Ricchi, belli e molto veloci

| Forse da sempre, corre uno stretto rapporto fra i divi del grande schermo e il demone della velocità. Ecco un piccolo elenco degli eredi di grandi star come Paul Newman, Steve McQueen e James Dean

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

C'è chi ama produrre il proprio vino, chi inscatola pomodori e chi colleziona arte. Ma difficilmente, fra gli stellari abitanti delle colline fra Hollywood e Beverly Hills, qualcuno rinuncia a riempirsi il garage come fosse un museo. Supercar, hypercar, prototipi e one-off, oppure berlinone blindate lunghe come una petroliera: nulla è impossibile in quel pezzetto di California dove ogni noia è bandita a suon di dollari. Ma proprio a questo punto si apre uno spartitraffico, fatto da una parte di gente che colleziona auto ma non si sognerebbe mai di guidarle di persona, ci mancherebbe altro, e dall'altra una nuova generazione di stelle del cinema che ama scendere in pista e assicurarsi massicce dosi di adrenalina.

Fra i primi a provare quel genere di brivido, dice la leggenda, furono James Stewart, Steve McQueen e Paul Newman, così rapiti dall'odore dell'olio bruciato e dalle tute ignifughe da dimenticarsi quasi le rispettive carriere cinematografiche. Altri tempi: quelli erano divi dal carattere difficile da domare, mentre i loro colleghi di oggi ragionano, pensano, sanno esattamente quando iniziare, e soprattutto quando smettere. Perché le vite spericolate non vanno più di moda.

Patrick Dempsey

L'ex dottor Shepherd di "Grey's Anatomy", da cui tutte le donne del mondo avrebbero voluto farsi curare, nel 2015 si toglie lo sfizio di partecipare alla 24 Ore di le Mans. Ma quello diventa l'inizio e non la fine: secondo con la sua Porsche 911 SRS si lascia prende la mano, fondando dal nulla la "Prompton-Dempsey", un vero team, con cui partecipa a quasi settanta gare, portando a casa un premio nel campionato amatoriale GT. Poi ci ripensa, si dice su insistenza della moglie Jillian, abbandonando le gare ma salvando la squadra, che oggi si occupa di lanciare giovani promesse nel Mondiale Endurance.

Jeffrey Dean Morgan

Per gli appassionati di "The Walking Dead" è Negan, il sadico, cattivo e magnetico protagonista della celebre zombie-saga trasmessa in tutto il mondo. Innamorato di motori e velocità fin da bambino, l'attore di Seattle ha realizzato fa uno dei suoi sogni più antichi: scendere in pista sull'anello di Indianapolis. È successo a fine maggio, quando "Negan" è salito su una Chevrolet Corvette Grand Sport per fare da apripista alla celebre e seguitissima "500 Miglia di Indianapolis", in scena nel week end del Memorial Day. Voci di corridoio assicurano che Jeffrey stia seriamente pensando al passo successivo: partecipare almeno ad una gara. Poi si vedrà.

Adrien Brody

Non è bastata neanche l'emozione dell'Oscar, conquistato nel 2002 con "il Pianista", per allontanare l'attore newyorkese dalle corse. Le sue partecipazioni ad eventi motoristici, con alcuni piazzamenti dignitosi che dimostrano una certa abilità, hanno raggiunto uno dei momenti clou nel 2014 con l'avventura della "1000 Miglia" a bordo di una Mercedes 300 SL del 1956, la celebre "ali di gabbiano".

Keanu Reeves

Qualche auto ma soprattutto moto per l'ex protagonista di "Matrix", la saga di fantascienza iniziata nel 1999. Ma oltre a correre di persona, al pari di suoi colleghi come Tom Cruise, George Clooney e Brad Pitt, l'attore canadese di origini libanesi, con la complicità del guru dei customizer Gard Hollinger, ha creato addirittura un proprio marchio: la Arch Motorcycle Company, specializzata in custom mozzafiato.

Brad Pitt

Insieme al suo fraterno amico George Clooney ama inforcare una delle sua tante moto e andare a spasso, fermandosi dove capita. O meglio: dove hanno dei defibrillatori per le cameriere. Ma nel marzo dello scorso anno, non sazio di emozioni, l'ex metà dei "Brangelina" ha voluto provare l'ebbrezza delle velocità in pista, partecipando come passeggero ad un giro sullo storico circuito di Le Mans, sulla Safety Car guidata da Alex Wurz.

