Fame e denutrizione, il record di Maduro

| Il Venezuela è al primo posto nella classifica dei paesi più poveri. I suoi abitanti vittime di un deficit calorico preoccupante. El Pais riporta un drammatico studio della Fao. Ai tempi di Chavez andava molto meglio

+ Miei preferiti

Il Venezuela è il paese dell'America Latina che ha registrato il maggiore aumento di fame e malnutrizione nel biennio 2016-2018. Lo afferma il nuovo studio presentato questa settimana dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO) insieme al Programma Alimentare Mondiale e all'Organizzazione Panamericana della Sanità (PAHO) lo stabilisce. Il rapporto nota anche che la fame nel paese caraibico è triplicata tra il triennio 2010-2012 (3,6%) e il 2015-2017 (11,7%). "È importante notare che queste sono le migliori stime che la FAO può produrre utilizzando i dati forniti dal governo del Venezuela", dice il documento sulla mancanza di dati ufficiali affidabili in questo paese. "Pertanto, ciò che vogliamo sottolineare è la tendenza, piuttosto che i valori assoluti contenuti nel rapporto", aggiunge.

Bolivia e Argentina sono gli altri due paesi che accompagnano il Venezuela in questo quadro, che integra un cocktail tossico di denutrizione, malnutrizione e obesità. La Repubblica Bolivariana del Venezuela contribuisce 1,3 del totale di 1,5 milioni di persone con nuovi problemi nel loro apporto calorico giornaliero. Lo studio mostra che, in termini generali, il tasso di malnutrizione è aumentato dal 5 al 6% del totale dei paesi dell'America Latina e dei Caraibi tra il 2015 e il 2018. Haiti, Antigua e Barbuda, Bolivia e Grenada sono le nazioni con i più alti livelli di malnutrizione rispetto alla popolazione totale.

Il nuovo rapporto della FAO sulla sicurezza alimentare in Venezuela riflette uno dei tanti paradossi della crisi sistemica che il paese caraibico deve affrontare. Nel 2012, con Hugo Chávez ancora vivo, la stessa organizzazione aveva concesso un riconoscimento pubblico al governo venezuelano per i suoi progressi nella quantità e qualità dell'assunzione giornaliera di calorie. L'istituzione si era congratulata con il Venezuela "per aver raggiunto presto l'obiettivo di sviluppo del millennio 1: dimezzare la percentuale di persone che soffrono la fame entro il 2015.

 

Durante quell'anno 2012, in cui si sono svolte le elezioni presidenziali in cui Chávez è stato rieletto, il governo bolivariano ha orchestrato con quella certificazione FAO un potente dispiegamento propagandistico per raggiungere i suoi obiettivi. Da allora, l'economia venezuelana, sostenuta dagli alti prezzi del petrolio, ha continuato a crescere, l'inflazione non aveva mai toccato i picchi brutali del momento attuale ed il governo, affrettato dagli imperativi elettorali, ha progettato un ambizioso sistema di distribuzione di cibo a basso costo, espresso soprattutto nei magazzini statali Mercal (Mercati Alimentari) e nelle Case Alimentari. Entrambi i programmi hanno avuto, per un certo tempo, un'indiscutibile penetrazione nelle aree popolari e impoverite del paese.

 

Il periodo che includeva la malattia e la morte di Chávez, e l'arrivo al potere di Nicolás Maduro, fu accompagnato da una grave crisi del cambio di valuta estera nel paese, con effetti drammatici. I programmi sociali espressi nei magazzini del Mercal sono crollati e sono scomparsi tra tangenti e corruzione dilagante. Molti prodotti alimentari importati hanno iniziato a decomporsi alla dogana e nei porti. La decisione di Maduro di radicalizzare il modello politico di Chavista ha prodotto il crollo storico dell'economia venezuelana, che si è espresso in una contrazione del 44% del prodotto interno lordo tra il 2014 e il 2018.

 

Alcune organizzazioni specializzate, come la Fondazione Bengoa e il Centro di Studi per lo Sviluppo dell'Università Centrale del Venezuela, avevano a lungo messo in discussione il pronunciamento della FAO, mettendo in guardia dal violento deterioramento delle condizioni sociali della popolazione e dalla crescita della fame in Venezuela, uno degli aspetti in cui il Chavismo ha tradizionalmente ritenuto di avere risultati concreti da mostrare. Né i leader del partito socialista unito al potere del Venezuela, né il gabinetto di Maduro si sono pronunciati sul nuovo rapporto della FAO.

