Questa piccola grande polemica

| Dopo le parole di Baglioni, la direttrice di Rai 1 lo liquida e Salvini lo stuzzica. Il Festival è pronto a partire

+ Miei preferiti
Luci su Sanremo, si va in scena: Baglioni Claudio, di professione uomo di musica prestato alla tivù, prende la parola durante la presentazione alla stampa del Festival numero 69 e spara a zero sul governo e su come sta trattando la questione dei migranti parcheggiati nel Mediterraneo per due settimane.

Accanto a lui siede De Santis Teresa, neo direttore di Rai 1, ex vice di Del Noce Fabrizio finita per anni nel limbo di Televideo, quella cosa che ormai non guardano neanche più i pensionati per scoprire i numeri del Lotto. È dalle sue labbra che qualcuno sente la frase “Mai più all’Ariston se ci sono io”, decretando la fine dell’era Baglioni, al suo secondo e ultimo Festival.

La signora sceglie il sito “Dagospia” per dare una spiegazione: “Dal momento della mia nomina ho scelto di lavorare in silenzio perché è un lavoro difficile, sono arrivata a campionato inoltrato con scelte fatte da altri secondo le ferree regole dei palinsesti. Perdere tempo a chiacchierare, secondo il mio modo di vivere e pensare, non dimostra serietà. A quanto pare è impossibile, nel clima avvelenato del nostro Paese, e la vicenda della conferenza stampa di Sanremo lo dimostra. Sono solo canzonette, o almeno dovrebbero esserlo, una settimana di svago e spettacolo nazionale. Invece, e non solo per responsabilità di Claudio Baglioni, sono state trasformate nel solito comizio. Quello che penso lo dirò al momento opportuno. Per il momento mi preme ricordare che Rai 1 si chiama rete ammiraglia perché è la rete più importante e produttiva dell'azienda, guai ad attaccarla senza sapere che ci rimette l'intera Rai. Mi preme anche ricordare a te, dato che ci conosciamo da quarant'anni, che io sono sempre criticabile come tutti quelli che lavorano con una pubblica esposizione, ma “direttore in quota Isoardi” non me lo puoi dire perché conosci la mia storia (quarantennale) di giornalista e dirigente. A suo tempo (16 anni fa) fui io ad assumere Elisa Isoardi, una ragazza che naturalmente nemmeno sapeva chi fosse Matteo Salvini, e che reputo ieri come oggi una brava professionista”.

Nel siparietto che scalda l’attesa delle canzoni non può mancare Salvini Matteo, uno che non sa resistere alle risse: “Baglioni? Canta che ti passa, lascia che di sicurezza, immigrazione e terrorismo si occupi chi ha il diritto e il dovere di farlo”.

Poi arrivano i social, terreno dove notoriamente agiscono gli eroi del nickname: Baglioni viene minacciato, insultato e invitato ad accogliere i 49 migranti a casa sua, a Lampedusa. Pubblicità.

Televisione
Il #MeToo dell'ex conduttrice Rai
Il #MeToo dell
"Non ho più lavorato per 14 anni per avere detto un 'no' a un dirigente della Rai, a 44 anni si sono ritrovata senza lavoro"
Sky e Premium-Mediaset, unione da definire
Sky e Premium-Mediaset, unione da definire
Ancora luci e ombre su un'operazione iniziata mesi fa e ora vicina alla conclusione. Ma che fine faranno gli abbonati Premium?
Samsung, rivoluzione tv 8k
Samsung, rivoluzione tv 8k
Grandi come un letto, in grado di occupare l'intera parete di un salotto, costo non meno di 12 mila euro. Il modello base parte da 65 pollici e offre su display di grandi dimensioni, una visione di eccezionale qualità. Addio vecchi 4k
La star della tv è un ex galeotto
La star della tv è un ex galeotto
Duane "Dog" Chapman, 65 anni, star della serie "Dog The Bounty Hunter" è stato in prigione 35 anni anni fa, complice di un omicidio in Texas. Ha 12 figli e 5 e molto denaro. "Mi perseguita il passato". Fan sconcertati
La soap opera più sanguinaria del mondo
La soap opera più sanguinaria del mondo
Nella serie tv britannica Coronation Street in un sono morti 181 personaggi, per lo più uccisi ma anche vittime di incidenti bizzarri o di malattie anche rare. Ma è la più seguita del regno, dal 1960
Sandro Mayer se n’è andato
Sandro Mayer se n’è andato
Si è spento a 77 anni in un'ospedale romano uno dei pochi direttori di giornali capace di vendite oggi impensabili. Un volto noto della televisione, amo dal pubblico e dai colleghi
Monica Lewinsky, 23 anni dopo
Monica Lewinsky, 23 anni dopo
Inseguita dagli echi di uno scandalo di cui fu protagonista alla metà degli anni Noventa, l’ex stagista ha parole gentili verso la moglie la figlia di Bill Clinton, ma meno per lui