Bossi e Fonsi, basta fame in Venezuela

| L'artista spagnolo si schiera con un video a favore del presidente ad interim del Venezuela, Juan Guaid˛. Con lui molti altri artisti internazionali seguono con l'hashtag #TodosConGuaido

+ Miei preferiti
Anche il mondo dello spettacolo si mobilità per sostenere Guaidò, il presidente ad interim del Venezuela. In un video Miguel Bosé - che giorni fa aveva chiesto all'Alto commissario Onu per i diritti umani, Michelle Bachelet, di intervenire in Venezuela - dice che è arrivata l'ora di dire "basta alla miseria, basta alla fame, basta alla mancanza di libertà". Edgar Ramirez, l'attore venezuelano nominato a diversi premi internazionali, sostiene che "le violazioni dei diritti umani nel mio paese non possono durare nemmeno un altro giorno", mentre Fonsi - interprete della hit mondiale "Despacito" - dice ai manifestanti dell'opposizione: "siete un esempio di forza e di lotta per tutti noi". Lo spagnolo Miguel Bosé, il portoricano Luis Fonsi, il colombiano Juanes e altri big della musica e dello spettacolo in lingua spagnola hanno diffuso un video nel quale aderiscono alle proteste di piazza convocate dall'opposizione venezuelana, rilanciando l'hashtag #TodosConGuaido (tutti con Guaidò). 

    

Sudamerica
MADUR0 CHIUDE AEROPORTI E CONFINI
MADUR0 CHIUDE AEROPORTI E CONFINI
Il regime muove i primi passi per impedire ai VolontariosxVenezuela di accogliere cibo e medicinali al Venezuela stremato dalla fame. Maduro provoca: i bimbi del suo Paese muoiono di stenti e lui sfama i poveri colombiani
Maduro apre le porte alla Russia
Maduro apre le porte alla Russia
Cibo e medicinali dagli Usa fermi alle frontiere. Un primo cargo russo con gli aiuti atterrerÓ a Caracas. Sale la tensione, Guaid˛: "Le colonne entreranno in Venezuela". Trump ai militari: "Non vi opponete, Maduro via dal potere"
Venezuela: guerra civile pi¨ vicina
Venezuela: guerra civile pi¨ vicina
Il generale-ministro Padrino Lopez si schiera con Maduro e vuole bloccare con l'Esercito gli aiuti umanitari previsti il 23. Ma il presidente ad interim Guaid˛ non si piega: "Si, passeranno". E annuncia un quarto punto di raccolta
Sacche di sangue in vendita
Sacche di sangue in vendita
Nel Venezuela martoriato da fame e politica succede anche questo: in un ospedale pubblico viene chiesto alle famiglie dei ricoverati di pagare le sacche di sangue per le trasfusioni, e quando qualcuno riesce a donarlo, il plasma sparisce
Panama Papers: si stringe il cappio sulle attivitÓ offshore della cerchia di Maduro
Panama Papers: si stringe il cappio sulle attivitÓ offshore della cerchia di Maduro
Sulla scia dello scandalo internazionale, Ŕ diventato pi¨ difficile riciclare il denaro attraverso investimenti immobiliari per i venezuelani che grazie agli appoggi politici hanno messo da parte vere fortune
UN ESERCITO DI VOLONTARI
SFIDA L'ESERCITO DI MADURO
UN ESERCITO DI VOLONTARI<br>SFIDA L
Il presidente ad interim Guaid˛ al raduno dei VoluntariosXVenezuela: avranno il compito di far entrare nel Paese gli aiuti umanitari bloccati dal Regime il 23 febbraio. Maduro mobilita l'Esercito. Scontro finale
Caracas, i killer FAES fanno strage
Caracas, i killer FAES fanno strage
Maduro scatena le "squadre della morte" della FAES nelle strade del Paese per bloccare la protesta contro il regime. Avrebbero ucciso oltre 200 persone in pochi mesi. Raid nei quartieri che sostengono Guaid˛
Droga, ex diplomatica di Caracas nei guai
Droga, ex diplomatica di Caracas nei guai
Piantagione di matijuaba nella casa dell'ex consigliera diplomatica di Maduro nel Brandeburgo. Il suo status non Ŕ ancora stato chiarito dagli investigatori tedeschi. Arrestata la governante
MADURO TREMA
l'Esercito tratta con Guaid˛
MADURO TREMA<br>l
Aumenta la pressione di Europa, Usa e oltre 50 Paesi per nuove elezioni presidenziali. Il Costa Rica caccia i diplomatici di Maduro e si insedia l'ambasciatore nominato da Guaid˛. Italia ancora ambigua
"Non mi dimetto e salver˛ l'economia"
"Non mi dimetto e salver˛ l
Maduro vuole incontrare l'inviato Usa ma insulta Trump. Apre all'opposizione ma attacca Guaid˛. Non vuole aiuti umanitari ma forse aprirÓ i confini. Dittatore confuso. E un Tribunale Usa condanna un ex ministro chavista