Maria impalata e uccisa, assassini assolti

| Aveva 16 anni, fu anche drogata. Proteste in Argentina per l'assoluzione dei tre giovani sadici. Per i giudici lei era "consenziente". Il pubblico ministero ha però diffuso gli spaventosi esiti dell'autopsia, ora è indagata

+ Miei preferiti

Lucia Perez, 16enne argentina è morta lo scorso 8 ottobre 2016: drogata, stuprata e impalata con un attrezzo sessuale, che le ha provocato spaventose lesioni iterne. La ragazza, dopo le sevizie, fu portata dai suoi aguzzini davanti all'ospedale di Mar del Plata, Buenos Aires, ormai in gravissime condizioni. 

Morì poco dopo, l’autopsia hava rivelato i terribili abusi subiti. La polizia aveva pensato a un’overdose, gli stupratori avevano lavato il sangue e rivestito la vittima come se fosse stata colta da malore. Vengono in un primo tempo arrestati il 23enne Matías Farías e il 41enne Juan Pablo Offidani mentre un terzo, Alejandro Alberto Masiel, è accusato di favoreggiamento. Avrebbe aiutato i due assassini a trasportare il corpo dell’agonizzante Maria in ospedale.

Ma il vero scandalo, che ha scosso le coscienze in Argentina e in tutto il Sudamerica, è che i tre torturatori sono stati incredibilmente assolti perche, secondo i giudici, “la vittima è stata consenziente ed era solita drogarsi”. Ma le associazioni di tutela della donna, partiti politici e movimenti d’opinione ritengono la sentenza una vergogna. Ci sono state manifestazioni e cortei di protesta in tutto il Paese contro la definizione usata dai giudici a proposito della pratiche “sado-maso”.

 “Il sesso non c’entra con questa orribile storia - spiegano le donne che si battono in nome della memoria di Maria - qui si tratta di un omicidio, condotto in modo efferato e crudele. Lasciare liberi gli assassini è un delitto contro l’umanità intera”. Il magistrato argentino Maria Isabel Sanchez, che aveva rappresentato l’accusa contro i tre aguzzini, ora è addirittura accusata di aver violato la legge per avere diffuso i risultati dell'esame autoptico e messa sotto inchiesta. Alla fine la colpevole è lei, che aveva tentato di avere giustizia per Maria, uccisa a 16 anni da tre sadici senza cuore e senz’anima.

Galleria fotografica
Maria impalata e uccisa, assassini assolti - immagine 1
Maria impalata e uccisa, assassini assolti - immagine 2
Maria impalata e uccisa, assassini assolti - immagine 3
Maria impalata e uccisa, assassini assolti - immagine 4
Maria impalata e uccisa, assassini assolti - immagine 5
Maria impalata e uccisa, assassini assolti - immagine 6
Maria impalata e uccisa, assassini assolti - immagine 7
Sudamerica
Maduro ora attacca anche l'Esercito
Maduro ora attacca anche l
Arrestati 27 militari, compresi alcuni ufficiali, che si erano asserragliati in una caserma di Caracas. Sintomi di rivolta nella fascia intermedia delle forze armate. I capi sono stati corrotti, liberi di fare affari con i Narcos
Venezuelano uccide ecuadoriana, scontri al confine
Venezuelano uccide ecuadoriana, scontri al confine
Un delitto innesca tensioni tra gli ecuadoriani e gli immigrati del Venezuela che hanno varcato il confine. Il presidente Lenin Moreno: "Più controlli, flusso incontrollabile". La vittima aveva 22 anni ed era incinta. Il video
Bogotà, autobomba fa strage
Bogotà, autobomba fa strage
Otto morti e decine di feriti nell'attentato firmato dall'eli, gli eredi delle Farc, alla scuola di polizia Santander. Il governo: "Non ci faremo intimidire dalla violenza". Gli eredi delle Farc alleati con i narcos
Black out in ospedale, morti due pazienti
Black out in ospedale, morti due pazienti
Orrore e rabbia in Venezuela per i continui black out, in un Paese dall'economia devastata. Lo stop della luce elettrica nel pronto soccorso di un ospedale provoca due vittime. Frenetica evacuazione dei pazienti a rischio
La spia che ha tradito El Chapo
La spia che ha tradito El Chapo
In Tribunale a Brooklyn il tecnico colombiano che creò un'imponente rete di protezione e intercettazione per conto dei Narcos. Ma alla fine consegnò password e chiavi all'Fbi per violare telefoni e pc del cartello di Sinaloa
Il giuramento di Maduro blindato dall'Esercito
Il giuramento di Maduro blindato dall
Il presidente si incorona per altri sei anni ma mobilita l'Esercito per proteggere la cerimonia. Intanto l'economia del Paese è un disastro, milioni di venezuelani sono alla fame. I chavisti ora hanno paura
La campionessa e il rapinatore
La campionessa e il rapinatore
Un balordo di Rio de Janeiro ha scelto la vittima sbagliata: una campionessa di arti marziali miste che lo ha strapazzato per bene
Messico, ecco il Signore degli Scuoiati
Messico, ecco il Signore degli Scuoiati
Scoperto un tempio dove si celebrava il culto dello scuoiamento. I sacerdoti uccidevano e poi si ricoprivano delle pelli delle vittima per "rigenerarsi". Due altari sacrificali. Statue di pregevole fattura
Nei guai per la coca sulla tomba di Escobar
Nei guai per la coca sulla tomba di Escobar
Un giovane gallese ha vinto la scommessa fatta con un amico, ma aver sniffato cocaina sulla lapide del re dei narcos gli ha procurato parecchie grane con le autorità colombiane, e non solo
Bolsonaro promette di armare il Brasile
Bolsonaro promette di armare il Brasile
Nell’ultimo tweet prima dell’insediamento, il nuovo presidente brasiliano assicura che tutti i cittadini senza precedenti potranno possedere un’arma. Dalla cerimonia, chiare le prime indicazioni di politica internazionale