"Costrette a vendere il nostro corpo"

| La disperazione delle donne venezuelane emigrate piegate dalla fame e dalla miseria, prostitute solo per sopravvivere. L'alternativa Ŕ cercare cibo nei rifiuti. In Venezuela era impossibile vivere. L'avvocatessa e l'infermiera

+ Miei preferiti
Parlano con dolore nelle voci e tristezza negli occhi. All'inizio riservate, alla fine si aprono e raccontano, attraverso le lacrime, come si sono trovate in una situazione che un tempo sarebbe stata inimmaginabile: vendere i loro corpi per sbarcare il lunario. Lo racconta il guardina. in un drammatico reportage da Cucùta, al confine con la Colombia. Mariza, infermiera diplomata, due anni fa ha compiuto il viaggio attraverso il confine tra Venezuela e Colombia, lasciando dietro di sé la madre e i tre figli. Come la maggior parte degli immigrati con carriere professionali, si aspettava di trovare un lavoro nel proprio campo, ma quando le si chiudevano ripetutamente le porte in faccia e anche un lavoro in un'impresa di pulizie non si trovava da nessuna parte, Mariza si trovò a prendere una decisione impossibile. Racconta della sua caduta nella prostituzione cge non è facile ed è pericoloso. Ma come madre, "non pensi, fai quello che devi fare". Il nome di Mariza è stato cambiato per proteggere la sua identità, così come altri nomi in questo rapporto.
La delusione risuona nella sua voce quando parla del tempo trascorso nell'istruzione e dell'incapacità di lavorare come infermiera. "È frustrante perché ti rendi conto che hai lavorato. Cinque anni della mia vita studiando, preparando - mi sento in questo momento che sono cinque anni che ho perso perché non posso praticare il mio lavoro", ha detto, le lacrime che le scorrono sul suo viso.
Tornata a casa, era una donna con una carriera e un sogno, ma la crisi in Venezuela ha creato una spirale discendente che non riusciva a controllare. Come infermiera certificata, 15 giorni di lavoro le sono bastati per comprare un sacchetto di farina. Una normale spesa è diventata una prova di due giorni e anche allora non c'era alcuna garanzia che Mariza potesse trovare gli articoli di cui aveva bisogno, come i pannolini per il suo bambino. La gente passava la notte fuori dai negozi, aspettando di ricevere un numero la mattina seguente. Con un biglietto in mano, i aspettavano fuori per comprare qualsiasi cosa il negozio potesse avere quel giorno. "Non hai avuto altra scelta se non quella di comprare quello che c'era in magazzino", ha detto. "E abbiamo sempre votato per Chavez".
Per anni i venezuelani hanno sostenuto il presidente Nicolás Maduro che, come il suo predecessore, Hugo Chavez, ha usato la ricchezza petrolifera del paese per finanziare programmi sociali. Ma quando il prezzo del petrolio cominciò a scendere, e l'economia a vacillare, molti venezuelani cominciarono a protestare contro la mano che li nutriva.
Mariza è tra loro. Tutta la sua famiglia ha sostenuto Chavez. "Abbiamo sempre votato per Chavez", ha detto, accusando sia l'ex leader che l'attuale presidente per la cattiva gestione del paese che ha portato a questa crisi.
In passato, "non c'era fame, non c'erano carenze, non c'era separazione", ha detto Mariza, spiegando che quando le cose andavano bene, si lasciava il paese "solo per una vacanza, non per necessità".
Le disperate necessità della sua famiglia l'ha portata qui, a Cúcuta - una città di confine con uno dei più alti tassi di disoccupazione in Colombia - dove lotta quotidianamente per fare abbastanza per mandare cibo, pannolini e generi di prima necessità a sua madre e ai suoi figli.
Se sua madre scoprisse cosa stava facendo, capirebbe? "Mia madre è una super mamma. Mia madre è tutto", ha detto, la sua voce che si spezza di nuovo. "E so che il giorno in cui lo scoprirà, per qualsiasi motivo, le farà male, ma non mi giudicherà. Soto cercando  di sopravvivere".
La crisi economica ha spinto i venezuelani di tutti i ceti sociali a lasciare il loro paese in cerca di cibo, medicine e una vita migliore, e la vicina Colombia ne sente gli effetti.
Più di tre milioni di venezuelani hanno lasciato le loro case, con un milione di persone che emigrano nella vicina Colombia, ha detto l'UNHCR a novembre. L'ex avvocato Malcia è arrivata più di una settimana fa, lasciando i suoi due figli con i suoi genitori di 64 anni. "Non potevo permettermi di dare loro solo la colazione, a volte solo il pranzo, e a volte vanno a letto senza mangiare. Vanno a scuola. Faccio anche l'impossibile", ha detto, trovando difficile parlare della realtà della sua nuova vita.
E' venuta in Colombia con la speranza di trovare un lavoro come addetta alle pulizie, baby-sitter, "qualsiasi cosa". Anche quando le si chiudevano le porte in faccia, non si immaginava mai di "arrivare a questo estremo". Asciugandosi le lacrime: "Quando ero in Venezuela, ero sul punto di impazzire, e anche qui sto impazzendo perché sto facendo cose che non mi appartengono ma devo vivere". È un peso che pesa costantemente su di lei. Mi inginocchio di notte per chiedere a Dio - sono anche stata in chiesa per chiedere perdono a Dio - perché penso ai piccoli volti dei miei figli, ai miei genitori.... Non è facile, amico, non è facile", conclude.
 