Erica Bana

Australiano di Melbourne, protagonista di film come "Troy" e "King Arthur", nutre da sempre una smodata passione per i motori. Innumerevoli le gare a cui ha preso parte, compreso un rally in Tasmania nel 2007 che per poco non è finito in tragedia: a bordo di una XB Falcon Coupé del 1974, l'attore si è schiantato a grande velocità insieme al copilota. Entrambi ne sono usciti senza neanche un graffio, ma malgrado le proteste della moglie Rebecca e dei loro due figli, si dice che Bana non abbia alcuna voglia di smettere.

Rowan Aktinson

Mentre "Mr. Bean", il suo personaggio più famoso, si limita a guidare una Mini verdognola del 1977, il potente e ricchissimo attore inglese è noto per una passione incontenibile verso le supercar. Nel suo garage, forse più di uno, sono passati probabilmente tutti i maggiori sogni su ruote dell'umanità: qualcuno, come una rarissima McLaren F1, finito anche contro un palo per mano dello stesso attore.

Michael Fassbender

Il demone della velocità ha colpito anche l'attore irlandese protagonista di film di grande successo come "Assassin's Creed" e "Alien: Covenant". Poche settimane fa, al volante di una Ferrari 488 Challenge, l'attore ha debuttato nel monomarca "Ferrari Challenge North America" in classe "Coppa Shell". Una passione maturata dopo aver partecipato ad un corso di guida sportiva a Maranello.

Nick Mason

Il batterista dei Pink Floyd è afflitto da una sindrome, peraltro piuttosto diffusa: la "ferrarite". Nelle sue tenute perse nelle verdi campagne inglesi, coccola come dei figli una sessantina di Ferrari d'ogni epoca, con cui di tanto in tanto sceglie di partecipare a qualche gara di regolarità. Una passione così totale da portarlo a farsi realizzare i fusti di una batteria nella segretissima tinta "rosso Ferrari".

Stefano Accorsi

Nel 2016, l'attore bolognese inizia le riprese di "Veloce come il tempo", un film ispirato alla storia sportiva e personale di Carlo Capone, tanto abile al volante quanto dal carattere difficile. Grazie alla sua interpretazione, Accorsi conquista il Nastro d'Argento e il David di Donatello come miglior attore, ma più che altro scopre il mondo dei rally. Lo scorso mese di aprile, l'ex interprete di "Radiofreccia" ha debuttato ad Adria nel campionato per vetture turismo elaborate TCR Italy al volante di una Peugeot 308 TCT.

Stories
Il mago delle auto d’epoca
Il mago delle auto d’epoca
Per i collezionisti, Jonathan Ward è quasi una divinità: è in grado di trasformare l’anima tecnologica di vetture d’epoca lasciandole però intatte all’esterno. Perché ogni graffio è una storia
Dua Lipa per Jaguar
Dua Lipa per Jaguar
Un’inedita collaborazione fra l’artista del momento e il marchio inglese, darà il via ad una serie di eventi in tutta Europa
120 candeline per il Bibendum
120 candeline per il Bibendum
Proclamato il miglior logo della storia, il personaggio di fantasia fatto di pneumatici accompagna da oltre un secolo gli automobilisti di tutto il mondo
La Porsche 919 Hybrid Evo conquista il Nürburgring
La Porsche 919 Hybrid Evo conquista il Nürburgring
Dopo 35 anni, il prototipo ibrido polverizza il record di velocità scendendo di quasi un minuto sul precedente
Lamborghini chiama Hollywood
Lamborghini chiama Hollywood
Una mostra ospitata al Museo Lamborghini di Sant’Agata Bolognese, ripercorre le pellicole in cui le supercar marchiate con il toro hanno fatto da coprotagoniste
I 60 anni della Maserati Eldorado
I 60 anni della Maserati Eldorado
È stata la prima auto al mondo con sponsor proprio: una rivoluzione epocale, nata dalla fantasia di un marchio di gelati confezionati
Una Jaguar da rockstar
Una Jaguar da rockstar
Dopo essere passata attraverso le modifiche del reparto vetture storiche del marchio di Solihull, è stata ribattezzata XJ “Greatest Hits”. Un modello creato appositamente per Nicko McBrain, batterista degli Iron Maiden
Torna la Volvo 1800 S di Simon Templar
Torna la Volvo 1800 S di Simon Templar
L’esemplare, appartenuto a Roger Moore e protagonista della serie televisiva “Il Santo”, sarà esposto a Techno-Classica di Essen
Ferrari Portofino in tour
Ferrari Portofino in tour
Un lungo giro che toccherà oltre 60 località europee, dalla Scandinavia alla Costa Azzurra
Volkswagen lancia la sfida alla Pikes Peak
Volkswagen lancia la sfida alla Pikes Peak
Un prototipo 100% elettrico dalle linee estreme realizzato appositamente per completare l’impresa non riuscita nel 1987: portarsi a casa la cronoscalata più celebre del mondo