MADURO HA VINTO, MORTI
LA POLIZIA INCENDIA I CAMION

| Macabro raduno a Caracas per celebrare la "vittoria": sostenitori in camicia rossa sopra la mimetica. Le colonne bloccate con la violenza, sgherri in borghese sparano sulla folla inerme. Guaidò: "Ora ogni opzione è valida"

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

(ha collaborato C.B.)

Maduro ha vinto. Le colonne di aiuti umanitari che erano riuscite a passare i confini con Colombia e Brasile sono state in parte incendiate dalla GNB, la polizia di Maduro. Cibo e medicinali per il popolo allo stremo sono finiti in cenere, sotto lo sguardo divertito dei “Collectivos”, le squadre  di sostenitori di Maduro che sparano con armi da fuoco sulla folla. Di fronte alla solita camicia rossa, che copre la mimetica dei militari compromessi per il mancato rispetto dei diritti umani, di cui dovranno rispondere una volta caduto il regime, il presidente del governo chavista rivendica con orgoglio il successo, con una decina di morti sulla coscienza (uccisi al confine con il Brasile) e decine di feriti, alcuni anche molto gravi.

Con un ghigno soddisfatto e pieno d’odio, Maduro celebra la violenza contro il suo popolo. In questo si inserisce anche la morte per avvelenamento del portavoce di un parlamentare, a sua volta in gravi condizioni dopo avere pranzato in un ristorante di Cùcuta, la città colombiana al confine, piena zeppa di provocatori e spie del regime. Il deputato dell'Assemblea Nazionale Freddy Superlano e il suo assistente, Carlos José Salinas, sono stati colti da malore. Il primo è morto, Superlano è grave ma stabile in un centro sanitario della città. 

Una giornata che l’erede di Chavez può incorniciare come simbolo di una crudeltà inutile e disperata. Domani Guaidò rappresenterà il Venezuela nel Gruppo di Lima, mentre oggi è il giorno nel segno del lutto per i morti e per il sostanziale fallimento dell’iniziativa umanitaria, stroncata nel sangue e nella violenza di polizia e FANB. A questi punto non esclude nessuna ipotesi per abbattere il dittatore con le mani di nuovo sporche di sangue innocente, ha dato l’ordine di sparare ai suoi sgherri in borghese, con il volto coperto, armati di pistole e fucili. E’ lui che ha dato ordine di incendiare i camion, lanciare i lacrimogeni contro la folla inerme, caricare donne e bambini. Tra i morti de La Gran Sabana c'è anche un 14enne.

Oltre 60 militari, e il numero aumenta con il trascorrere delle ore, hanno abbandonato Maduro e il suo corrotto stato maggiore al loro infausto e prossimo destino. America ed Europa (con l’eccezione dell’Italia costretta dai  grillini e dal premier in ostaggio Conte a una vergognosa neutralità che indigna tutta la comunità italiana) non escludono di appoggiare un intervento anche di natura militare, una forza di peacekeeping. La vittoria di Maduro di oggi gli si ritorcerà contro: ha avuto la possibilità di far entrare pacificamente gli aiuti

(”Il cibo avariato degli yankee”, ha detto ieri con disprezzo), ha reagito con la violenza e uccisioni. Non può più tornare indietro.

Juan Guaidó, presidente ad interim del Venezuela, ha assicurato che, a causa di quanto accaduto questo sabato, proporrà alla comunità internazionale di lasciare aperte le opzioni per ottenere la restituzione della democrazia. "Gli eventi di oggi mi costringono a prendere una decisione: proporre formalmente alla comunità internazionale di avere tutte le opzioni aperte per raggiungere la liberazione di questo paese che combatte e continuerà a combattere", ha detto su Twitter. Il presidente in carica ha ribadito che si riunirà lunedì a Bogotà con gli alleati della comunità internazionale per definire le prossime azioni da seguire per il ripristino della democrazia. "Per avanzare nel nostro percorso, lunedì mi incontrerò con i nostri alleati della comunità internazionale e continueremo a coordinare le prossime azioni all'interno del paese. Le pressioni interne ed esterne sono fondamentali per la liberazione".

Sudamerica
Il Sudamerica per i “desaparecidos”
Il Sudamerica per i “desaparecidos”
Si celebra il “Dia de la memoria por la verdad y la justicia”, a ricordo delle 30mila vittime accertate delle repressioni messe in atto dai governi militari
Muore dopo ore di sesso e droga
Muore dopo ore di sesso e droga
Una ragazza colombiana, piuttosto conosciuta per le sue abitudini, stroncata da cinque ore intense di “attività fisica” mescolata a sostanze proibite. La polizia indaga
Arrestato Roberto Marrero, braccio destro di Guaidó
Arrestato Roberto Marrero, braccio destro di Guaidó
Un blitz in piena notte in casa di due uomini vicini a Juan Guaidó: Roberto Marrero arrestato, Sergio Vergara minacciato. Mentre si attende la reazione degli USA, l’ONU denuncia un massiccio uso della forza di Maduro contro gli oppositori
Uccisero Mariele, fu un delitto politico
Uccisero Mariele, fu un delitto politico
L'attivista brasiliana del Psol fu uccisa, secondi i giudici, da due mercenari per il suo impegno politico. Morì nell'agguato anche il suo autista. Il Psol chiede altre indagini. Assassinata da proiettili in dotazione alle forze dell'ordine
Italiano ucciso in Brasile
Italiano ucciso in Brasile
Carmelo Mario Calabrese, 69 anni, è stato ucciso a colpi di machete in una località nel nord del paese. La polizia segue la pista della rapina finita in tragedia
Strage di bambini in una scuola brasiliana
Strage di bambini in una scuola brasiliana
Due giovani, identificati pochi minuti fa, hanno fatto irruzione all’ora di inizio delle lezioni uccidendo 8 persone. Si sono tolti la vita prima dell’arrivo della polizia. Infuria la polemica sul decreto libera armi di Bolsonaro
Disperazione Venezuela
mancano luce, acqua, gas e benzina
Disperazione Venezuela<br>mancano luce, acqua, gas e benzina
La gente di Caracas costretta a bere e lavarsi con l'acqua inquinata del fiume Guaire. Centinaia di bambini portatori. Ma per Maduro, per cui i grillini invocano la "neutralità", la colpa è dei "gringos"
Blackout devasta il Venezuela
Blackout devasta il Venezuela
Le riserve di cibo nei frigoriferi buttate via, gente disperata ed esasperati. Pazienti morti negli ospedali rimasti senza energia. Trasporti paralizzati, paura e rabbia. Mauro: "Colpa degli Usa". Guardò: "Tutti in piazza contro il regime"
Maduro vende l'oro del popolo venezuelano
Maduro vende l
I rappresentanti di Guaidò in Usa tentano di bloccare l'operazione ma Citibank non ha ancora chiarito se lo farà. A Caracas italiani preoccupati, opposizione in stallo. Maduro celebra Chavez e minaccia Guaidò
Assassinata e sepolta in giardino
Assassinata e sepolta in giardino
Una 32enne che viveva nella città messicana di Tijuana scomparsa da un ventina di giorni, è stata ritrovata sepolta nel giardino della sua casa, dal padre: i sospetti della polizia locale sul figlio del compagno della donna