New York, la città del pisolino-bar

| Per 25 dollari si ha diritto a 45 minuti in un letto, con tutto l’occorrente compreso nel prezzo. È l’idea di un’azienda che produce materassi, ormai pronta a invadere gli aeroporti

+ Miei preferiti
Forse, a conti fatti, non hanno tutti i torti: a New York, la città che per definizione non dorme mai, può avere un senso aprire un posto dove offrire alla gente un po’ di sano riposo. È quanto promesso da “The Dreamery”, il primo ‘nap bar’ di New York, aperto nel modaiolo quartiere di Soho da “Casper”, brand specializzato nei materassi diffusissimo in tutti gli States per un comodissimo materasso dal costo accettabile. Nella mente di Neil Parikh, direttore operativo di Casper, il primo passo di quello che viene definito il “business del sonno”, non a caso aperto nella frenetica New York, per di più del very trendy quartiere di Soho, al 196 di Mercer Street.

Non uno showroom, ma una vera e propria esperienza del brand, che mette a disposizione di chiunque, alla modica cifra di 25 dollari per 45 minuti di riposo assoluto, materassi, cuscini, federe e lenzuola. Nel paradiso del riposino si viene accolti da un tunnel blu notte disseminato di lucine che ricordano le notti più stellate: da lì si accede alla reception, dove è possibile noleggiare il set personale (pigiama, kit per il bagno, maschera per gli occhi, tappi per le orecchie). Per conciliare il sonno è a disposizione una libreria in cui scegliere, ovviamente, un libro dalla trama pesantissima, di quelli che fanno dormire solo leggendo il titolo.

Passaggio nella cabina spogliatoio per cambiarsi, struccarsi e prepararsi, per poi passare nella sala del sonno, con una decina di cabine dalla forma circolare, con letto matrimoniale, abat-jour e ripiano per gli effetti personali, garantiscono privacy e attenuano i rumori. Poche le limitazioni, alcune decisamente ironiche: “Non abbiamo regole, tranne se ti viene voglia di cantare un’opera lirica o esibirti in un monologo, preferiremmo che lo facessi nella tua testa”. A tempo scaduto, una luce soffusa si accende in modo graduale per favorire un risveglio dolce.

Non è una vera novità, sia chiaro: in Giappone i “nap bar” (nap è il termine inglese per indicare il riposino) esistono già da tempo. Ma Casper pensa in grande: di recente ha chiuso degli accordi con la “American Airlines” per occuparsi dei passeggeri di First e Business sui voli intercontinentali e nelle lounge degli aeroporti.

Galleria fotografica
New York, la città del pisolino-bar - immagine 1
New York, la città del pisolino-bar - immagine 2
New York, la città del pisolino-bar - immagine 3
New York, la città del pisolino-bar - immagine 4
New York, la città del pisolino-bar - immagine 5
New York, la città del pisolino-bar - immagine 6
New York, la città del pisolino-bar - immagine 7
Tendenze
Ha sposato un ologramma ed è felice
Ha sposato un ologramma ed è felice
Un 35enne giapponese s'è unito in matrimonio con la cyber star Hatsune Miku. Cerimonia non riconosciuta ma l'episodio preoccupa. Primi segni dell'innamoramento digitale: dire grazie a Siri
YND239-20, un mondo in bianco e nero
YND239-20, un mondo in bianco e nero
È come entrare in un fumetto in 2D: tutto è disegnato a mano, compresi piatti e bicchieri. In poco tempo, è diventato uno dei locali più amati di Seul
Camping? No, Glamping
Camping? No, Glamping
Il campeggio 2.0, votato al lusso ecosostenibile. Fra le proposte più curiose, strutture uguali ai carri dei pionieri della frontiera americana, ma dotate di ogni confort
Professore uomo o donna? Non si sa
Professore uomo o donna? Non si sa
IL pro-rettore dell'Università tedesca di Rostock a volte si veste, cammina e si trucca come una donna, a volte da uomo. "Si chiama crossdressing ma io mi sento un uomo". Stupore di studenti e colleghi
il segreto di Banana Girl che vive nella giungla
il segreto di Banana Girl che vive nella giungla
La modella australiana Leanne Ratcliffe, vegana e YouTuber, ha lasciato il Queensland per la giungla. Mangia solo frutta e ortaggi e decine di banane. Via rasoi, cosmetici, vestiti. "Vivo per me stessa"
Londra, è caccia al tetto
Londra, è caccia al tetto
Una società che punta a realizzare stazioni per droni e taxi volanti sta acquistando decine di rooftop della capitale inglese
Per chi ama le grigliate notturne
Per chi ama le grigliate notturne
Nello stato di New York, una macelleria ha inaugurato una vending machine che vende carne di ogni tipo 24 ore su 24
Bruci la città (anzi il deserto)
Bruci la città (anzi il deserto)
In realtà, a bruciare è un pupazzo in legno che rappresenta il momento conclusivo di un esperimento di società all'insegna della massima libertà. A parte i quasi 400 dollari dollari di iscrizione
Quest’estate non cambiare, c’è tanto da dimenticare
Quest’estate non cambiare, c’è tanto da dimenticare
Stilata la classifica degli oggetti dimenticati dagli italiani sulla spiaggia: un campionario infinito di stranezze su cui svettano, da sempre, gli occhiali
Quelli che vogliono lo scolapasta in testa
Quelli che vogliono lo scolapasta in testa
È una battaglia legale che la sacerdotessa del culto dei pastafariani, sta combattendo con la UE