Strage di bambini in una scuola brasiliana

| Due giovani, identificati pochi minuti fa, hanno fatto irruzione all’ora di inizio delle lezioni uccidendo 8 persone. Si sono tolti la vita prima dell’arrivo della polizia. Infuria la polemica sul decreto libera armi di Bolsonaro

+ Miei preferiti
Di loro non si sa ancora molto: erano due ragazzi incappucciati, identificati come Guiherme Taucci Monteiro, di 17 anni, e Luiz Henrique de Castro, di 25, a quanto si apprende non ex allievi della scuola, ma in compenso ispirati dalle gesta di Wellington Menezes de Oliveira, il folle che il 7 aprile 2011 fece irruzione nella sua ex scuola media di Rio de Janeiro uccidendo 11 alunni.

Alle 7:00 del mattino (ora locale), i due hanno fatto irruzione alla “Escola Estadual Raul Brasil”, una scuola elementare di Suzano, citta di 300mila abitanti stato di San Paolo, iniziando a sparare all’impazzata. Gli insegnanti hanno barricato le porte delle aule facendo nascondere i bambini sotto i banchi: qualcuno è riuscito a fuggire dalle finestre dando l’allarme. Alla fine sono rimaste a terra dieci persone: 2 insegnanti, 6 studenti e i 2 killer, che si sarebbero sparati alla testa prima dell’intervento dei reparti speciali, giunti sul posto mezzora dopo l’inizio di quella che i media hanno già definito la “Columbine” brasiliana. Da aggiungere al conteggio finale anche 15 feriti, alcuni in gravi condizioni.

La polizia avrebbe rinvenuto un vero arsenale: una pistola calibro 38, un arco con delle frecce, esplosivi e bottiglie molotov, ma nulla che possa dare una spiegazione al folle gesto. Poco prima della strage, un’altra sparatoria è stata registrata a circa 500 metri dalla scuola, ma nella concitazione del momento non è ancora chiaro se i due episodi siano collegati.

Malgrado l’estrema violenza delle proprie strade, i “mass murder” scolastici che al contrario ammorbano la storia recente americana. In molti, in queste ore, puntano il dito sul decreto di liberalizzazione delle armi da fuoco voluto dal presidente Jar Bolsonaro: “Il decreto del governo federale indica un aumento del flusso di armi che entra nella società brasiliana, dove ci sono già indicatori di violenza molto elevati: 45.000 persone muoiono ogni anno a causa delle armi da fuoco. Pertanto, qualsiasi provvedimento legislativo o esecutivo che aumenti il numero di armi in circolazione genererà invariabilmente questo tipo di conseguenze. Aspettiamoci altri morti”.

Galleria fotografica
Strage di bambini in una scuola brasiliana - immagine 1
Strage di bambini in una scuola brasiliana - immagine 2
Sudamerica
Uccisero Mariele, fu un delitto politico
Uccisero Mariele, fu un delitto politico
L'attivista brasiliana del Psol fu uccisa, secondi i giudici, da due mercenari per il suo impegno politico. Morì nell'agguato anche il suo autista. Il Psol chiede altre indagini. Assassinata da proiettili in dotazione alle forze dell'ordine
Italiano ucciso in Brasile
Italiano ucciso in Brasile
Carmelo Mario Calabrese, 69 anni, è stato ucciso a colpi di machete in una località nel nord del paese. La polizia segue la pista della rapina finita in tragedia
Disperazione Venezuela
mancano luce, acqua, gas e benzina
Disperazione Venezuela<br>mancano luce, acqua, gas e benzina
La gente di Caracas costretta a bere e lavarsi con l'acqua inquinata del fiume Guaire. Centinaia di bambini portatori. Ma per Maduro, per cui i grillini invocano la "neutralità", la colpa è dei "gringos"
Blackout devasta il Venezuela
Blackout devasta il Venezuela
Le riserve di cibo nei frigoriferi buttate via, gente disperata ed esasperati. Pazienti morti negli ospedali rimasti senza energia. Trasporti paralizzati, paura e rabbia. Mauro: "Colpa degli Usa". Guardò: "Tutti in piazza contro il regime"
Maduro vende l'oro del popolo venezuelano
Maduro vende l
I rappresentanti di Guaidò in Usa tentano di bloccare l'operazione ma Citibank non ha ancora chiarito se lo farà. A Caracas italiani preoccupati, opposizione in stallo. Maduro celebra Chavez e minaccia Guaidò
Assassinata e sepolta in giardino
Assassinata e sepolta in giardino
Una 32enne che viveva nella città messicana di Tijuana scomparsa da un ventina di giorni, è stata ritrovata sepolta nel giardino della sua casa, dal padre: i sospetti della polizia locale sul figlio del compagno della donna
Guaidó: arrestarmi
sarebbe un colpo di stato
Guaidó: arrestarmi<br>sarebbe un colpo di stato
Il presidente ad interim annuncia che, in caso di arresto, scatterebbe una risposta internazionale senza precedenti. Nel sud del paese, nelle zone più impervie e sacre, la popolazione continua a lottare: “Dovranno ucciderci per fermarci”
"Avvelenati dal 'Soffio del Diavolo'", sospetti su 007 chavisti
"Avvelenati dal
Il parlamentare vicino a Guaidò, Freddy Superlano è grave, morto il suo segretario. Erano in un ristorante di Cùcuta per il live-ad. Gli hanno versato scopolamina "Devil's Breat" o Burundanga nel cibo. Sospetti sul regime
"Caracas è tranquilla, sconfitto Guaidò"
strage al confine: 25 morti
"Caracas è tranquilla, sconfitto Guaidò"<br>strage al confine: 25 morti
Maduro alla guida di un'auto a Caracas ("non è successo nulla") ma i media rilanciano le immagini di violenze e uccisioni: 25 morti, 300 feriti. Guaidò incontra Pence: "Opzione militare non è più un tabù". Dura condanna Onu
Ecco perché i venezuelani muoiono di fame
Ecco perché i venezuelani muoiono di fame
Il paniere di base 550 mila bolivares per vivere un mese, in tasca solo 18000 cioè lo stipendio minimo di Maduro. Inflazione annua oltre il 1.000.000 per cento. Il salario basta per un paio di giorni