che ogni anno dà vita a eventi che hanno l'obiettivo di sensibilizzare l'opinione pubblica sui cambiamenti climatici e finanziare azioni concrete di salvaguardia dell'ambiente.

Una serata ad alto tasso di volti noti, che oltre a DiCaprio nella veste di padrone di casa, ha avuto come prezioso contorno la musica di Lenny Kravitz e quella di Madonna, e la presenza di Sean Penn, Tobey Maguire, Marillon Cotillard, Tom Hanks, Kate Hudson, Penélope Cruz, Jared Leto, Edward Norton, Emma Stone, Kate Winslet, Alberto di Monaco, Emma Stone e Anne Hidalgo, primo cittadino di Parigi, premiata per la costante ricerca di soluzioni di mobilità alternative per liberare la Ville Lumiére dalla morsa del traffico.

La Spaghetti Car, realizzata un anno fa in occasione del Festival della Fotografia di Arles, si inserisce perfettamente nella controversa visione artistica di Maurizio Cattelan, autore anche di un "cesso d'oro" che oggi adorna uno dei bagni del Guggenheim Museum di New York, ma anche in quella del marchio BMW, da sempre legato a doppia mandata al mondo dell'arte, da cui è nata la collezione di "Art Car" firmate nel tempo da artisti come Andy Warhol, Roy Lichtenstein e Jeff Koons.

Stories
Il mago delle auto d’epoca
Il mago delle auto d’epoca
Per i collezionisti, Jonathan Ward è quasi una divinità: è in grado di trasformare l’anima tecnologica di vetture d’epoca lasciandole però intatte all’esterno. Perché ogni graffio è una storia
Dua Lipa per Jaguar
Dua Lipa per Jaguar
Un’inedita collaborazione fra l’artista del momento e il marchio inglese, darà il via ad una serie di eventi in tutta Europa
120 candeline per il Bibendum
120 candeline per il Bibendum
Proclamato il miglior logo della storia, il personaggio di fantasia fatto di pneumatici accompagna da oltre un secolo gli automobilisti di tutto il mondo
La Porsche 919 Hybrid Evo conquista il Nürburgring
La Porsche 919 Hybrid Evo conquista il Nürburgring
Dopo 35 anni, il prototipo ibrido polverizza il record di velocità scendendo di quasi un minuto sul precedente
Lamborghini chiama Hollywood
Lamborghini chiama Hollywood
Una mostra ospitata al Museo Lamborghini di Sant’Agata Bolognese, ripercorre le pellicole in cui le supercar marchiate con il toro hanno fatto da coprotagoniste
I 60 anni della Maserati Eldorado
I 60 anni della Maserati Eldorado
È stata la prima auto al mondo con sponsor proprio: una rivoluzione epocale, nata dalla fantasia di un marchio di gelati confezionati
Una Jaguar da rockstar
Una Jaguar da rockstar
Dopo essere passata attraverso le modifiche del reparto vetture storiche del marchio di Solihull, è stata ribattezzata XJ “Greatest Hits”. Un modello creato appositamente per Nicko McBrain, batterista degli Iron Maiden
Torna la Volvo 1800 S di Simon Templar
Torna la Volvo 1800 S di Simon Templar
L’esemplare, appartenuto a Roger Moore e protagonista della serie televisiva “Il Santo”, sarà esposto a Techno-Classica di Essen
Ferrari Portofino in tour
Ferrari Portofino in tour
Un lungo giro che toccherà oltre 60 località europee, dalla Scandinavia alla Costa Azzurra
Volkswagen lancia la sfida alla Pikes Peak
Volkswagen lancia la sfida alla Pikes Peak
Un prototipo 100% elettrico dalle linee estreme realizzato appositamente per completare l’impresa non riuscita nel 1987: portarsi a casa la cronoscalata più celebre del mondo