Galleria fotografica
"Costrette a vendere il nostro corpo" - immagine 1
"Costrette a vendere il nostro corpo" - immagine 2
"Costrette a vendere il nostro corpo" - immagine 3
"Costrette a vendere il nostro corpo" - immagine 4
"Costrette a vendere il nostro corpo" - immagine 5
Sudamerica
MADUR0 CHIUDE AEROPORTI E CONFINI
MADUR0 CHIUDE AEROPORTI E CONFINI
Il regime muove i primi passi per impedire ai VolontariosxVenezuela di accogliere cibo e medicinali al Venezuela stremato dalla fame. Maduro provoca: i bimbi del suo Paese muoiono di stenti e lui sfama i poveri colombiani
Maduro apre le porte alla Russia
Maduro apre le porte alla Russia
Cibo e medicinali dagli Usa fermi alle frontiere. Un primo cargo russo con gli aiuti atterrerÓ a Caracas. Sale la tensione, Guaid˛: "Le colonne entreranno in Venezuela". Trump ai militari: "Non vi opponete, Maduro via dal potere"
Venezuela: guerra civile pi¨ vicina
Venezuela: guerra civile pi¨ vicina
Il generale-ministro Padrino Lopez si schiera con Maduro e vuole bloccare con l'Esercito gli aiuti umanitari previsti il 23. Ma il presidente ad interim Guaid˛ non si piega: "Si, passeranno". E annuncia un quarto punto di raccolta
Sacche di sangue in vendita
Sacche di sangue in vendita
Nel Venezuela martoriato da fame e politica succede anche questo: in un ospedale pubblico viene chiesto alle famiglie dei ricoverati di pagare le sacche di sangue per le trasfusioni, e quando qualcuno riesce a donarlo, il plasma sparisce
Panama Papers: si stringe il cappio sulle attivitÓ offshore della cerchia di Maduro
Panama Papers: si stringe il cappio sulle attivitÓ offshore della cerchia di Maduro
Sulla scia dello scandalo internazionale, Ŕ diventato pi¨ difficile riciclare il denaro attraverso investimenti immobiliari per i venezuelani che grazie agli appoggi politici hanno messo da parte vere fortune
UN ESERCITO DI VOLONTARI
SFIDA L'ESERCITO DI MADURO
UN ESERCITO DI VOLONTARI<br>SFIDA L
Il presidente ad interim Guaid˛ al raduno dei VoluntariosXVenezuela: avranno il compito di far entrare nel Paese gli aiuti umanitari bloccati dal Regime il 23 febbraio. Maduro mobilita l'Esercito. Scontro finale
Caracas, i killer FAES fanno strage
Caracas, i killer FAES fanno strage
Maduro scatena le "squadre della morte" della FAES nelle strade del Paese per bloccare la protesta contro il regime. Avrebbero ucciso oltre 200 persone in pochi mesi. Raid nei quartieri che sostengono Guaid˛
Droga, ex diplomatica di Caracas nei guai
Droga, ex diplomatica di Caracas nei guai
Piantagione di matijuaba nella casa dell'ex consigliera diplomatica di Maduro nel Brandeburgo. Il suo status non Ŕ ancora stato chiarito dagli investigatori tedeschi. Arrestata la governante
MADURO TREMA
l'Esercito tratta con Guaid˛
MADURO TREMA<br>l
Aumenta la pressione di Europa, Usa e oltre 50 Paesi per nuove elezioni presidenziali. Il Costa Rica caccia i diplomatici di Maduro e si insedia l'ambasciatore nominato da Guaid˛. Italia ancora ambigua
"Non mi dimetto e salver˛ l'economia"
"Non mi dimetto e salver˛ l
Maduro vuole incontrare l'inviato Usa ma insulta Trump. Apre all'opposizione ma attacca Guaid˛. Non vuole aiuti umanitari ma forse aprirÓ i confini. Dittatore confuso. E un Tribunale Usa condanna un ex ministro chavista