Giallo a Caracas, ucciso un ingegnere

| Specialista di comunicazioni digitali, il cadavere trovato alla periferia di Caracas. non è stato rapinato. Sospetti su Servizi e squadre paramilitari. Intercettazioni nel mirino?

+ Miei preferiti

Un delitto misterioso, che sembra portare all'area delle dei servizi segreti o delle squadre paramilitari che infestano il Venezuela. Un ingegnere specialista in telecomunicazioni è stato assassinato, a colpi di pistola e pugnalate, in Avenida Rio de Janeiro (nella foto), a est di Caracas. La vittima è stata identificata come Osmingh José Dasilva Riveiro, 36 anni, e ha lavorato nel dipartimento di rete di Digitel.  La famiglia non sa ancora esattamente come si sono verificati gli eventi. Hanno saputo della morte del congiunto da un twitter, a proposito di un cadavere trovato dalla polizia nel quartiere Brisas di El Llanito, ha detto il portale Caraota Digital.  Non è noto come ha finito in quel luogo, poiché sembra che l'ingegnere non ha frequentato quella zona, dicono i suoi parenti. Al momento della scoperta la vittima aveva ancora portafoglio, orologio e smartphone, per cui è escluso che sia stato ucciso per rapina. La famiglia chiede alle autorità di indagare sul caso affinché la morte dell'ingegnere non rimanga impunita. La vittima lascia due bambini e viveva nel quartiere di Macaracuay. Dasilva Riveiro si stava occupando delle reti di comunicazione digitali e non è escluso che si stesse occupando di intercettazioni, spiega un insider esperto del settore: "Forse ha saputo qualcosa che non doveva sapere su qualche operazione finanziaria o altro e l'hanno ucciso, non sarebbe la prima volta".

 

Sudamerica
VENEZUELA SPAVENTOSA REPRESSIONE
VENEZUELA SPAVENTOSA REPRESSIONE
Maduro sguinzaglia gli aguzzini della polizia segreta nelle case dei parlamentari dell'opposizione per intimidirli. E minaccia una riforma liberticida dei media. In un anno chiuse 51 testate. In pericolo anche il prestigioso El Nacional
Venezuela, Sebin rapisce sindacalista
Venezuela, Sebin rapisce sindacalista
Non si ferma l'ondata repressiva di Maduro. La polizia segreta ha trattenuto per una notte, senza mandato, Luis Chaparro. Nei giorni scorsi intimidazione contro una parlamentare. Intanto l'economia va a rotoli
In bici dal Venezuela all'Argentina
In bici dal Venezuela all
Il viaggio di 6.600 km di un musicista migrante in fuga da Maduro e dalla miseria verso il sogno argentino. Gelo sull'altipiano, grandine e il sole cocente del deserto. "Aiutato dagli Indios"
Bolivar, la valle insanguinata
Bolivar, la valle insanguinata
Decine di morti, gli ultimi poche ore fa, nel ricco territorio venezuelano ai confini con il Brasile. Scontri e sparatorie tra i guerriglieri dell'Eln, Esercito e bande armate. Si contendono le miniere d'oro e di minerali preziosi
I migranti sans-papier affogano nel Tequira
I migranti sans-papier affogano nel Tequira
C'è un fiume tra Venezuela e Colombia che i profughi senza documenti attraversano per evitare i controlli. Già una decina di dispersi ma il fenomeno continua
Repressione e inflazione
così muore il Venezuela
Repressione e inflazione<br>così muore il Venezuela
La polizia segreta di Maduro perquisisce la casa, senza mandato, di una parlamentare di opposizione, l'inflazione annua sale a 4 milioni e 300mila per cento
"Morto suicida, basta con i sospetti"
"Morto suicida, basta con i sospetti"
Il procuratore di Maduro va in tv e conferma: "Alban s'è lanciato per paura dell'accusa, abbiamo le prove del suo ruolo nell'attentato". Respinta la richiesta di un'indagine indipendente
Muore per un selfie precipitando da un grattacielo
Muore per un selfie precipitando da un grattacielo
Una giovane donna portoghese si sarebbe seduta sulla ringhiera per scattare un autoritratto: è precipitata per 80 metri, morendo sul colpo
Ore contate per Cesare Battisti
Ore contate per Cesare Battisti
In caso di vittoria alle presidenziali, Jair Bolsonaro ha promesso che avvierà immediatamente le pratiche per l’estradizione in Italia del terrorista vacanziero, condannato a quattro ergastoli e latitante da quasi quarant’anni
"Oppositore torturato e strangolato"
"Oppositore torturato e strangolato"
Fonti interne alla polizia di Maduro raccontano la tragica fine dell'esponente di Primera Justicia "suicida" dal decimo piano della prigione della Sebin. E intanto il regime libera dal carcere il vincitore del premio Sakharov 2017