Maduro sequestra deputato dell'opposizione

| La polizia segreta aveva arrestato il deputato Juan Requesens la notte del 4 agosto, dopo l'attentato fallito con i droni. La famiglia accusa: "Violati i diritti umani, accuse inesistenti". I legali: "E' stato rapito"

+ Miei preferiti

La famiglia di Juan Requesens (nella foto dopo un pestaggio avvenuto prima dell'arresto), deputato dell'Assemblea Nazionale (AN), arrestato due mesi fa per il suo presunto coinvolgimento nel attentato con i droni contro il Presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, venerdì ha contestato le prove presentate dal governo venezuelano alla Commissione Interamericana per i Diritti Umani (IACHR). Il padre del 28enne parlamentare di opposizione, Juan Guillermo Requesens, ha detto ai giornalisti che “è vittima sistematica di violazioni dei suoi diritti umani", perché viene privato persino di “cure mediche”. Il governo chavista ha mostrato una foto in cui compare con alcuni medici, come se fosse malato o reduce da un malore: “Tutto questo è un motivo di preoccupazione per me, come padre e medico e per tutta la mia famiglia", ha confidato al media "Efe".

Il segretario esecutivo del Consiglio Nazionale dei Diritti Umani del Venezuela, Larry Devoe, ha assicurato ieri davanti alla IACHR che "il governo di Maduro garantisce i diritti di coloro che sono privati della libertà". Nella sua presentazione, ha diffuso immagini di Requesens che lo mostrano in piedi, dopo "una visita di famiglia" e  mentre "riceve cure mediche"," ha detto Devoe. Secondo il padre di Requesens, è un'altra violazione dei suoi diritti, poiché "l'atto medico è confidenziale, così come la visita dei suoi parenti dovrebbe essere privata".     

Juan Requesens è stato arrestato il 7 agosto da funzionari Sebin insieme a sua sorella Rafaela, rilasciata due ore dopo. Tre giorni dopo l'arresto del deputato, il governo ha diffuso un video in cui Requesens è seduto davanti a una telecamera, lasciando supporre che facesse parte dell'organizzazione del presunto attacco, ma anxche che avrebbe agito senza sapere cosa in realtà sarebbe poi accaduto. Quindi il tentativo di ridicolizzarlo, mostrandolo in un altro video seminudo e in cattive condizioni. Secondo la famiglia e gli avvocati, Requesens è stato vittima di un rapimento. 

 

Sudamerica
Fotografa la vittima di un omicidio e invia le foto agli amici
Fotografa la vittima di un omicidio e invia le foto agli amici
La parte peggiore di questa storia è che a realizzare la gallery orripilante è stato un sergente di polizia, che poi ha le condivise con gli amici su un gruppo di Whatsapp
Economia, il miracolo fallito di Maduro
Economia, il miracolo fallito di Maduro
L’aveva promesso, ma nel paese continua la grave mancanza di cibo che affama la popolazione e un’emergenza sanitaria denunciata dai pochi ospedali che ancora resistono
Messico: uccisa perché amava il calcio
Messico: uccisa perché amava il calcio
Marbella Ibarra era una donna, e questo forse è bastato a condannarla a morte: in un paese fortemente machista, la sua storia che mescolava sport e riscatto dava fastidio
Defunti sepolti senza bara
Defunti sepolti senza bara
La crisi economica del Venezuela è così grave che la gente non ha più i soldi nemmeno per pagare le spese funerarie dei congiunti deceduti
Venezuela: spaventosa repressione
Venezuela: spaventosa repressione
Maduro sguinzaglia gli aguzzini della polizia segreta nelle case dei parlamentari dell'opposizione per intimidirli. E minaccia una riforma liberticida dei media. In un anno chiuse 51 testate. In pericolo anche il prestigioso El Nacional
La marcia dei disperati che preoccupa l'America
La marcia dei disperati che preoccupa l
Sembrano inarrestabili: hanno camminato per centinaia di km diretti negli Usa, protetti da una copertura mediatica che sta mettendo in imbarazzo i governi sudamericani. Trump annuncia di voler chiudere i confini
Venezuela, Sebin rapisce sindacalista
Venezuela, Sebin rapisce sindacalista
Non si ferma l'ondata repressiva di Maduro. La polizia segreta ha trattenuto per una notte, senza mandato, Luis Chaparro. Nei giorni scorsi intimidazione contro una parlamentare. Intanto l'economia va a rotoli
In bici dal Venezuela all'Argentina
In bici dal Venezuela all
Il viaggio di 6.600 km di un musicista migrante in fuga da Maduro e dalla miseria verso il sogno argentino. Gelo sull'altipiano, grandine e il sole cocente del deserto. "Aiutato dagli Indios"
Bolivar, la valle insanguinata
Bolivar, la valle insanguinata
Decine di morti, gli ultimi poche ore fa, nel ricco territorio venezuelano ai confini con il Brasile. Scontri e sparatorie tra i guerriglieri dell'Eln, Esercito e bande armate. Si contendono le miniere d'oro e di minerali preziosi
I migranti sans-papier affogano nel Tequira
I migranti sans-papier affogano nel Tequira
C'è un fiume tra Venezuela e Colombia che i profughi senza documenti attraversano per evitare i controlli. Già una decina di dispersi ma il fenomeno continua