Venezuela, l'Italia di Conte desaparecida

| Francia, Spagna. Inghilterra e Germania riconoscono la presidenza di Juan Guaid˛. L'Italia non c'Ŕ. Il premier spagnolo: "Subito nuove elezioni". I russi: "Gli Usa vogliono opzione militare. Richiamo di Mattarella: "Unione con gli alleati"

+ Miei preferiti

L’Italia come Ponzio Pilato, tra il regime chavista agonizzante e la speranza di un Venezuela democratico, se ne lava le mani, appoggiando così in modo neanche troppo indiretto, Maduro. Anche se  il presidente Mattarella ammonisce, per quelle che sono le sue prerogative, il governo giallo-verde: ""Non ci può essere incertezza nè esitazione nella scelta tra la volontà popolare e la richiesta di autentica democrazia da un lato e dall'altro la violenza della forza", dice il presidente della Repubblica chiedendo "senso di responsabilità e chiarezza in Italia per il Venezuela su una linea condivisa con gli alleati e i partner europei". Maduro invece scrive al Papa.  "Ho inviato una lettera a papa Francesco- ha detto in una intervista a Sky TG24 - spero che sia in viaggio o che sia arrivata a Roma, al Vaticano, dicendo che io sono al servizio della causa di Cristo. E con questo spirito gli ho chiesto aiuto, in un processo di facilitazione e di rafforzamento del dialogo, come direzione. Io chiedo al Papa che produca il suo miglior sforzo, la sua volontà per aiutarci nella strada del dialogo. Speriamo di ricevere una risposta positiva". E oggi il ministro degli Esteri francese, Jean-Yves Le Drian, ha riconosciuto la legittimità di Juan Guaido. "Consideriamo che Juan Guaido abbia la legittimità per indire delle elezioni presidenziali", ha dichiarato Le Drian ai microfoni di France Inter, aggiungendo: "Il popolo è in strada, il popolo vuole il cambiamento”.

Anche il premier spagnolo Pedro Sanchez ha annunciato che la Spagna "riconosce ufficialmente Juan Guaidò come presidente legittimo del Venezuela". "Nelle prossime ore - ha proseguito il premier spagnolo - mi metterò in contatto con i governi europei e latinoamericani che vogliono unirsi" a questo riconoscimento. "Guaidò deve convocare il prima possibile elezioni libere perchè il popolo del Venezuela deve poter decidere del proprio futuro. La comunità internazionale dovrà rispettare il risultato e verificare questo processo", ha concluso Sanchez. infine La Gran Bretagna che "assieme con i suoi alleati europei riconosce Juan Guaidò come presidente ad interim del Venezuela fino a quando si potranno tenere elezioni credibili". Lo ha annunciato il ministro degli Esteri britannico Jeremy Hunt. "Nicolas Maduro non ha convocato le elezioni presidenziali entro il limite di otto giorni che avevamo stabilito", ha sottolineato il ministro augurandosi che questa riconoscimento "ci porti più vicini alla fine di questa crisi umanitaria”. Attesa una dichiarazione analoga della Germania. L’Italia grillina ha imposto al governo e al premier di non schierarsi, bloccando così il riconoscimento a livello UE, votando contro la proposta. E il ministro degli Esteri Moavero? Non pervenuto.

La dichiarazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sulla possibilità di usare la forza in Venezuela "mina tutti i principi di base del diritto internazionale", dice il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov, citato dalla Tass. "Gli Stati Uniti non fanno mistero del fatto che vogliono ottenere un cambio di regime a qualunque costo", ha sottolineato poi il ministro.

 
 

Sudamerica
MADUR0 CHIUDE AEROPORTI E CONFINI
MADUR0 CHIUDE AEROPORTI E CONFINI
Il regime muove i primi passi per impedire ai VolontariosxVenezuela di accogliere cibo e medicinali al Venezuela stremato dalla fame. Maduro provoca: i bimbi del suo Paese muoiono di stenti e lui sfama i poveri colombiani
Maduro apre le porte alla Russia
Maduro apre le porte alla Russia
Cibo e medicinali dagli Usa fermi alle frontiere. Un primo cargo russo con gli aiuti atterrerÓ a Caracas. Sale la tensione, Guaid˛: "Le colonne entreranno in Venezuela". Trump ai militari: "Non vi opponete, Maduro via dal potere"
Venezuela: guerra civile pi¨ vicina
Venezuela: guerra civile pi¨ vicina
Il generale-ministro Padrino Lopez si schiera con Maduro e vuole bloccare con l'Esercito gli aiuti umanitari previsti il 23. Ma il presidente ad interim Guaid˛ non si piega: "Si, passeranno". E annuncia un quarto punto di raccolta
Sacche di sangue in vendita
Sacche di sangue in vendita
Nel Venezuela martoriato da fame e politica succede anche questo: in un ospedale pubblico viene chiesto alle famiglie dei ricoverati di pagare le sacche di sangue per le trasfusioni, e quando qualcuno riesce a donarlo, il plasma sparisce
Panama Papers: si stringe il cappio sulle attivitÓ offshore della cerchia di Maduro
Panama Papers: si stringe il cappio sulle attivitÓ offshore della cerchia di Maduro
Sulla scia dello scandalo internazionale, Ŕ diventato pi¨ difficile riciclare il denaro attraverso investimenti immobiliari per i venezuelani che grazie agli appoggi politici hanno messo da parte vere fortune
UN ESERCITO DI VOLONTARI
SFIDA L'ESERCITO DI MADURO
UN ESERCITO DI VOLONTARI<br>SFIDA L
Il presidente ad interim Guaid˛ al raduno dei VoluntariosXVenezuela: avranno il compito di far entrare nel Paese gli aiuti umanitari bloccati dal Regime il 23 febbraio. Maduro mobilita l'Esercito. Scontro finale
Caracas, i killer FAES fanno strage
Caracas, i killer FAES fanno strage
Maduro scatena le "squadre della morte" della FAES nelle strade del Paese per bloccare la protesta contro il regime. Avrebbero ucciso oltre 200 persone in pochi mesi. Raid nei quartieri che sostengono Guaid˛
Droga, ex diplomatica di Caracas nei guai
Droga, ex diplomatica di Caracas nei guai
Piantagione di matijuaba nella casa dell'ex consigliera diplomatica di Maduro nel Brandeburgo. Il suo status non Ŕ ancora stato chiarito dagli investigatori tedeschi. Arrestata la governante
MADURO TREMA
l'Esercito tratta con Guaid˛
MADURO TREMA<br>l
Aumenta la pressione di Europa, Usa e oltre 50 Paesi per nuove elezioni presidenziali. Il Costa Rica caccia i diplomatici di Maduro e si insedia l'ambasciatore nominato da Guaid˛. Italia ancora ambigua
"Non mi dimetto e salver˛ l'economia"
"Non mi dimetto e salver˛ l
Maduro vuole incontrare l'inviato Usa ma insulta Trump. Apre all'opposizione ma attacca Guaid˛. Non vuole aiuti umanitari ma forse aprirÓ i confini. Dittatore confuso. E un Tribunale Usa condanna un ex ministro chavista