Guaid˛ all'Italia: perchÚ sostenete Maduro?

| Dura lettera aperta del presidente ad interim del Venezuela, riconosciuto da 50 Paesi ma non dal governo giallo-verde. colpa dei grillini "neutrali" che cosý appoggiano Maduro. Ma la Lega Ŕ schierata con Guaid˛

+ Miei preferiti

Da una parte “l’esperto” di Sudamerica, Alessandro Di Battista che ha scelto di abbandonare il popolo venezuelano e la comunità italiana nelle mani di Maduro con il pretesto della “neutralità coraggiosa” (o infame?), dall’altra Salvini e la Lega  schierati invece con il presidente ad interim Juan Guaidò, riconosciuto nel frattempo da oltre 50 nazioni. Con Di Battista, il “Che Guevara de noantri”, anche il vicepremier Di Maio che, appena reduce da un incontro con i Gilet Jaune francesi che ogni sabato devastano Parigi e le città francesi in vista di un accordo elettorale per le Europee, aveva pensato bene di fare il “neutrale” pure lui, senza dimenticare il viceministro agli Esteri, il sempre grillino Manlio Di Stefano. Mai la politica estera è stata così debole, minata da un dilettantismo e da un’incompetenza  mai vista prima. Ogni passo è determinato dai riflessi politici, dall’andamento dei sondaggi. In questa fase gli adepti di Grillo, ora storditi dalla mazzata abruzzese (perso il 20 per cento dei voti in sette mesi di governo), devono tentare di recuperare l’elettorato di sinistra che li aveva scelti il 4 marzo per affossare un pd troppo “governativo” ma ora assai scontento per le politiche immigratorie del governo. I poveri venezuelani e gli italiani emigrati sono finiti in mezzo ai bizantinismi della politica romana, vittime innocenti dello scontro continuo in atto tra le due componenti del governo. 

E Guaidò ha scritto una lettera aperta gli italiani: “Con profondo sconcerto non comprendiamo le ragioni della posizione politica italiana. Non capiamo perché il Paese europeo a noi più vicino non prenda una posizione chiara e netta contro il dittatore Maduro e non chieda, con forza, libere elezioni sotto l'egida della comunità internazionale e lo sblocco degli aiuti umanitari. Sono sicuro che il popolo italiano è dalla nostra parte, dalla parte della democrazia, della libertà e della giustizia”. Guaidò ha parlato al telefono con Salvini e gli ha confermato la sua posizione anti-Maduro. Oggi si vota in Parlamento, dopo che il ministro Enzo Moavero Milanesi, sempre più seccato per le posizioni ballerine della maggioranza, divisa tra la Lega che vuole l'uscita di scena del presidente chavista e i 5S che non vogliono schierarsi con nessuno ma che, in realtà, offrono un appoggio diretto proprio a Maduro. Salvini è stato chiaro con la sua “dura presa di posizione contro Maduro e il sostegno al percorso costituzionale che il presidente del Parlamento per convocare nuove elezioni, con la necessità di salvaguardare l'incolumità di Guaidò e della sua famiglia". La delegazione venezuelana è stata poi accolta da Moavero, "anche a nome del premier Giuseppe Conte", ha fatto sapere una Farnesina sempre più imbarazzata, con un premier continuamente in ostaggio dei suoi suoi azionisti divisi ormai quasi su tutto. Il governo, o almeno una parte, non è affatto contro Guaidò, Lo ha detto in modo molto esplicito il sottosegretario Ricardo Merlo: "Non riconoscendo la legittimità di Maduro, indirettamente riconosciamo l'Assemblea nazionale come organo che deve portare il Venezuela al più presto a nuove elezioni libere presidenziali ma crediamo che non sia il momento di fare nomi di presidenti”. Un colpo al cerchio e uno alla botte. Ma ora il peso di Salvini sul governo, dopo il trionfo in Abruzzo, è più rilevante che in passato. E i filo chavisti dovrebbero finire - si spera - in minoranza.

Sudamerica
MADUR0 CHIUDE AEROPORTI E CONFINI
MADUR0 CHIUDE AEROPORTI E CONFINI
Il regime muove i primi passi per impedire ai VolontariosxVenezuela di accogliere cibo e medicinali al Venezuela stremato dalla fame. Maduro provoca: i bimbi del suo Paese muoiono di stenti e lui sfama i poveri colombiani
Maduro apre le porte alla Russia
Maduro apre le porte alla Russia
Cibo e medicinali dagli Usa fermi alle frontiere. Un primo cargo russo con gli aiuti atterrerÓ a Caracas. Sale la tensione, Guaid˛: "Le colonne entreranno in Venezuela". Trump ai militari: "Non vi opponete, Maduro via dal potere"
Venezuela: guerra civile pi¨ vicina
Venezuela: guerra civile pi¨ vicina
Il generale-ministro Padrino Lopez si schiera con Maduro e vuole bloccare con l'Esercito gli aiuti umanitari previsti il 23. Ma il presidente ad interim Guaid˛ non si piega: "Si, passeranno". E annuncia un quarto punto di raccolta
Sacche di sangue in vendita
Sacche di sangue in vendita
Nel Venezuela martoriato da fame e politica succede anche questo: in un ospedale pubblico viene chiesto alle famiglie dei ricoverati di pagare le sacche di sangue per le trasfusioni, e quando qualcuno riesce a donarlo, il plasma sparisce
Panama Papers: si stringe il cappio sulle attivitÓ offshore della cerchia di Maduro
Panama Papers: si stringe il cappio sulle attivitÓ offshore della cerchia di Maduro
Sulla scia dello scandalo internazionale, Ŕ diventato pi¨ difficile riciclare il denaro attraverso investimenti immobiliari per i venezuelani che grazie agli appoggi politici hanno messo da parte vere fortune
UN ESERCITO DI VOLONTARI
SFIDA L'ESERCITO DI MADURO
UN ESERCITO DI VOLONTARI<br>SFIDA L
Il presidente ad interim Guaid˛ al raduno dei VoluntariosXVenezuela: avranno il compito di far entrare nel Paese gli aiuti umanitari bloccati dal Regime il 23 febbraio. Maduro mobilita l'Esercito. Scontro finale
Caracas, i killer FAES fanno strage
Caracas, i killer FAES fanno strage
Maduro scatena le "squadre della morte" della FAES nelle strade del Paese per bloccare la protesta contro il regime. Avrebbero ucciso oltre 200 persone in pochi mesi. Raid nei quartieri che sostengono Guaid˛
Droga, ex diplomatica di Caracas nei guai
Droga, ex diplomatica di Caracas nei guai
Piantagione di matijuaba nella casa dell'ex consigliera diplomatica di Maduro nel Brandeburgo. Il suo status non Ŕ ancora stato chiarito dagli investigatori tedeschi. Arrestata la governante
MADURO TREMA
l'Esercito tratta con Guaid˛
MADURO TREMA<br>l
Aumenta la pressione di Europa, Usa e oltre 50 Paesi per nuove elezioni presidenziali. Il Costa Rica caccia i diplomatici di Maduro e si insedia l'ambasciatore nominato da Guaid˛. Italia ancora ambigua
"Non mi dimetto e salver˛ l'economia"
"Non mi dimetto e salver˛ l
Maduro vuole incontrare l'inviato Usa ma insulta Trump. Apre all'opposizione ma attacca Guaid˛. Non vuole aiuti umanitari ma forse aprirÓ i confini. Dittatore confuso. E un Tribunale Usa condanna un ex ministro chavista