Meadow Walker VS Porsche

| Si sarebbe conclusa con un risarcimento milionario la lunga disputa legale fra la figlia di Paul, l'attore morto in un incidente stradale e il marchio Porsche

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Suo padre Paul, uno dei belli di Hollywood, amava le auto, la velocità e l'adrenalina. I set cinematografici l'avevano accontentato, regalandogli gloria ed emozioni nel ruolo di Brian O'Connell nell'infinita saga di "Fast and Furious". Ma il 30 novembre del 2013, il destino si era appostato lungo i viali di Santa Clarita, uno dei tanti paradisi sparsi lungo la costa californiana: Walker e il suo amico Roger Rhodas, spingono su una Porsche Carrera GT, sulla strada di casa, al ritorno da un evento benefico per raccogliere fondi in favore delle popolazioni filippine colpite dall'uragano Yolanda. È un attimo: la potente Porsche, lanciata ad oltre 150 km/h, si schianta fra un lampione due alberi prendendo fuoco. Per i due non c'è scampo, muoiono sul colpo.

Sono le impressionanti immagini dell'auto, ridotta ad un cumulo informe di lamiera fumante, a dare i contorni ad una tragedia che colpisce Hollywood nel profondo. Nel 2013, Meadow, la figlia di Paul Walker nata da una relazione con Rebecca Soteros, aveva 14 anni e tutto il dolore che significa perdere un genitore nell'età in cui ne avresti più bisogno.

Meadow cresce con il conforto di 10 milioni di dollari di risarcimento assegnati dalla compagnia di Rhodas. Oggi ha 18 anni, e da papà e mamma ha preso la bellezza e la testardaggine: è una modella con milioni di followers, ma da sempre ha in testa un tarlo che non molla: dimostrare che suo padre quel giorno avrebbe potuto salvarsi, ma non è riuscito per un problema della Porsche.

Inizia da lì una lunga querelle giudiziaria portata avanti da un squadra di avvocati di Meadow da una parte, e quelli che difendono il marchio Porsche dall'altra. In favore della tesi della ragazza giocano i risultati dell'autopsia, che hanno dimostrato la morte di Walker non a causa dell'urto ma per l'incendio a cui non è riuscito a sottrarsi. In altre parole, qualcosa l'ha bloccato. La denuncia presentata dai legali di Meadow si concentra sulla pericolosità di un'auto messa in commercio senza alcun riguardo, con problemi di stabilità e controllo. Con un dettaglio in più che finisce per fare la differenza: la cintura di sicurezza difettosa.

Anni di tribunali, udienze e memorie che si sono conclusi proprio in queste ore, con un accordo raggiunto fra la casa di Stoccarda e l'unica figlia di Paul Walker. A fronte del ritiro di ogni accusa, e malgrado non sia mai stata accusata formalmente di nulla, Porsche ha scelto di chiudere la questione con un risarcimento di cui non si conosce la cifra, ma facilmente ipotizzabile come con parecchi zeri.

Secondo quanto dichiarato da lei stessa, l'intenzione è di creare una fondazione intitolata a suo padre, con cui aiutare poveri e senzatetto.

Stories
Il mago delle auto d’epoca
Il mago delle auto d’epoca
Per i collezionisti, Jonathan Ward è quasi una divinità: è in grado di trasformare l’anima tecnologica di vetture d’epoca lasciandole però intatte all’esterno. Perché ogni graffio è una storia
Dua Lipa per Jaguar
Dua Lipa per Jaguar
Un’inedita collaborazione fra l’artista del momento e il marchio inglese, darà il via ad una serie di eventi in tutta Europa
120 candeline per il Bibendum
120 candeline per il Bibendum
Proclamato il miglior logo della storia, il personaggio di fantasia fatto di pneumatici accompagna da oltre un secolo gli automobilisti di tutto il mondo
La Porsche 919 Hybrid Evo conquista il Nürburgring
La Porsche 919 Hybrid Evo conquista il Nürburgring
Dopo 35 anni, il prototipo ibrido polverizza il record di velocità scendendo di quasi un minuto sul precedente
Lamborghini chiama Hollywood
Lamborghini chiama Hollywood
Una mostra ospitata al Museo Lamborghini di Sant’Agata Bolognese, ripercorre le pellicole in cui le supercar marchiate con il toro hanno fatto da coprotagoniste
I 60 anni della Maserati Eldorado
I 60 anni della Maserati Eldorado
È stata la prima auto al mondo con sponsor proprio: una rivoluzione epocale, nata dalla fantasia di un marchio di gelati confezionati
Una Jaguar da rockstar
Una Jaguar da rockstar
Dopo essere passata attraverso le modifiche del reparto vetture storiche del marchio di Solihull, è stata ribattezzata XJ “Greatest Hits”. Un modello creato appositamente per Nicko McBrain, batterista degli Iron Maiden
Torna la Volvo 1800 S di Simon Templar
Torna la Volvo 1800 S di Simon Templar
L’esemplare, appartenuto a Roger Moore e protagonista della serie televisiva “Il Santo”, sarà esposto a Techno-Classica di Essen
Ferrari Portofino in tour
Ferrari Portofino in tour
Un lungo giro che toccherà oltre 60 località europee, dalla Scandinavia alla Costa Azzurra
Volkswagen lancia la sfida alla Pikes Peak
Volkswagen lancia la sfida alla Pikes Peak
Un prototipo 100% elettrico dalle linee estreme realizzato appositamente per completare l’impresa non riuscita nel 1987: portarsi a casa la cronoscalata più celebre del mondo