Gli ultimi selfie del calciatore massacrato

| Daniel Correa Freitas avrebbe inviato gli scatti ad un amico, per dimostrare che era a letto con la moglie del padrone di casa. Il marito della donna ha confessato l’omicidio

+ Miei preferiti
Ormai è certo: Daniel Correa Freitas, giocatore del Botafogo e del Sao Paolo, è stato ucciso per motivi passionali. L’omicida, l’imprenditore Edison Brittes Junior, ha confessato l’omicidio, tentando di dare una versione dei fatti che appare sempre più poco veritiera: secondo lui sarebbe intervenuto per salvare la moglie Cristiana da un tentativo di stupro da parte del calciatore. Una versione che però viene smentita seccamente da alcune foto diffuse in rete, in cui si vede Freitas a letto con la donna in atteggiamenti tutt’altro che minacciosi. Le immagini, dei selfie scattati dallo stesso giocatore nel giorno della festa del 18esimo compleanno di Allana Brittes, sarebbero state inviate ad un amico, confermando così la relazione segreta con la donna, amica di famiglia.

In un breve scambio di messaggi, Freitas confessava al suo amico di trovarsi a letto con la donna mentre il marito era nei paraggi: l’amico avrebbe replicato di fare attenzione, perché stava rischiando grosso.

Sono gli ultimi messaggi di Daniel Correa Freitas: secondo quanto accertato dall’autopsia, la giovane promessa del calcio brasiliano sarebbe stato torturato e seviziato a lungo, con la recisione totale dei genitali e un tentativo mal riuscito di decapitazione.

Sudamerica
Venezuela, la società si mobilita contro Maduro
Venezuela, la società si mobilita contro Maduro
Il Venezuela ormai allo stremo per una devastante crisi economica senza fine si mobilita il 23 novembre contro il regime chavista. Studenti, professori, imprenditori, una parte della Chiesa si ritrovano a Caracas
Ritrovato il relitto del San Juan
Ritrovato il relitto del San Juan
Il sottomarino militare argentino scomparso un anno fa in circostanze mai chiarite, è stato individuato a 800 metri di profondità: è la tomba dei 44 uomini dell’equipaggio
Fame e denutrizione, il record di Maduro
Fame e denutrizione, il record di Maduro
Il Venezuela è al primo posto nella classifica dei paesi più poveri. I suoi abitanti vittime di un deficit calorico preoccupante. El Pais riporta un drammatico studio della Fao. Ai tempi di Chavez andava molto meglio
Prima stordito poi accoltellato
Prima stordito poi accoltellato
L'avvocato torinese sarebbe stato prima colpito in testa con una bastone e poi finito a coltellate. Il corpo era ancora nell'appartamento. Aveva inviato falsi messaggi alla famiglia a nome del morto: "Sono nei narcos". C'è un complice
Resa dei conti nelle pompe funebri
Resa dei conti nelle pompe funebri
Sette morti in Messico in uno scontro tra clan rivali. La sparatoria finale in un'agenzia di pompe funebri dove sono morte quattro persone
"La vera sanzione è il presidente Maduro"
"La vera sanzione è il presidente Maduro"
Opposizione all'attacco contro il regime marxista di Caracas. "Ok le misure Usa,indeboliscono la cerchia di Maduro, dobbiamo riconquistare la nostra democrazia". Altro "miracolo": sparita l'industria automobilistica
Da suora a pornostar
Da suora a pornostar
L’insolita parabola esistenziale di una giovane colombiana, convinta per lunga tempo di voler diventare una suora e diventata un’apprezzata star del porno sul web
Giocatore mutilato e ucciso
Giocatore mutilato e ucciso
Daniel Correa Freitas, 24 anni, promessa del calcio brasiliano. Aveva gli organi genitali recisi e la testa decapitata. Il corpo in un parco di Curitiba. Giocava in serie B nel Beto. Ondata di commozione tra gli sportivi
Tangenti Odebrecht, Maduro condannato
Tangenti Odebrecht, Maduro condannato
Secondo i giudici venezuelani in esilio in Colombia, dovrebbe scontare 18 anni di carcere in seguito al più grande scandalo del Sudamerica. La società brasiliana Odebrecht ha pagato anche Caracas
Torture e morte nelle carceri speciali di Maduro
Torture e morte nelle carceri speciali di Maduro
Lo rivela a El Mundo il dissidente venezuelano Larent Saleh dopo anni trascorsi ne "La Tumba" e nelle celle dell'Helicoide, sede della famigerata Sebin. La comunità italiana chiede aiuto ai media occidentali: "Non ci abbandonate"