 

Anche se non ha mai cessato di essere un problema che genera preoccupazione e polemiche, la malnutrizione e la fame non avevano, in termini storici, occupato un posto particolarmente importante nel radar delle preoccupazioni immediate del venezuelano medio nei sondaggi d'opinione. Nei giorni migliori di Chávez, questo punto era addirittura scomparso dalla lista delle preoccupazioni immediate della cittadinanza, tradizionalmente afflitta da altre questioni come la sicurezza dei cittadini, i servizi pubblici e la disoccupazione.

 

Oggi, l'assunzione di cibo, la scarsità e l'aumento dei prezzi sono in cima alle risposte di tutte le persone nei sondaggi d'opinione condotti da società specializzate.

 
Sudamerica
Il Sudamerica per i “desaparecidos”
Il Sudamerica per i “desaparecidos”
Si celebra il “Dia de la memoria por la verdad y la justicia”, a ricordo delle 30mila vittime accertate delle repressioni messe in atto dai governi militari
Muore dopo ore di sesso e droga
Muore dopo ore di sesso e droga
Una ragazza colombiana, piuttosto conosciuta per le sue abitudini, stroncata da cinque ore intense di “attività fisica” mescolata a sostanze proibite. La polizia indaga
Arrestato Roberto Marrero, braccio destro di Guaidó
Arrestato Roberto Marrero, braccio destro di Guaidó
Un blitz in piena notte in casa di due uomini vicini a Juan Guaidó: Roberto Marrero arrestato, Sergio Vergara minacciato. Mentre si attende la reazione degli USA, l’ONU denuncia un massiccio uso della forza di Maduro contro gli oppositori
Uccisero Mariele, fu un delitto politico
Uccisero Mariele, fu un delitto politico
L'attivista brasiliana del Psol fu uccisa, secondi i giudici, da due mercenari per il suo impegno politico. Morì nell'agguato anche il suo autista. Il Psol chiede altre indagini. Assassinata da proiettili in dotazione alle forze dell'ordine
Italiano ucciso in Brasile
Italiano ucciso in Brasile
Carmelo Mario Calabrese, 69 anni, è stato ucciso a colpi di machete in una località nel nord del paese. La polizia segue la pista della rapina finita in tragedia
Strage di bambini in una scuola brasiliana
Strage di bambini in una scuola brasiliana
Due giovani, identificati pochi minuti fa, hanno fatto irruzione all’ora di inizio delle lezioni uccidendo 8 persone. Si sono tolti la vita prima dell’arrivo della polizia. Infuria la polemica sul decreto libera armi di Bolsonaro
Disperazione Venezuela
mancano luce, acqua, gas e benzina
Disperazione Venezuela<br>mancano luce, acqua, gas e benzina
La gente di Caracas costretta a bere e lavarsi con l'acqua inquinata del fiume Guaire. Centinaia di bambini portatori. Ma per Maduro, per cui i grillini invocano la "neutralità", la colpa è dei "gringos"
Blackout devasta il Venezuela
Blackout devasta il Venezuela
Le riserve di cibo nei frigoriferi buttate via, gente disperata ed esasperati. Pazienti morti negli ospedali rimasti senza energia. Trasporti paralizzati, paura e rabbia. Mauro: "Colpa degli Usa". Guardò: "Tutti in piazza contro il regime"
Maduro vende l'oro del popolo venezuelano
Maduro vende l
I rappresentanti di Guaidò in Usa tentano di bloccare l'operazione ma Citibank non ha ancora chiarito se lo farà. A Caracas italiani preoccupati, opposizione in stallo. Maduro celebra Chavez e minaccia Guaidò
Assassinata e sepolta in giardino
Assassinata e sepolta in giardino
Una 32enne che viveva nella città messicana di Tijuana scomparsa da un ventina di giorni, è stata ritrovata sepolta nel giardino della sua casa, dal padre: i sospetti della polizia locale sul figlio del compagno della donna