Nei guai per la coca sulla tomba di Escobar

| Un giovane gallese ha vinto la scommessa fatta con un amico, ma aver sniffato cocaina sulla lapide del re dei narcos gli ha procurato parecchie grane con le autoritÓ colombiane, e non solo

+ Miei preferiti
Ufficialmente, le autorità cittadine di Medellìn non sono affatto felici dei “narcos tour” sui loghi che furono di Pablo Escobar, il temibile sovrano dei narcotrafficanti colombiani. Ma alla fine, avere un’icona pop fa comodo alle casse comunali, così tutti chiudono un occhio sul pellegrinaggio continuo e incessante di gente che arriva da ogni parte del mondo per rendere omaggio al “re della cocaina”. Ma c’è un limite a tutto, ed è quello che Steven Semmens, gallese di Swansea, 35 anni, ha superato. Era arrivato a Medellìn per fare visita alla ragazza colombiana che aveva messo incinta la scorsa estate a Ibiza, e non ha resistito alla tentazione di andare a vedere di persona la tomba di Escobar. Peccato che invece di limitarsi a scattare una foto o portare un fiore, come fanno quasi tutti, Steven ne abbia approfittato per vincere una scommessa fatta con un amico prima di partire: 200 sterline se hai il coraggio di sniffare cocaina sulla tomba di Escobar. Un giochetto da ragazzi, ha pensato Steven, che ha postato un video sul suo profilo in cui lo si vede sniffare direttamente dal marmo che copre la tomba del re del narcotraffico.

La condivisione ha fatto sì che a vederlo fossero anche le autorità colombiane, che dopo aver individuato Steven Semmens gli hanno notificato una denuncia e un decreto di espulsione immediata dal paese, con divieto di presentarsi ai confini per cinque anni. Ma non basta, perché il costo della bravata, che già così avrebbe superato di gran lunga le 200 sterline guadagnate, ha scatenato anche un’ondata di minacce di morte giunte dai social. “Sono diventato famoso di colpo e tutto questo è imbarazzante: c’è chi mi ferma per strada e mi chiede il perché, chi mi deride o mi insulta. Se dovessi perdere il lavoro per me diventerà praticamente impossibile trovarne un altro. So di aver deluso la mia famiglia e che diventerò causa di vergogna anche per i miei figli”.

Il giro dei luoghi di Medellìn che furono di “El patron” inizia in genere con “Mónaco”, l’edificio di sei piani in cui viveva la famiglia Escobar, nel 1988 bombardato dal cartello rivale di Cali, quindi la residenza “Nápoles”, anche questa utilizzata dalla famiglia e la “La Catedral”, la prigione privata e di lusso pensata e costruita da lui stesso per essere rinchiuso dopo un accordo raggiunto con il governo colombiano. Tappa d’obbligo il quartiere borghese in cui il 2 dicembre 1993 Pablo morì dopo un violento scontro a fuoco con la polizia nazionale colombiana e per finire il “Cemetario Jardines Montesacro” di Itagüí, a sud di Medellìn, dove Pablo Escobar è cresciuto e riposa accanto alle tombe dei suoi genitori e di altri parenti. O almeno ci prova.

Video
Galleria fotografica
Nei guai per la coca sulla tomba di Escobar - immagine 1
Nei guai per la coca sulla tomba di Escobar - immagine 2
Nei guai per la coca sulla tomba di Escobar - immagine 3
Nei guai per la coca sulla tomba di Escobar - immagine 4
Nei guai per la coca sulla tomba di Escobar - immagine 5
Nei guai per la coca sulla tomba di Escobar - immagine 6
Sudamerica
Uccisero Mariele, fu un delitto politico
Uccisero Mariele, fu un delitto politico
L'attivista brasiliana del Psol fu uccisa, secondi i giudici, da due mercenari per il suo impegno politico. Morý nell'agguato anche il suo autista. Il Psol chiede altre indagini. Assassinata da proiettili in dotazione alle forze dell'ordine
Italiano ucciso in Brasile
Italiano ucciso in Brasile
Carmelo Mario Calabrese, 69 anni, Ŕ stato ucciso a colpi di machete in una localitÓ nel nord del paese. La polizia segue la pista della rapina finita in tragedia
Strage di bambini in una scuola brasiliana
Strage di bambini in una scuola brasiliana
Due giovani, identificati pochi minuti fa, hanno fatto irruzione allĺora di inizio delle lezioni uccidendo 8 persone. Si sono tolti la vita prima dellĺarrivo della polizia. Infuria la polemica sul decreto libera armi di Bolsonaro
Disperazione Venezuela
mancano luce, acqua, gas e benzina
Disperazione Venezuela<br>mancano luce, acqua, gas e benzina
La gente di Caracas costretta a bere e lavarsi con l'acqua inquinata del fiume Guaire. Centinaia di bambini portatori. Ma per Maduro, per cui i grillini invocano la "neutralitÓ", la colpa Ŕ dei "gringos"
Blackout devasta il Venezuela
Blackout devasta il Venezuela
Le riserve di cibo nei frigoriferi buttate via, gente disperata ed esasperati. Pazienti morti negli ospedali rimasti senza energia. Trasporti paralizzati, paura e rabbia. Mauro: "Colpa degli Usa". Guard˛: "Tutti in piazza contro il regime"
Maduro vende l'oro del popolo venezuelano
Maduro vende l
I rappresentanti di Guaid˛ in Usa tentano di bloccare l'operazione ma Citibank non ha ancora chiarito se lo farÓ. A Caracas italiani preoccupati, opposizione in stallo. Maduro celebra Chavez e minaccia Guaid˛
Assassinata e sepolta in giardino
Assassinata e sepolta in giardino
Una 32enne che viveva nella cittÓ messicana di Tijuana scomparsa da un ventina di giorni, Ŕ stata ritrovata sepolta nel giardino della sua casa, dal padre: i sospetti della polizia locale sul figlio del compagno della donna
Guaidˇ: arrestarmi
sarebbe un colpo di stato
Guaidˇ: arrestarmi<br>sarebbe un colpo di stato
Il presidente ad interim annuncia che, in caso di arresto, scatterebbe una risposta internazionale senza precedenti. Nel sud del paese, nelle zone pi¨ impervie e sacre, la popolazione continua a lottare: ôDovranno ucciderci per fermarciö
"Avvelenati dal 'Soffio del Diavolo'", sospetti su 007 chavisti
"Avvelenati dal
Il parlamentare vicino a Guaid˛, Freddy Superlano Ŕ grave, morto il suo segretario. Erano in un ristorante di C¨cuta per il live-ad. Gli hanno versato scopolamina "Devil's Breat" o Burundanga nel cibo. Sospetti sul regime
"Caracas Ŕ tranquilla, sconfitto Guaid˛"
strage al confine: 25 morti
"Caracas Ŕ tranquilla, sconfitto Guaid˛"<br>strage al confine: 25 morti
Maduro alla guida di un'auto a Caracas ("non Ŕ successo nulla") ma i media rilanciano le immagini di violenze e uccisioni: 25 morti, 300 feriti. Guaid˛ incontra Pence: "Opzione militare non Ŕ pi¨ un tab¨". Dura condanna Onu